Sass Pordoi - Spigolo Piaz

 
Zona montuosa Dolomiti - Gruppo di Sella Località di partenza Passo Pordoi (TN)
Quota partenza 2239 Mt. Quota di arrivo 2950 Mt.
Dislivello totale

+411 Mt. per l'attacco
+300 Mt. la via (400 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati n. 627
Ore di salita

1 h. 30' per l'attacco
4 h. la via

Ore di discesa 50'
Esposizione Sud-est Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita 01/06/2008 Difficoltà VI/V+, A0
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Amici presenti

Callisto, Claudia. Alessandro e Andrea sulla via Maria.

Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata inizialmente molto bella... poi con il passare delle ore sono arrivate diverse nuvole (alcune molto nere) ma fortunatamente senza mai piovere. I sentieri che conducono all'attacco sono evidenti ed è impossibile perdersi. La roccia a "vista" sembra friabile, ma le ripetizioni hanno ripulito abbastanza bene la linea di salita.

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Rifugio Maria (in vetta), rifugio Forcella del Pordoi e rifugio-albergo Col di Lana (al passo Pordoi).
Materiale necessario oltre al tradizionale

Tradizionale da arrampicata. Portare friend e cordini per attrezzare.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Via aperta da Tita Piaz e Sandro del Torso il 27 settembre del 1933 che sale lo spigolo del pilastro sud del Sass Pordoi. Questa è la seconda via di Piaz che ripetiamo (vedi via Piaz alla Punta Emma) e a questo punto non possiamo far a meno di esporci dicendo che chi appiccicò a Piaz il soprannome "Diavolo delle Dolomiti" non poté scegliere parole più azzeccate.
Si tratta di una salita classica. La via inizialmente si svolgeva su roccia piuttosto marcia ma le numerose ripetizioni l'hanno parecchio ripulita. Ora... se non finite fuori via come è successo al Bertoldo (e con la nostra relazione non sbaglierete di certo...) vedrete che tutti gli appigli che toccherete (con delicatezza s'intende) resteranno al loro posto.
In via si trova qualche chiodo ma occorre integrare con dei friend.
Attacco, descrizione della via
Raggiungere il Passo Pordoi (TN) e parcheggiare in prossimità della stazione della Funivia. A fianco dell'ingresso dell'impianto vi è una traccia che risale una collinetta. Questo è l'attacco del sentiero 627 (Seconda Altavia delle Dolomiti).
Prima di raggiungere la Forcella del Pordoi, all'altezza della parete sud-est, imboccare una piccola traccia verso sinistra ed iniziare a traversare a mezza costa tra i ghiaioni sino a raggiungere l'estremità sinistra della parete sud dove è ben identificabile il pilastro appoggiato dove corre la via Piaz. Aggirato lo spigolo che la caratterizza, a circa 4 metri a sinistra dello stesso, si trova una fessura verticale. La clessidra che si trova alla sua base vi darà la certezza d'aver trovato l'attacco.

1° tiro "Via Piaz":
salire lungo la fessura sino al suo termine uscendo su di un terrazzo. Portarsi alla base del diedro dove si trova la sosta (1 chiodo+1 nut incastrato). 25 Mt., IV-, I.

2° tiro:
proseguire per qualche metro lungo il diedro sino a raggiungere una clessidra con cordone. Qui traversare a destra portandosi verso il filo dello spigolo. Poco prima di raggiungerlo si vince un muretto verticale e si raggiunge la sommità di un pulpito dove si sosta (3 chiodi).
Dopo i primi metri di questa lunghezza non commettete l'errore del Bertoldo che ha proseguito nel diedro attratto da un chiodo di passaggio e una sosta... prima della "finestra" in mezzo al diedro bisogna traversare a destra!!! 30 Mt., V, III+, 2 chiodi, 2 clessidre.

3° tiro:
lunghezza chiave della salita. Dalla sosta uscire verso destra in massima esposizione. Risalire 2 metri e superare una paretina verticale avara di appigli oltre la quale si sosta (2 chiodi). Sia che siate più bravi di noi e passiate in libera sia che vogliate far di tutto per diventare membri del C.Azz.O. noterete che i tre chiodi presenti non avranno certo un aspetto invitante... ma ricordate... se sono ancora li dopo tutte queste ripetizioni... perché dovrebbero uscire mentre passate voi? 8 Mt., VI oppure V e A0, 3 chiodi.

4° tiro:
mentre salite questi trenta metri provate a pensare che era il 1933 quando Piaz saliva con una corda girata in v
ita. Salire a destra della sosta puntando ad un diedro oltre il quale si traversa a sinistra sino ad uscire nuovamente in prossimità dello spigolo e sostare (2 chiodi+1 clessidra). 30 Mt., IV, V+, IV+, 4 chiodi, 1 clessidra.

5° tiro:
salire senza percorso obbligato lungo il filo dello spigolo sino a raggiungere l'enorme tetto giallo orizzontale. Qui spostarsi a sinistra un paio di metri sino a raggiungere una breve fessura. Salirla sino a raggiungere la sosta (3 chiodi). 35 Mt., IV-, 2 chiodi, 1 clessidra.

6° tiro:
traversare per circa 3 metri a destra indi rimontare la parete e ritornare a sinistra. Proseguire ora in verticale sino a raggiungere la sommità del pilastro ove si sosta (2 chiodi). 40 Mt., IV, IV-, 3 chiodi, 1 clessidra.

7° tiro:
seguire la facile cresta sino al cospetto della parete. Si sosta (grossa clessidra) sul pilastro posto in corrispondenza dell'intaglio.
40 Mt., I.

8° tiro "Via Maria":
si prosegue veso la cima seguendo la via Maria. Alzarsi pochi metri in spaccata indi spostarsi sulla parete principale e traversare a destra. Proseguire verso destra sin sotto ad un colatoio; lo si rimonta e si continua a traversare in obliquo verso destra puntando ad un nicchia. Con un passo atletico ed esposto (ma ben appigliato) si raggiunge il piccolo terrazzo di sosta (anello cementato).
35 Mt., IV, 4 clessidre, 1 chiodo cementato, 1 chiodo.

9° tiro:
salire a destra della sosta portandosi alla base di una paretina verticale, quasi strapiombante. Dopo averla vinta proseguire per rocce più semplici sino ad uscire su di una cengia. Qui proseguire ancora per parete verticale. Raggiunta la grande terrazza si trova facilmente la sosta (anello cementato). 45 Mt., IV, 3 chiodi, 3 clessidre.

10° tiro:
aggirare a sinistra la torre gialla e salire i facili salti di roccia sino a raggiungere la sosta successiva (clessidra con cordone).
50 Mt., I, II.

11° tiro:
vincere l'ultimo muretto verticale stando leggermente a destra del colatoio oltre il quale si prosegue nel semplice catino. Sostare su uno degli ancoraggi del soccorso alpino. 60 Mt., I, qualche metro di IV-, II.

12° tiro:
raggiungere le travi che sorreggono la stazione della funivia per terreno semplice e senza percorso obbligato.
35 Mt., I, II, diversi ancoraggi del soccorso alpino.

Da qui spostarsi a sinistra e scavalcare la barriera protettiva della terrazza del rifugio Maria.
Discesa
Da bravi alpinisti squattrinati... eviterete di scendere sfruttando la costosissima funivia.
Seguire il sentiero n. 627 (enormi e numerosi ometti) che conduce alla forcella del Pordoi dov'è situato l'omonimo rifugio. Da qui si scende per il canalone che guarda verso il passo Pordoi fino a raggiungere il punto dove si ha abbandonato il sentiero durante la salita. Seguendo lo stesso percorso della mattina si scende in breve al passo.

Note

L'attacco che abbiamo utilizzato (e indicato nella relazione) è di fatto una variante. Piaz salì lungo la fessura/diedro situata sulla parete sud poco a destra di una targa commemorativa. Probabilmente la sosta che ha erroneamente raggiunto Matteo è di fatto una sosta della linea originale.

Commenti vari

Le ultime tre lunghezze di corda (o quanto meno le ultime due) possono essere tranquillamente percorse in conserva.

Pubblicazioni

Questa relazione è stata inserita nella guida ARRAMPICARE Dolomiti nord-occidentali vol.1 edita da ViviDolomiti.
Clicca sull'immagine qui sotto per accedere alla pagina web ViviDolomiti edizioni - libri di montagna e acquistarne direttamente una copia.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Callisto sul quarto tiro

Luca sulla sesta lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Bertoldo e Claudia alla quinta sosta

Callisto alla sesta sosta

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Bertoldo sull'ottavo tiro in uscita dallo strapiombino

L'ottava lunghezza con Luca e Matteo all'ottava sosta

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Matteo sull'undicesimo tiro

Il catino delle ultime due lunghezze di corda

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Claudia attaccata ai pali della stazione della funivia

Ale e Andrea in vetta al Pordoi

   

Ingrandisci

Dettaglio della parete del Sass Pordoi con il tracciato della via Piaz