Zucco di Pesciola - Via Casari/Zecca

 
Zona montuosa Alpi Orobie LocalitÓ di partenza Loc. Ceresola - Valtorta (BG)
Quota partenza

1340 Mt.

Quota di arrivo 2092 Mt.
Dislivello totale

+439 Mt. circa dal parcheggio al rif. Lecco
+163 Mt. circa dal rifugio all'attacco
+150 Mt. la via (165 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati Strada che conduce al rif. Lecco
Ore di salita 1 h. dal parcheggio al rifugio
30' dal rifugio all'attacco
1 h. 30' la via
Ore di discesa 1 h. 45' dalla vetta al parcheggio
Esposizione Nord Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita 28/08/2010 Difficoltà V-, V
Sass Balòss presenti
Bertoldo.

Amici presenti

Davide, Luigi.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

La giornata è stata stupenda. I sentieri che si utilizzano per raggiungere l'attacco sono molto evidenti. La roccia è ottima tranne nelle ultime lunghezze dov'è richiesta un po' d'attenzione. Prestare attenzione a non smuovere sassi dai vari terrazzi detritici.

Eventuali pericoli

Soliti d'arrampicata in ambiente. La variante dei Bergamaschi è più esposta delle altre alla caduta di eventuali sassi.
Presenza di acqua

Al parcheggio prima di partire e poi al rifugio Lecco.

Punti di appoggio
Rifugio Lecco (1779 Mt.).
Materiale necessario oltre al tradizionale

Solito da arrampicata. La via Ŕ attrezzata con fittoni resinati vicini. Inutili friends, nuts e chiodi.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
La via Casari/Zecca sale lungo la Quarta Torre dello Zucco di Pesciola. L'esposizione è a nord per cui fino a tarda primavera è possibile trovare neve sia all'attacco che lungo alcuni punti della via. La via è stata
riattrezzata con fittoni resinati. Le soste sono tutte su due fittoni ed alcune hanno anche la catena con anello per l'eventuale calata in doppia.
La via parte dalla grande terrazza che divide la parete. Per risalire il primo salto roccioso ci sono tre possibilità.
1: la via Comune (che abbiamo seguito salendo la via Gasparotto);
2: la variante Diretta delle Guide (che abbiamo seguito salendo la via Bramani);
3: la variante dei Bergamaschi (che abbiamo seguito salendo la via Casari/Zecca e quindi descritta in questa relazione).
Attacco, descrizione della via
Dal parcheggio alla base degli impianti di risalita di Ceresola di Valtorta ci si incammina, inizialmente su asfalto, in direzione del rifugio Lecco. Arrivati al rifugio, si risale il vallone dei Camosci seguendo il sentiero più basso. Si prosegue circa fino ad allinearsi con l'ultimo impianto di risalita presente. Guardando la parete opposta all'impianto, perpendicolarmente allo stesso, si nota un grosso masso con un lato triangolare. Si risale il ghiaione puntando a questo grosso masso, e una volta raggiunto, ci si sposta verso destra entrando in un canalino che si segue sino all'attacco (fittone + scritta "variante bergamaschi").

1° tiro - "variante dei Bergamaschi":
salire nel canale a destra dell'attacco per pochi metri. Entrare nel camino a sinistra, risalirlo, e continuare sfruttando delle fessurine e poi una placchetta sino a raggiungere la sosta (2 fittoni+catena con anello, 1 anellone cementato). 45 Mt., V-, V, III, 2 chiodi, 6 fittoni.

2° tiro:
raggiungere facilmente la grande cengia ed avvicinarsi alla parete. Traversare a destra sino alla base di un bellissimo diedro fessurato e molto verticale dove si trova la sosta (2 fittoni, scritta nera "casari zecca"). Più a sinistra si trovano gli attacchi delle vie Gasparotto e Bramani; più a destra della Ga.Mi. 2. 20 Mt., III, II.

3° tiro - "via Casari/Zecca":
alzarsi verso destra raggiungendo il diedro e seguirlo. Dopo un passo in leggero strapiombo il diedro si allarga a canale. Si prosegue sino ad una comoda terrazza erbosa dove si sosta (2 fittoni+catena con anello, 1 chiodo cementato vicino). E' possibile dividere il tiro in 2 sfruttando la sosta intermedia (2 fittoni+catena con anello).
50 Mt., V-, V, 11 fittoni, 1 chiodo a pressione, 1 sosta intermedia (2 fittoni+catena con anello).

4° tiro:
traversare brevemente a destra raggiungendo un caminetto oltre il quale si prosegue per risalti erbosi leggermente verso destra sino un comodo punto di sosta (2 fittoni). 25 Mt., IV+, III, 1 chiodo, 4 fittoni.

5° tiro:
in verticale per rocce lavorate si raggiunge l'ultima sosta (2 fittoni+catena con anello). 25 Mt., III, IV, 4 fittoni.

Risalire i gradoni verso destra per circa 20 metri sino alla vetta.
Discesa
Dalla vetta imboccare il sentiero di discesa (ben visibile, in direzione opposta rispetto al rif. Lecco) che conduce alla Bocchetta di Pesciola dalla quale si scende nel canalone a sinistra (spesso innevato sino a stagione inoltrata). In poco tempo si arriva alla base della parete.
Percorrere poi a ritroso gli stessi sentieri utilizzati per l'avvicinamento.

Note

La variante dei Bergamaschi resta a lungo bagnata dopo piogge.
Commenti vari
Prima di arrampicare si è tenuto un aggiornamento degli istruttori impegnati nel prossimo Corso di Roccia della Scuola d'Alpinismo Valle Seriana.
Altre ripetizioni

Luca, Ivan, Flavio e Francesco il 10/09/2011 durante il Corso Roccia della Scuola d'Alpinismo Valle Seriana.
Luca, Daniele, Gianfranco, Silvia e Tommaso 6/09/2015 durante il Corso Roccia della Scuola d'Alpinismo Valle Seriana.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Da sinistra Lugi, Claudio, Massimiliano, Marco e Davide

Il gruppo

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Bertoldo impegnato a spiegare i nodi di giunzione

Luigi sale il bellissimo diedro che caratterizza la via

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Davide sempre nell'estetico diedro

Luigi alla terza sosta

   

Ingrandisci

Lo Zucco di Pesciola con i tracciati delle vie:
da sinistra
Bramani, Gasparotto, Casari/Zecca, Ga.Mi. 2, Spigolo dei Bergamaschi e Bramani/Fasana

 

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.