Rifugio Tagliaferri dalla Valle del Gleno

 
Zona montuosa Alpi Orobie LocalitÓ di partenza Pianezza (BG)
Quota partenza 1265 Mt. Quota di arrivo 2300 Mt. circa
Dislivello totale +1000 Mt. circa Data di uscita Luglio 2001
Ore di salita 3 h. 30' Ore di discesa 2 h. 30'
Sentieri utilizzati n. 411, 410, 321 Giudizio sull'escursione Bella
Sass Balòss presenti Luca, Bertoldo Difficoltà EE
Amici presenti
Chiara.
Condizioni climatiche e dei sentieri
Giornata bruttissima, il cielo era completamente coperto e una volta raggiunto Pianezza ha iniziato a piovere. Durante la camminata è arrivata la nebbia e qualche fiocco di neve. Il sentiero 411 era completamente pulito e ben segnalato. Dopo la diga del Gleno in corrispondenza della Baita di Mezzo (1818 Mt.) abbiamo trovato neve molto dura.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
Lungo tutto il sentiero vi sono corsi d'acqua.
Punti di appoggio
Rifugio Tagliaferri e tre baite che si incontrano risalendo la Valle del Gleno.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Ramponi e Ghette.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Escursione piacevole, specialmente se effettuata in una giornata di sole. Percorrendo questo itinerario incontrerete i ruderi della Diga del Gleno. L'imponente struttura venne realizzata tra il 1916 e il 1923 e con i suoi 260 metri di lunghezza doveva servire a contenere i sei milioni di metri cubi d'acqua raccolti nel lago artificiale. Erano le 7 e 15 di sabato 1 dicembre 1923 quando il pilone centrale della diga cedette e in meno di 15 minuti l'acqua scivolò nella vallata sottostante.
Descrizione percorso
Una volta raggiunto Vilminore di Scalve (BG) seguire le indicazioni per Pianezza. Appena entrati nel paese vi troverete nella piazza principale. Parcheggiate qui e imboccate in sentiero 411 che conduce alla Diga del Gleno. Il sentiero sale in breve di circa 300 Mt. e conduce poi in piano alla diga con spettacolare esposizione.
A questo punto imboccate il sentiero 410 e una volta costeggiato l'ormai piccolo Lago di Gleno stando sulla sinistra risalite tutta la valle fino al Passo di Belviso (2518 Mt.). Dal passo imboccare poi il sentiero 321 che scende al rifugio Tagliaferri (2328 Mt.).
Discesa
La discesa avviene per lo stesso percorso della salita. E' tuttavia possibile discendere dalla Val del Vò ma in questo caso dovrete cercare un passaggio automobilistico da Ronco a Pianezza.

Note

Arrivati a Pianezza ha iniziato a piovere a dirotto. Luca pur di non rientrare ha convinto una gentile signora a prestarci degli ombrelli.
Nonostante fosse il mese di Luglio abbiamo trovato moltissima neve dura e essendo noi privi di ramponi ci siamo fermati qualche centinaio di metri sotto il Passo di Belviso... facendo retromarcia.

   

Ingrandisci

Luca in posa ne pressi di una baita nella valle del Gleno

 
Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.