Coste dell'Anglone/Piramide Lakshmi - Via La Bellezza di Venere

Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle del Sarca LocalitÓ di partenza Località Oltra - Dro (TN)
Quota partenza 130 Mt. circa Quota di arrivo 460 Mt. circa
Dislivello totale

+95 Mt. circa per l'attacco
+235 Mt. la via (370 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati n. 425
Ore di salita 15' per l'attacco
3 h. la via
Ore di discesa 35'
Esposizione Est Giudizio sull'ascensione Sufficiente
Data di uscita 31/05/2015 Difficoltà IV, IV+ (V+, VI uscita originale)
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Amici presenti

Beppe.

Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata nuvolosa. Il sentieri che si percorrono sono molto evidenti. Il sentiero di discesa presenta dei tratti attrezzati con fune metallica. La roccia in via è ottima.

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Normale materiale per arrampicata su roccia. Inutili friends e dadi. Qualche cordino per le soste ed eventuali clessidre se il cordone in loco non fosse affidabile.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Questo itinerario è stato aperto l'1 marzo 2008 da Heinz Grill e Sigfrid Königseder. Il giorno successivo gli stessi apritori, questa volta accompagnati anche da Franz Heiss e Florian Kluckner, hanno ripetuto l'itinerario tracciando una variante d'uscita più semplice: quella che verrà denominata "uscita comune". Con questa soluzione si tratta probabilmente della via più facile di questa parete. Arrampicata principalmente su belle placche di aderenza ma comunque abbastanza varia. La via è ben pulita dalla vegetazione e ben protetta con clessidre e fix. Adatta ai principianti.
Attacco, descrizione della via
Da Arco di Trento risalire la Valle del Sarca. Superare Ceniga ed entrare in Dro, poi raggiungere il campo sportivo in località Oltra e parcheggiare. Incamminarsi lungo l'evidente strada forestale ed in breve raggiungere un bivio al quale si svolta a destra in direzione di Pietramurata. Camminare per circa 10 minuti sino ad una sbarra. Sulla sinistra si trova un evidente ometto. Risalire il ghiaione seguendo il sentiero sino alla base della parete. Spostarsi a destra fino ad individuare l'attacco (scritta azzurra).
Più a sinistra attaccano la vie Il Mercurio serpeggiante e La Luna argentea; poco oltre la via Te lo do io il Colorado.

1░ tiro:
salire per rocce gradinate senza difficoltà e poi placchetta fino al terrazzino di sosta (1 fix+1 fix con anello). 55 Mt., III, II, 1 fix.

2° tiro:
spostarsi leggermente a sinistra, superare un muretto articolato e proseguire ritornando gradatamente verso destra fino alla sosta (1 fix con anello+1 clessidra con cordoni). 50 Mt., IV-, 1 chiodo, 1 clessidra con cordone.

3° tiro:
salire per facili placchette e poi puntare a destra ad un comodo terrazzo con sosta (1 fix+1 fix con anello).
30 Mt., IV, II, 4 clessidre con cordone.

4° tiro:
salire tenendosi sulla placca a sinistra di un canalino e rientrare quando questo si trasforma in diedro. Salire qualche metro poi, con un passaggio di aderenza verso destra, si raggiunge la sosta (1 fix con anello+1 chiodo+fettuccia).
40 Mt., III, IV+, 4 clessidre con cordone, 2 fix.

5° tiro:
salire la placchetta sul lato destro del diedro raggiungendo una cengia. Traversare lungamente a destra, poi salire in verticale sino in cima ad un pilastrino (1 fix con anello). 45 Mt., IV+, IV, 6 clessidre con cordone, 1 fix.

6° tiro:
salire su facili rocce e poi portarsi verso sinistra alla base di un diedro (1 fix+1 fix con anello). 30 Mt., II, 1 clessidra con cordone.

7° tiro:
seguire il diedro
fin sotto un muretto. Aggirarlo a destra e poi traversare a sinistra sino alla sosta (1 fix+1 fix con anello).
45 Mt., IV+, IV, II, 3 fix, 1masso incastrato con cordone.

8° tiro:
per bella placca a gocce salire sotto gli strapiombi e poi traversare a sinistra fino alla sosta (pianta con cordone).
40 Mt., II, III, IV+, 1 clessidra con cordone, 2 fix, 1 pianta con cordone.
A metÓ di questa lunghezza Ŕ possibile, per percorrere l'uscita originale, traversare a destra verso lo spigolo (V+, VI).

9° tiro:
superare una paretina e raggiungere la placca inclinata incisa da una fessura. Seguirla fino al suo termine, superare un facile muretto, e sostare appena oltre (1 fix+1 fix con anello). 35 Mt., IV+, III, 1 clessidra con cordone, 5 fix, 1 dado incastrato.
Discesa
Dal termine della via seguire la traccia in salita (ometti e frecce azzurre) fino all'evidente sentiero che traversa e scende verso sinistra (ometti e frecce azzurre). Proseguire fino a raccordarsi al sentiero delle cavre (n. 425) che si segue verso valle (qualche tratto attrezzato). Raggiunta la pista ciclabile (cappella in loco) si prende a sinistra e successivamente a destra ritornando così al campo sportivo di Drò.

Note

Itinerario sicuramente sconsigliato nel periodo estivo causa l'eccessivo caldo.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Beppe muove i suoi primi passi d'arrampicata

Matteo e Beppe sul quarto tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca all'inizio della quinta lunghezza

Il traversino che conduce all'ottava sosta
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Sulla placca a gocce dell'ottavo tiro

Beppe, alla sua prima via, si fida ancora poco delle scarpette

   
Ingrandisci Ingrandisci
Matteo a pochi metri dall'ottava sosta Luca sulla placca inclinata dell'ultimo tiro