Monte Pellegrino/La Discesa di Valdesi - Via Adidas con var. d'attacco Ragno Assetato

 
Zona montuosa Appennino Siculo - Monti della Conca d'Oro LocalitÓ di partenza Mondello (PA)
Quota partenza 10 Mt. Quota di arrivo 110 Mt.
Dislivello totale +10 Mt. dal parcheggio all'attacco
+90 Mt. la via (110 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 5' dal parcheggio all'attacco
2 h. la via
Ore di discesa 25'
Esposizione Ovest Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita 07/01/2012 Difficoltà V+, VI
Sass Balòss presenti
Luca.
Amici presenti
Claudia.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata abbastanza serena ma con un forte e fastidioso vento. La roccia in via Ŕ ottima. 

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno
Materiale necessario oltre al tradizionale

Normale materiale per arrampicata su roccia. Utili friends (o dadi) e cordini per integrare le protezioni presenti.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Il Monte Pellegrino si innalza solitario nella piana in cui sorge la città di Palermo ed arriva a toccare i 600 metri di quota. Il versante Ovest è rivolto verso la città mentre quelli Nord ed Est sono rivolti verso il mare e sovrastano il paese di Mondello e le borgate dell'Addaura, di Vergine Maria e dell'Arenella. A Sud non troviamo una parete compatta ma delle fasce rocciose ed un bosco attraverso cui salgono i tornanti della strada che conduce sulla sommità del monte.
Sul limite settentrionale del versante ovest troviamo la Discesa di Valdesi: una lunga fascia rocciosa che costeggia il viale Regina Margherita dal termine del parco della Favorita fin quasi all'abitato di Mondello.
La via Adidas è stata aperta da Alessandro Bellavista e Roby Manfrè Scuderi il 13 giugno 1981. La parte alta dell'itinerario è molto bella ed è consigliabile abbinarla con la variante iniziale del Ragno assetato aperta da Roby Manfrè Scuderi in solitaria il 25 settembre 1982.
Questa combinazione si svolge prevalentemente su bellissime placche di roccia molto ruvida.
Attacco, descrizione della via

Da Palermo dirigersi verso il paese di Mondello seguendo la via alberata del viale Diana che poi diventa viale Margherita di Savoia. Prima di raggiungere l'abitato, arrivati allo svincolo con semaforo che incrocia viale dell'Olimpo, prendere la strada a destra che va verso l'Addaura (via Monte Ercta, indicazione per il Santuario di Santa Rosalia). Parcheggiare al bordo della strada. Da qui è ben visibile sulla destra lo Spigolo Valdesi (con alla base la struttura in cemento denominata Bunker). Incamminarsi sul sentiero oltrepassando lo spigolo (dove corrono alcuni itinerari come la via del Bunker e la via dei Fratelli e da dove si effettuerà la discesa in corda doppia) e proseguire per circa 130-150 metri fino a trovarsi di fronte al punto più alto della fascia rocciosa. L'attacco è alla base della placca grigia posta un poco a sinistra di un diedro (freccia e scritta rossa "ragno assetato"). Qualche metro più a sinistra si trova l'attacco originale della via Adidas (freccia e scritta rossa "adidas").

1░ tiro - "Var. Ragno assetato":
salire in verticale sulla placca, poi obliquare leggermente a destra e di nuovo in verticale sino un piccolo pulpito dove, sulla destra, si trova la sosta (clessidra con cordone). 30 Mt., V, IV+, V+, 5 clessidre con cordone, 3 chiodi.

2° tiro:
alzarsi circa 3 metri, poi obliquare un poco a sinistra e di nuovo dritti fino una grossa clessidra dalla quale si obliqua a sinistra sino alla pianta dove si sosta (da attrezzare). 30 Mt., V, V+, VI, IV, 5 clessidre con cordone, 4 chiodi.

3° tiro - "Via Adidas":
alzarsi in verticale per un diedrino fessurato, poi seguire in dulfer la bella fessura ed al suo termine obliquare a destra fino un piccolo terrazzino vegetato dove si sosta (1 chiodo+1 spit). 25 Mt., IV+, V, III, 1 chiodo.

4° tiro:
a destra per diedrino e poi ancora a destra prendendo una bellissima placca che si sale verticalmente sino al cengione erboso dove termina la via (attrezzare la sosta su clessidra). 25 Mt., IV+, V, V+, 2 clessidre con cordone, 2 chiodi.
Discesa
Percorrere il cengione erboso verso sinistra (viso a monte) fino a raggiungere la sommità dello Spigolo Valdesi dove sono attrezzate le calate per la discesa in corda doppia.
1a. calata: 30 Mt.;
2a. calata: 45 Mt. fino a terra. Possibile dividere la calata in due.
In breve si ritorna alla macchina.

Commenti vari

Nel periodo estivo attenzione alle zecche.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

La placca del primo tiro (var. Ragno assetato)

Seconda lunghezza (var. Ragno assetato)

   

Ingrandisci

Ingrandisci

La stupenda placca finale

La Discesa di Valdesi e tracciato via Adidas+Ragno assetato

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.