Monte Pellegrino/Parete Ovest di Valdesi - Via Loviggi

 
Zona montuosa Appennino Siculo - Monti della Conca d'Oro LocalitÓ di partenza Mondello (PA)
Quota partenza 15 Mt. Quota di arrivo 93 Mt.
Dislivello totale +3 Mt. dal parcheggio all'attacco
+75 Mt. la via (80 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 2' dal parcheggio all'attacco
2 h. la via
Ore di discesa 10'
Esposizione Ovest Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita

08/01/2017

Difficoltà V, V+
Sass Balòss presenti
Luca.
Amici presenti
Claudia.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata abbastanza nuvolosa e con temperature decisamente rigide per la media stagionale di Palermo! La roccia in via Ŕ ottima. 

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente. Prestare attenzione alla gente che arrampica sui monotiri sottostanti.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale

Solito da arrampicata. Consigliati dei cordini per le clessidre. Friends non necessari.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Il Monte Pellegrino si innalza solitario nella piana in cui sorge la città di Palermo ed arriva a toccare i 600 metri di quota. Il versante Ovest è rivolto verso la città mentre quelli Nord ed Est sono rivolti verso il mare e sovrastano il paese di Mondello e le borgate dell'Addaura, di Vergine Maria e dell'Arenella. A Sud non troviamo una parete compatta ma delle fasce rocciose ed un bosco attraverso cui salgono i tornanti della strada che conduce sulla sommità del monte.
Le pareti di Valdesi costituiscono l'estremitÓ settentrionale di Monte Pellegrino. Si presentano come una lunga fascia rocciosa alta 70 Mt. circa che separa l'abitato di Mondello da quello dell'Addaura.
Questo itinerario si svolge sulla Parete Ovest dove Ŕ presente la falesia principale di Palermo.
Si tratta in realtà di un monotiro, protetto solamente con cordoni in clessidra, aperto da Luigi Cutietta e Giuseppe Severino il 17 luglio 2014. Raggiunta la sosta, anzichè calarsi, si può decidere di proseguire per le adiacenti vie Afafa o Stretching. Noi consigliamo di seguire il secondo tiro della via Stretching, dando così vita a un bel concatenamento entusiasmante e dalle difficoltà sempre continue fino alla fine.
Attacco, descrizione della via

Da Palermo dirigersi verso il paese di Mondello seguendo la via alberata del viale Diana che poi diventa viale Margherita di Savoia. Prima di raggiungere l'abitato, arrivati allo svincolo con semaforo che incrocia viale dell'Olimpo, prendere la strada a destra che va verso l'Addaura (via Monte Ercta, indicazione per il Santuario di Santa Rosalia). Da qui Ŕ ben visibile a destra lo Spigolo Valdesi (con alla base la struttura in cemento denominata bunker); a sinistra dello spigolo la parete prosegue e poi piega a sinistra verso il mare, formando la Parete Ovest. Parcheggiare al bordo della strada verso il limite sinistro della parete. E' facilmente identificabile un pilastro che forma un evidente diedro dove corre la variante del Diedro bianco. Circa 20 metri alla sua destra si trovano gli attacchi delle vie Afafa, Loviggi, Stretching e Favilla (scritte gialle alla base della parete).

1░ tiro:
salire verticalmente, con piccolissimi spostamenti a destra e sinistra, puntando allo strapiombo giallo. Lo si supera e si sosta (1 clessidra con cordone, 1 clessidra con cavo acciaio+moschettone calata) appena sopra. 35 Mt., V, IV+, V+, V, 14 clessidre con cordone.

2° tiro:
traversare a destra raggiungendo i cordoni del secondo tiro della via Stretching. Poi alzarsi 3 metri e spostarsi a sinistra a prendere un diedro. Ora in verticale fino un tettino dal quale si esce a destra e si obliqua a destra aggirando uno spigolo. Da qui in verticale raggiungendo in breve la grande cengia erbosa sommitale dove si sosta (da attrezzare su clessidra o pianta).
45 Mt., V+, 10 clessidre con cordone.
Discesa
E' possibile traversare lungamente verso destra (viso a monte) tutta la cengia erbosa fino al suo termine dove si imbocca un canalone che in breve riporta alla base della parete.
Tuttavia è possibile scendere in corda doppia: traversare verso sinistra (viso a monte) fino a raggiungere il primo ancoraggio di calata sul bordo della parete (clessidra con cavo d'acciaio e maglia rapida - difficile da individuare):
1a. calata: 40 Mt. andando leggermente a sinistra sino in cima al pilastro dove termina il Diedro bianco (sosta 2 fix con catena);
2a. calata: 35 Mt. fino a terra.

Note

Brevissimo itinerario che può essere sfruttato in giornate di tempo incerto.

Commenti vari

Nel periodo estivo attenzione alle zecche.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Prima lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Sul secondo tiro della via Stretching

Dettaglio della parete con i tracciati delle vie:
Loviggi,
Stretching e Favilla

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.