Val di Daone/Scoglio di Boazzo - Via Spaghetti allo Scoglio

 
Zona montuosa Adamello/Presanella LocalitÓ di partenza Lago di Malga Boazzo - Daone (TN)
Quota partenza 1220 Mt. circa Quota di arrivo 1470 Mt. circa
Dislivello totale +50 Mt. circa per l'attacco
+200 Mt. la via (225 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerato
Ore di salita 15' per l'attacco
6 h. 30' la via
Ore di discesa 1 h. 15' le doppie
15'
Esposizione Sud Giudizio sull'ascensione Ottima
Data di uscita 23/06/2013 Difficoltà

VII-, A1

Sass Balòss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Alessandro, Federica.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

La giornata Ŕ stata buona: nei paraggi diverse nuvole nere facevano pensare ad un imminente temporale che in realtà non si è mai materializzato. Il sentiero che conduce all'attacco è abbastanza evidente anche se a tratti coperto dall'erba alta. La roccia è ottima lungo tutta la via.

Eventuali pericoli
Soliti da arrampicata in ambiente.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio

La casa dei guardiani della diga (spesso presidiata).

Materiale necessario oltre al tradizionale

Normale dotazione alpinistica. Portare una serie di friend (utile raddoppiare/triplicare il n. 2 Camalot per la quarta lunghezza) e 12 rinvii. Una staffa ed un fifi per ogni componente della cordata facilitano notevolmente l'artificiale del seconda tiro.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Bellissima via aperta da Ivan Maghella e Danilo Bonaglia nel 2007. La via si svolge lungo il settore destro della grande parete granitica dello Scoglio di Boazzo. Lungo i tiri sono presenti diverse protezioni di diversa natura (spit, chiodi) ma la stupenda quarta lunghezza è da proteggere interamente a friend. Nonostante siano presenti degli spit (placchette artigianali spesso vetuste) la via conserva un carattere decisamente alpinistico. L'itinerario alterna fessure a diedri, strapiombini a placche molto tecniche regalando un'arrampicata di notevole soddisfazione. Evitare una ripetizione dopo piogge.
Attacco, descrizione della via
Da Brescia seguire le indicazioni per Tione di Trento e Madonna di Campiglio. Superare Pieve di Bono (TN) e poco dopo svoltare in direzione della Val di Daone. Risalire la valle sino a raggiungere la Diga di Malga Boazzo (1225 Mt. circa). In prossimità della casa dei digaioli è possibile parcheggiare. Qualora i pochi posti disponibili fossero pieni è possibile parcheggiare prima della diga o subito dopo le gallerie.
Dalla casa dei digaioli scendere per circa 50 Mt. (in direzione di Pieve di Bono) e imboccare una piccola traccia sulla sinistra che conduce alla parete. Superare una zona detritica ed un grosso masso dove sono presenti delle brevi linee di artificiale (visibili dei rivetti e dei golfari).
Lungo la parete si noterà un segnale trigonometrico (utile per le misurazioni degli spostamenti della diga - attacco della via Cavalieri Erranti); il nostro itinerario attacca circa 50 Mt. alla sua destra in corrispondenza di un albero sul quale è fissata una targhetta metallica con il nome della via.

1° tiro:
salire la placca con un passo atletico. Spostarsi a sinistra e proseguire sfruttando delle fessurine. Riportarsi a destra dove un diedrino tecnico permette di raggiungere la sosta posta su di un terrazzino sulla sinistra (albero con cordone ed anello di calata).
20 Mt., VI, 2 spit, 2 chiodi.

2° tiro:
lunghezza in artificiale oggi liberata (7a+). Spostarsi a destra, risalire una placchetta e dopo qualche metro ritornare a sinistra. Proseguire in verticale e poi obliquare a sinistra aggirando così uno strapiombino oltre il quale si trova la sosta (2 spit con anello di calata).
35 Mt., A1 oppure 7a+, 9 spit, 4 chiodi (di cui 1 con cordone).

3° tiro:
spostarsi a destra e proseguire in verticale (primi metri non banali) lungo delle belle placche sino a raggiungere la sosta (2 spit con anello di calata). 20 Mt., VI, 2 spit, 1 chiodo, 1 cordone su radice.

4° tiro:
si tratta senza dubbio del più bel tiro della via anche se non è quello più impegnativo. Seguire la bellissima fessura sino al suo termine. Piegare a destra sino alla sosta (2 spit con anello di calata).
35 Mt., VI, VI+, 1 friend incastrato, 1 chiodo, 1 masso incastrato con cordino.

5° tiro:
salire il diedro obliquo verso destra sino ad una zona più rotta. Sostare comodamente su di un terrazzino (2 spit con anello di calata).
20 Mt., V+, 1 masso incastrato con cordone.

6° tiro:
indubbiamente si tratta della lunghezza più impegnativa della via. Le difficoltà sono sostenute e non azzerabili. Traversare verso destra e mediante una lama raggiungere la placca a funghi. Salirla spostandosi dapprima a destra e poi a sinistra superando un passo tecnico molto delicato. Un traverso verso destra conduce alla sosta (2 spit con anello di calata). 30 Mt., V+, VI+, VII-, 5 spit, 1 chiodo.

7° tiro:
traversare a sinistra e proseguire in verticale sfruttando una lama. Sostare su di una comoda cengia (albero con cordini ed anello di calata). 15 Mt., VI, 1 chiodo, 1 spit.

8° tiro:
la via prosegue in verticale lungo la placca e supera uno strapiombino (VI+); una successiva facile lunghezza conduce al bosco sommitale. E' anche possibile (soluzione da noi adottata per via del meteo) raggiungere in bosco sommitale mediante l'ultima lunghezza della via "Il Giardino dei Tassi". Dalla sosta abbassarsi per pochi metri. Rimontare la placca e successivamente obliquare a sinistra sino a raggiungere un muretto che conduce ad una zona più adagiata. Mediante facili salti si raggiunge il bosco dove si sosta su albero.
50 Mt., VI, V, VI, IV, III, 5 spit.

Discesa
Dal termine della via "Il Giardino dei Tassi" abbassarsi lungo il bosco tenendo il filo della placca. Non scendere lungo il canale.
Identificare una pianta con cordino ed una maglia rapida.
Nel Giugno del 2014 l'itinerario è stato ripetuto da Federico Avino che ci ha segnalato che il cordone sulla pianta è stato rimosso. Qualora il cordone non venga ripristinato da altre cordate è possibile sfruttare un ancoraggio poco visibile posto leggermente più in basso a destra (viso a valle) rispetto alla pianta (che però senza cordone diviene abbastanza difficile da identificare).

1a. calata: 30 Mt. - scendere sino ad un terrazzino dov'è presente un abete. Stare alla sua destra (viso a monte) e scendere per altri 5-6 Mt. La sosta (poco visibile) è situata sotto ad un tettino.
2a. calata: 55 Mt. - scendere lungo la placca spostandosi a sinistra. La sosta successiva è situata su di un terrazzino (dov'è presente anche il libro della via "Cavalieri Erranti". Vista la presenza di piante, onde evitare un possibile incastro di corde, potrebbe risultare comodo spezzare la calata. A circa 30 Mt. è presente una sosta su due spit con anelli non collegati (sosta scomoda).
3a. calata: 55 Mt. - in verticale lungo la placca (presenti 2 soste intermedie).
4a. calata: 20 Mt. - sino alla base della parete.
Rientrare alla macchina percorrendo a ritroso il sentiero d'avvicinamento.

Commenti vari

Le protezioni , in alcuni tratti, sono decisamente vetuste. Visti i passaggi obbligati in libera se ne auspica la richiodatura.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Prima lunghezza

Federica impegnata sulla seconda lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Lo spettacolare quarto tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Sesto tiro. Il più impegnativo

Will a pochi metri dalla sesta sosta

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.