Zucco di Valmana e Costa del Palio

 
Zona montuosa Alpi Orobie Località di partenza Fuipiano Valle Imagna (BG)
Quota partenza 1050 Mt. circa Quota di arrivo 1545 Mt.
Dislivello totale

+600 Mt. circa compresi i saliscendi

Data di uscita 10/03/2013
Ore di salita 1 h. 15' per lo Zucco
2 h. per la Costa
Ore di discesa 1 h. dalla Costa del Palio
Sentieri utilizzati n. 579, 571 Giudizio sull'escursione Discreta
Sass Balòss presenti Omar Difficoltà E
Condizioni climatiche e dei sentieri
Tempo mite e soleggiato. Sentieri perfettamente segnalati e ben curati. Neve pestata e ghiacciata fin dalla partenza. Lungo la Costa del Palio tratti pelati dal vento ed altri con 30 Cm. di neve.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
Nei pressi della chiesa di Fuipiano troverete una bella fontana.
Punti di appoggio

Durante la passeggiata vi imbatterete in varie baite private.

Materiale necessario oltre al tradizionale
Nessuno.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Camminata dai due ambienti diversi: il primo fatto di boschi e vallette fino alla cima dello Zucco di Valmana, il secondo da qui fino al Passo del Palio lungo l'omonima Costa, caratterizzato da un lungo susseguirsi di dolci dossi erbosi a cavallo tra la Val Imagna e la provincia di Lecco, con ampi panorami e bellissime viste sul gruppo del Resegone e delle Grigne.
Descrizione percorso
Da Sant'Omobono in Vall'Imagna, salire per 9 Km. fino ai 1019 Mt. di Fuipiano. Dalla chiesa, proseguire lungo la strada principale che conduce verso Brumano, dopo poche centinaia di metri una palina che riporta le indicazioni per i Tre Faggi, vi invita a deviare verso destra su una ripida strada che termina nei pressi dell'acquedotto. Qui uno spiazzo sulla sinistra vi permette di parcheggiare comodamente. Il percorso inizia su questa ripida stradina asfaltata vietata alle auto. Camminate fino ad un crocefisso in legno dove troverete un bivio: prendete la strada di sinistra (sentiero 579) e subito dopo deviate a destra, ignorando la comoda strada che procede dritta in leggera discesa. Dopo pochi metri, ad un tornante, troverete i bolli con l'indicazione del sentiero 579. Proseguite su strada agro-silvo-pastorale entrando in un boschetto e uscendo dopo pochi minuti in una bella valletta con ampio panorama. Proseguite fino ad un laghetto circondato da una palizzata di legno con all'interno delle curiose canne d'acqua. Superatelo e dirigetevi verso il bosco poco sopra. Qui giunti troverete un bivio, prendete a destra (palina poco dopo il bivio) per il Passo o Bocca dei Grasselli, indicato in 20' di distanza. Attenzione a non andare a sinistra (sebbene la stradina sia più evidente) e imboccare una ripida stradina che faremo poi in discesa e al cui inizio si trova un cartello di divieto di accesso anche a piedi. Dunque saliamo a destra e percorriamo un sentierino piuttosto ripido all'interno di un bel bosco misto. Passiamo nei pressi di alcune formazioni rocciose molto evidenti (paretine e guglie) lasciandole alla nostra destra. Al termine di queste, proprio subito dopo la maggiore, guardando a destra si vede un piccolo canalino che sale stretto tra due strette pareti rocciose, io l'ho percorso e sono sbucato proprio al passo dei Grasselli dopo circa 50 Mt. a 35 gradi di pendenza su neve ben assestata. Per chi non volesse farlo, si prosegue lungo il sentiero che con una serie di tornantini piuttosto ripidi e scivolosi porta al medesimo passo. Giunti al passo (1390 Mt.), si prosegue verso sinistra fino ad incontrare una palina che indica la direzione per la Costa del Palio, la si segue immersi nel bosco. Dopo pochi metri il sentiero percorre l'ampia dorsale che separa la Val Taleggio dalla Valle Imagna in costante salita. Giunti ad un albero su cui trovate due bolli, piegate a destra, risalite il sentiero sempre nel bosco ed uscitene poco dopo. Per prati guadagnate la croce dello Zucco di Valmana. Da qui, scendete lungo l'evidente dorsale che conduce fino al Passo del Palio. Al primo avvallamento tra lo Zucco ed il successivo dosso, piegate a sinistra fino ad una bella baita con il tetto in piode (tipiche pietre della Valle Imagna), lasciatela sulla vostra destra e proseguite in falsopiano e mezzacosta per prati sino ad una sbarra in ferro. Dalla sbarra ricominciate a salire il dosso successivo. Dalla cima di questo, guardando a destra vedrete un laghetto circondato da una staccionata ed un edificio ristrutturato. Proseguite con percorso più o meno libero tenendo come riferimento il filo della dorsale. Dopo numerosi saliscendi, giungerete all'ultimo promontorio sul quale si trova un altarino di pietra con una rosa dei venti ad indicare le cime numerosissime circostanti. Da qui, pochi metri di discesa e arrivate al Passo del Palio.
Discesa
Ricalcate i passi fatti dal Passo del Palio fino alla bella baita sotto lo Zucco di Valmana, da qui, anziché risalire verso la croce, proseguite dritti e pochi metri dopo incrocerete una ampia stradina agro-silvo-pastorale che scende ripida e dritta verso destra tagliando le pendici dello Zucco di Valmana, passando tra abeti e piccole pietraie. Al termine della stradina vi troverete al bivio affrontato in salita che indicava 20' per il Passo dei Grasselli e da qui alla valletta con il laghetto con le canne d'acqua. Seguire poi a ritroso il percorso fatto in salita.

Note
Lo Zucco di Valmana in alcune cartine e relazioni è indicato come Zucco di Valbona. Nei pressi di Fuipiano,lungo la strada che porta a Brumano, se avete un attimo di tempo visitate il bel borgo antico di Arnosto, dalle bellissime architetture del ‘600 tipiche della Valle Imagna. Al termine della Costa del Palio, al passo omonimo, potrete scendere fino al minuscolo paesino di Morterone in provincia di Lecco, uno dei più piccoli comuni italiani. In questa zona, nei pressi di Morterone, troverete anche il Sentiero dei Grandi Alberi.
Commenti vari
Se ne avete il tempo, vi consiglio di unire questa escursione con quella dei Tre Faggi e della Madonna dei Canti, posti lungo la medesima dorsale e per cui facilmente accorpabili in un'unica lunga camminata, partendo sempre da Fuipiano, raggiungendo in sequenza i Tre Faggi, la Madonnina dei Canti, lo Zucco di Valmana e la Costa del Palio.
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Omar in cima allo Zucco di Valmana
Lungo la costa del Palio
   
Ingrandisci
Ingrandisci
L'ultimo dosso con il Resegone
Durante il ritorno
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Ondulazioni di neve
La stradina che scende dritta dal Valmana