Monte Cimo/Pala del Boral - Spigolo del IV Sole

 
Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle dell'Adige LocalitÓ di partenza Brentino (VR)
Quota partenza 130 Mt. circa Quota di arrivo 610 Mt. circa (termine via)
Dislivello totale +310 -10 Mt. circa per l'attacco
+180 Mt. la via (235 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 45' per l'attacco
6 h. la via
Ore di discesa 1 h.
Esposizione Sud-est Giudizio sull'arrampicata Bella
Data di uscita 02/11/2012 Difficoltà 6a, 6b
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Amici presenti
Ale, Claudia, Paolo.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata bella ma abbastanza ventosa nel pomeriggio. I sentieri che si percorrono durante l'avvicinamento sono in ottimo stato e ben segnalati, sono presenti due tratti con corda fissa. La roccia in via va da buona ad ottima.

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
Davanti all'ingresso del cimitero Ŕ presente una fontana.
Punti di appoggio
Nessuno
Materiale necessario oltre al tradizionale

Normale materiale per arrampicata su roccia. Portare un piccolo assortimento di friend (da 0.75 a 2 Camalot, volendo raddoppiare i n. 1 e 2) per integrare le protezioni presenti.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
La "Pala del Boral" è uno dei settori classici e storici del Brentino. Vi si trovano alcune tra le vie più belle dell'intera montagna e quasi tutte hanno in comune roccia ottima e chiodatura da manuale. Sembra che la prima via del Monte Cimo sia stata tracciata proprio qui: la via Silvia (Rampini e Baroni 1983).
Lo Spigolo del IV sole è sicuramente uno tra gli itinerari più famosi del Monte Cimo. Aperto da Alberto Rampini e Andrea Gennari Daneri il 3 maggio del 1986 utilizzando pochi chiodi e spit, oggi è completamente riattrezzato a fix ma le difficoltà restano abbastanza obbligate.
Attacco, descrizione della via

Dal parcheggio, poco distante dal cimitero di Brentino, andare a sinistra in direzione dei vigneti ed attraversarli fino a incontrare il sentiero segnato con bolli che sale ripido nel bosco. Puntare alle pareti alte ignorando la deviazione verso sinistra per il settore "Mamma Olga" (palina di legno). Dopo circa 20' superare una placca appoggiata con corda fissa e poi un muretto verticale anch’esso attrezzato con due corde fisse. Poco dopo questo muretto attenzione ad un bivio poco marcato. Non seguire l'evidente traccia che sale a sinistra ma quella di destra che nei primi metri è meno visibile. Arrivati al masso con la scritta "raccordo" proseguire verso destra (alzarsi e poi abbassarsi un poco). Costeggiare la parete oltrepassando l'attacco della via "SuperJolly" (scritta e targhetta n. 10). L'attacco è facilmente identificabile dalla scritta rossa "IV SOLE" e la targhetta n. 12.

1░ tiro:
salire la paretina sopra la sosta. Superare l'atletico tettino e continuare lungo un diedrino al termine del quale si obliqua verso sinistra sino ad un comodo terrazzino dove si sosta (2 fix). 20 Mt., 5a, 6b oppure A0, 5a, 7 fix (di cui 1 con cordino), 1 clessidra con cordino.

2° tiro:
proseguire in obliquo verso destra sino a raggiungere uno spigolino. Salire in verticale lungo la placca strapiombante (è possibile sfruttare la fessura sulla destra con difficoltà minori) e poi traversare verso sinistra sino alla sosta (2 spit+1 fix+1 chiodo+cordone+maglia rapida).
25 Mt., 5a, 6a+ oppure 5c e A0, 9 fix, 1 chiodo, 1 sosta intermedia (1 chiodo+1 fix).

3° tiro:
leggermente a sinistra della sosta e poi in verticale sfruttando la placca a gocce ed una fessurina. Traversare brevemente a destra in direzione di un marcato strapiombo inciso da una fessura che si supera atleticamente. Rocce facili conducono alla sosta (pianta con cordini e maglia rapida). 25 Mt., 5a, 6b oppure A1, 5c, II, 8 fix.

4° tiro:
traversare verso sinistra lungo un'esile traccia. Raggiunto lo spigolo (cordone su albero - attacco della via "Vuoti d'Aria") proseguire in leggera discesa sino a raggiungere la sosta a ridosso di una pianta (2 fix poco visibili). 40 Mt., I, 4a, 2 fix, 1 cordone su pianta.

5° tiro:
salire le placche a destra della sosta (prestare attenzione a qualche masso instabile) piegando dopo circa 5 Mt. verso destra in direzione di uno strapiombo oltre il quale si segue l'evidente fessura. Sostare (2 fix con cordone) sulla sommità del pilastro.
35 Mt., 6a, 6a+, 10 fix, 1 chiodo.

6° tiro:
proseguire in verticale lungo la placca a destra dello spigolo con arrampicata tecnica. Poi si ritorna a sinistra sul filo dello spigolo per sostare (2 fix+3 spit). 15 Mt., 6a, 9 fix.

7° tiro:
lunghezza chiave della salita. Superare l'impegnativa placca e successivamente seguire il filo dello spigolo, spostandosi un po' a destra ed un po' a sinistra dello stesso, sino a raggiungere la sosta (2 fix). 35 Mt., 6b, 6a, 12 fix.

8° tiro:
proseguire in verticale sfruttando inizialmente lame e buchi e successivamente delle placchette sino a raggiungere il boschetto sommitale dove si effettua l'ultima sosta (da attrezzare su pianta). 40 Mt., 5c, 5b, 9 fix.
Discesa
A- Consigliamo di scendere a piedi. Alzarsi pochi metri fino ad individuare una traccia. Seguirla verso destra (viso a monte) con andamento a tratti pianeggiante e a tratti in leggera discesa. Dei bolli gialli indicano il punto in cui si inizia a scendere su roccette elementari che conducono in un ripido canale. Seguendo la traccia abbastanza evidente (alcuni ometti, bolli gialli e segnavia CAI bianchi e rossi) si perde velocemente quota fino alla base della parete. Traversare ora lungamente verso destra (viso a valle) fino all'attacco della via. Mediante il sentiero percorso durante l'avvicinamento, rientrare al parcheggio.
B- In alternativa Ŕ possibile scendere in corda doppia lungo la via SuperJolly (soluzione da noi adottata ma, nel 2019, abbiamo avuto modo di percorrere il sentiero e ci sentiamo di consiglare quello).
Dal termine della via spostarsi a sinistra (viso a monte) circa 4-5 Mt. sino ad incontrare la prima sosta attrezzata;
1a. calata: 35 Mt. sino ad una cengetta. L'ancoraggio è posto leggermente a destra (viso a monte) della verticale;
2a. calata: 50 Mt. (ignorare una scomoda sosta intermedia);
3a. calata: 25 Mt.;
4a. calata: 50 Mt. fino a terra (ignorare una sosta intermedia).
Mediante il sentiero percorso durante l'avvicinamento, rientrare al parcheggio.

Note
La via è percorribile anche nelle stagioni più fredde in quanto resta al sole sino al primo pomeriggio.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Il superamento dello strapiombino del primo tiro

Ale all'inizio della seconda lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

La seconda sosta è sospesa sopra un tetto

La quinta lunghezza vista dal basso

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Paolo impegnato sulla quinta lunghezza

Matteo e Claudia sugli ultimi metri del quinto tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Il bello spigolo della settima lunghezza

Ottavo ed ultimo tiro sempre seguendo lo spigolo

 
Ingrandisci
Il settore "Pala del Boral" con i tracciati delle vie: Spigolo del IV sole e Carlo Laiti