Monte Pellegrino/Parete Ovest di Valdesi - Via Favilla

 
Zona montuosa Appennino Siculo - Monti della Conca d'Oro LocalitÓ di partenza Mondello (PA)
Quota partenza 15 Mt. Quota di arrivo 93 Mt.
Dislivello totale +3 Mt. dal parcheggio all'attacco
+75 Mt. la via (85 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 2' dal parcheggio all'attacco
2 h. la via
Ore di discesa 10'
Esposizione Ovest Giudizio sull'ascensione Ottima
Data di uscita 30/12/2015 Difficoltà V, VI
Sass Balòss presenti
Luca.
Amici presenti
Claudia.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata leggermente nuvolosa ma con temperature piacevoli. La roccia in via Ŕ ottima. 

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente. Prestare attenzione alla gente che arrampica sui monotiri sottostanti.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale

Solito da arrampicata. La via è stata aperta di recente ed i cordoni nelle clessidre sono in ottimo stato; tuttavia qualche cordino può tornare utile. Eventualmente un paio di friends (n. 0.4 e n. 2 Camalot) anche se, con la chiodatura attuale, non sono indispensabili.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Il Monte Pellegrino si innalza solitario nella piana in cui sorge la città di Palermo ed arriva a toccare i 600 metri di quota. Il versante Ovest è rivolto verso la città mentre quelli Nord ed Est sono rivolti verso il mare e sovrastano il paese di Mondello e le borgate dell'Addaura, di Vergine Maria e dell'Arenella. A Sud non troviamo una parete compatta ma delle fasce rocciose ed un bosco attraverso cui salgono i tornanti della strada che conduce sulla sommità del monte.
Le pareti di Valdesi costituiscono l'estremitÓ settentrionale di Monte Pellegrino. Si presentano come una lunga fascia rocciosa alta 70 Mt. circa che separa l'abitato di Mondello da quello dell'Addaura.
Questo itinerario, aperto da Luigi Cutietta e Francesco Vitaliti nel dicembre 2015, si svolge sulla Parete Ovest dove Ŕ presente la falesia principale di Palermo. Arrampicata mai eccessivamente difficile, ma sempre continua, su placche molto lavorate con qualche passo in strapiombo e brevi fessure. Ottimamente attrezzata con molti cordoni in clessidra e qualche chiodo.
Attacco, descrizione della via
Da Palermo dirigersi verso il paese di Mondello seguendo la via alberata del viale Diana che poi diventa viale Margherita di Savoia. Prima di raggiungere l'abitato, arrivati allo svincolo con semaforo che incrocia viale dell'Olimpo, prendere la strada a destra che va verso l'Addaura (via Monte Ercta, indicazione per il Santuario di Santa Rosalia). Da qui Ŕ ben visibile a destra lo Spigolo Valdesi (con alla base la struttura in cemento denominata bunker); a sinistra dello spigolo la parete prosegue e poi piega a sinistra verso il mare, formando la Parete Ovest. Parcheggiare al bordo della strada verso il limite sinistro della parete. E' facilmente identificabile un pilastro che forma un evidente diedro dove corre la variante del Diedro bianco. Circa 20 metri alla sua destra si trovano gli attacchi delle vie Afafa, Loviggi, Stretching e Favilla (scritte gialle alla base della parete).

1░ tiro:
passo iniziale in leggero strapiombo poi si continua in verticale per circa 20 metri. Un breve traverso a destra e ancora in verticale fino un muretto giallo strapiombante oltre il quale si sale facilmente alla sosta (2 clessidre+cordone+cavo acciaio+moschettone). 3 metri più a sinistra è visibile la S1 della via Stretching. 40 Mt., V, 14 clessidre con cordone.

2° tiro:
portarsi alla base dello strapiombo soprastante e superarlo sulla sinistra con l'aiuto di una fessura. Traversare ora in placca 2 metri a destra e seguire un sistema di fessure e buchi salendo dritti alcuni metri per poi spostarsi a sinistra. Superare un passo in leggero strapiombo e ritornare a destra imboccando il diedro/canale che permette di raggiungere la grande cengia erbosa sommitale dove si sosta (da attrezzare su clessidra o pianta). 45 Mt., V, VI, V+, V, 15 clessidre con cordone, 4 chiodi.
Discesa
E' possibile traversare lungamente verso destra (viso a monte) tutta la cengia erbosa fino al suo termine dove si imbocca un canalone che in breve riporta alla base della parete.
Tuttavia è possibile scendere in corda doppia: traversare verso sinistra (viso a monte) fino a raggiungere il primo ancoraggio di calata sul bordo della parete (clessidra con cavo d'acciaio e maglia rapida - difficile da individuare):
1a. calata: 40 Mt. andando leggermente a sinistra sino in cima al pilastro dove termina il Diedro bianco (sosta 2 spit con catena);
2a. calata: 35 Mt. fino a terra.

Note

Da Luigi Cutietta: "Dopo fervida scintilla e con sagace favella è scoccata un'idea anzi una Favilla. A destra di Stretching - classe 1984 - esiste da sempre un'accattivante nicchia striata cui segue una splendida fessura obliqua simile all'elsa di una spada. Grazie a un diedro finale, gentile ma non troppo, finalmente nel dicembre 2015 nasce una bella via trad di 80 Mt. degna vicina di casa del ben più noto Diedro Bianco di Valdesi."

Commenti vari

Nel periodo estivo attenzione alle zecche.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca sulla prima lunghezza

Claudia sul muretto strapiombante che porta alla prima sosta
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca sullo strapiombino all'inizio del secondo tiro

Dettaglio della parete con i tracciati delle vie:
Loviggi, Stretching e Favilla