Zucco di Pesciola - Spigolo dei Bergamaschi

 
Zona montuosa Alpi Orobie LocalitÓ di partenza Loc. Ceresola - Valtorta (BG)
Quota partenza

1340 Mt.

Quota di arrivo 2092 Mt.
Dislivello totale

+439 Mt. circa dal parcheggio al rif. Lecco
+165 Mt. circa dal rifugio all'attacco
+110 Mt. la via +38 Mt. per la cima
(135 lo sviluppo + un tratto della cresta Ongania)

Sentieri utilizzati Strada che conduce al rif. Lecco
Ore di salita 1 h. dal parcheggio al rifugio
20' dal rifugio all'attacco
3 h. la via
Ore di discesa 1 h. 45' dalla vetta al parcheggio
Esposizione Nord Giudizio sull'ascensione Bella
Data di uscita 23/08/2009 Difficoltà IV, IV+
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.

Amici presenti

Sergio.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

La giornata è stata abbastanza buona anche se caratterizzata da nuvole basse che "andavano e venivano". Il sentiero che conduce all'attacco è in ottimo stato e ben segnalato. La roccia in via è ottima.

Eventuali pericoli

Soliti d'arrampicata in ambiente. Prestare attenzione alle terrazze detritiche dove Ŕ facile smuovere sassi.
Presenza di acqua

Al parcheggio prima di partire e poi al rifugio Lecco.

Punti di appoggio
Rifugio Lecco (1779 Mt.).
Materiale necessario oltre al tradizionale

Solito da arrampicata. Via riattrezzata con fittoni resinati. Inutili friends, nuts e chiodi.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Lo Spigolo dei Bergamaschi si snoda lungo un pilastro dello Zucco di Pesciola e ne raggiunge la vetta mediante la Cresta Ongania.
L'esposizione è a nord per cui fino a tarda primavera è possibile trovare della neve sia all'attacco che lungo alcuni punti della via. L'itinerario è stato richiodato con dei fittoni resinati (presenti comunque dei vecchi chiodi) e le soste sono tutte dotate di catena per l'eventuale calata in doppia. Raggiunta la cresta la discesa in doppia diviene più laboriosa.
Attacco, descrizione della via

Dal parcheggio alla base degli impianti di risalita di Ceresola di Valtorta ci si incammina, inizialmente su asfalto, in direzione del rifugio Lecco. Arrivati al rifugio, risalire il vallone dei Camosci seguendo il sentiero più basso. Guardando la costa rocciosa sulla destra si identificheranno diversi torrioni. Lo spigolo dei Bergamaschi corre lungo il terzo torrione (contare da destra). Superare dei grossi massi nel centro del vallone, poi risalire sul versante opposto per prati e ghiaie verticali sino a raggiungere la base del pilastro. Sulla sinistra è presente un grande camino molto aperto alla cui base si trova l'attacco (scritta nera "Spigolo Berg.").
Sulla destra del pilastro invece si trova una placca appoggiata dove corre la via Bramani/Fasana.


1° tiro:
salire verticalmente la placca stando sulla destra dove una fessura concede dei buoni appigli. Proseguire poi lungo il filo dello spigolo sino alla sosta. Il percorso è evidente anche per via della chiodatura abbondante. 30 Mt., IV+, IV, III, 7/8 fittoni.

2° tiro:
salire in verticale lungo rocce rotte. Obliquare un po' a sinistra per poi risalire sino alla cengia erbosa dove si trova la sosta.
30 Mt., III, IV-, 3 fittoni.

3° tiro:
rimontare i gradini rocciosi, traversare a destra sino a raggiungere la base dell'evidente diedro oltre il quale si trova la sosta.
30 Mt., III, IV, passi di IV+, 5 fittoni.

4° tiro:
traversare a destra per circa 3 metri e salire per un camino che conduce in cresta. Attrezzare la sosta su di uno spuntone con clessidra. Eventualmente è possibile sostare su di un fittone appena usciti in cresta. 45 Mt., IV, III-, 3 fittoni.

Da qui proseguire lungo la Cresta Ongania sino in vetta. Sono possibili numerose varianti (difficoltà di IV e V mai troppo obbligato).
Il percorso è comunque di facile intuizione.
Discesa
Dalla vetta imboccare il sentiero di discesa (ben visibile, in direzione opposta rispetto al rif. Lecco) che conduce alla Bocchetta di Pesciola dalla quale si scende nel canalone a sinistra (spesso innevato sino a stagione inoltrata). In poco tempo si arriva alla base della parete.
Percorrere poi a ritroso gli stessi sentieri utilizzati per l'avvicinamento.

Commenti vari

In questa uscita era presente Sergio un nostro amico ancora "vergine" d'arrampicata. Un modo anomalo ma decisamente originale e simpatico per salutarlo visto il suo imminente trasferimento (definitivo) in Australia.

Altre ripetizioni
Il 8 luglio 2017 Luca ha ripetuto l'itinerario da solo senza autosicura.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca e Sergio all'attacco della via

Sergio e Matteo sulla placca della prima lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

A sinistra Luca e a destra Sergio impegnati sul diedro della terza lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Sergio in un momento di euforia a pochi metri dalla vetta

Ultima variante difficile, tanto per dare il colpo di grazia a Sergio

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Sergio e Matteo sull'ultimo tiro

In vetta con la Madonnina che ha vegliato sulla nostra salita

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Uno strano vaso

Lo Zucco di Pesciola con i tracciati delle vie:
da sinistra
Bramani, Gasparotto, Casari/Zecca, Ga.Mi. 2,
Spigolo dei Bergamaschi
e Bramani/Fasana

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.