Monte Turgiòn - Via Qualità, Convenienza e Cortesia

 
Zona montuosa Lagorai - Cima d'Asta LocalitÓ di partenza Canal San Bovo (TN)
Quota partenza 780 Mt. circa Quota di arrivo

955 Mt. circa

Dislivello totale +100 Mt. circa per l'attacco
+75 Mt. la via (85 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 15' per l'attacco
1 h. 30'
Ore di discesa 15' le doppie
10' il sentiero
Esposizione Sud-ovest Giudizio sull'ascensione Bella
Data di uscita 25/06/2016 Difficoltà 5b
Sass Bal˛ss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Alessandro, Anita, Diego.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata dalle previsioni meteo incerte; nel pomeriggio mentre ripetevamo lo Spigolo della Cascata ha iniziato a piovere. Il sentiero che conduce all'attacco è evidente. La roccia è ottima lungo tutta la via (solo i primi metri sono infastiditi a licheni) e la chiodatura è ottima.

Eventuali pericoli
Soliti da arrampicata.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno. Il paese di Canal San Bovo è vicinissimo.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Solito da arrampicata. Portare solo rinvii.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Il Monte Turgiòn è una montagna che incombe sulla sinistra orografica della Valle del Vanoi a metà strada tra gli abitati di Canal San Bovo e Caoria. Per via dell'avvicinamento e sviluppo molto contenuti questo itinerario Ŕ l'ideale per le giornate dal tempo incerto.
La via "Qualità, Convenienza e Cortesia" è stata aperta da Flavio Veronese, Fabrizio Rattin e Corrado Dri nel 2004 e sale, insieme alla via "Zio Tibia", l'estremità sinistra della parete della Salina, una fascia rocciosa che si trova appena a destra della vetta vera e propria del Monte Turgiòn.
Attacco, descrizione della via
Dalla Valsugana imboccare la strada che sale a Fiera di Primiero. Poco prima di raggiungere il paese svoltare a sinistra (galleria Totoga) e seguire le indicazioni per Canal San Bovo. Superato il paese tenere la destra al bivio (seguire sempre per Caoria). Dopo circa un chilometro e mezzo sulla destra, poco prima dell'inizio di una struttura di protezione dei massi, si trova un piccolo spiazzo dove parcheggiare.
Imboccare il sentiero e al primo bivio tenere la destra (indicazione Salina); al secondo svoltare a sinistra. Continuare lungo il ripido sentiero raggiungendo in breve le pareti. Superare lo "Spigolo del Pompiere" e altre due vie sportive. In corrispondenza dell'attacco si trova un cartello con il nome della via.

1° tiro:
salire il diedrino e la successiva placchetta sino a raggiungere una terrazza. La sosta si trova alla base della parete successiva (2 fix+anelli). Ignorarla e proseguire lungo il camino/diedro di destra (allungare bene le protezioni). Facili gradoni precedono la sosta (2 fix+anelli). 45 Mt., 5a, II, 5a, 4c, 12 fix, 1 sosta intermedia (2 fix+anelli).

2° tiro:
spostarsi a destra per pochi metri e risalire la parete. Spostarsi a destra, aggirare uno spigoletto con passi delicati e successivamente tornare a sinistra in direzione della sosta (2 fix+anelli). 25 Mt., 5b, 10 fix.

3° tiro:
salire in verticale sopra la sosta e proseguire lungo un diedrino al termine del quale ci si sposta a sinistra (passo delicato) e si raggiunge così la sosta (2fix+anelli). 15 Mt., 4c, 5a, 5 fix.
Discesa
La discesa avviene in corda doppia. Dall'ultima sosta scendere alla S1 e da questa alla base della parete.
Rientrare alla macchina percorrendo a ritroso il sentiero d'avvicinamento.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Will sulla prima lunghezza

Alessandro all'inizio secondo tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Il passo delicato del secondo tiro

Ultimi metri del secondo tiro