Le Torcole

 
Zona montuosa Alpi Orobie Località di partenza Loc. Piazzo - Piazzatorre (BG)
Quota partenza 1100 Mt. Quota di arrivo 1786 Mt.
Dislivello totale 800 Mt. Data di uscita 10/03/2018
Ore di salita 2 h. Ore di discesa 2 h.
Sentieri utilizzati n. 121, 119 Giudizio sull'escursione Discreta
Sass Balòss presenti Omar Difficoltà E
Condizioni climatiche e dei sentieri

Abbondante nevicata per l'intera durata della camminata. Manto nevoso che superava tranquillamente il metro d'altezza alle quote raggiunte. L'intero tracciato è risultato perfettamente battuto. Una parte della camminata si svolge lungo il margine della pista da sci chiamata "Panoramica" sopra Piazzatorre.

Eventuali pericoli
Nessuno. Anche con grandi quantità di neve, il percorso è sempre sicuro poiché si svolge per buona parte nel bosco e poi lungo zone non soggette a slavine.
Presenza di acqua
Troverete una fontana poco dopo la partenza, all'inizio della ripida salita cementata nel bosco. Altra acqua sarà disponibile al rifugio Gremei dopo circa 1 ora e venti minuti della partenza.
Punti di appoggio
Il rifugio Gremei offre riparo ed è aperto anche nel periodo invernale per gli sciatori. Più in alto potrete ripararvi presso la Baita Fi nei pressi dell'incrocio tra il sentiero 121 e il 119 verso destra. Proseguendo oltre si incontrano un paio di baite e sulla cima del Monte Torcola Soliva sorge il complesso ormai in abbandono del rifugio Torcole 2000. Sotto di questo è collocata una bella baita (Leo House) che potrebbe offrire un minimo di riparo. Tornati all'incrocio la pista "Panoramica" e proseguendo verso il Forcolino di Torcola, arriverete alla stazione d'arrivo della Funivia Gremei 2.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Nulla. Anche le ciaspole sono superflue perché il tracciato risulta sempre ben battuto, salvo grosse nevicate la notte prima della camminata.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Le Torcole sono una placida e dolce zona montuosa posta sopra l'abitato di Piazzatorre e sono costituite da una lunga ed ampia dorsale erbosa ai cui margini si stendono fitte abetaie che le adornano di una bellissima cornice naturale. Partendo da Est abbiamo la Torcola Vaga, la Cima Gremelli, il Torracchio, la Torcola Soliva e il Monte Torcola. Rilassanti e tranquille nella stagione estiva ed autunnale, divengono teatro di sciatori e sci alpinisti nella stagione invernale, a seguito della presenza di una serie di piste di discesa lungo le loro pendici verso Piazzatorre. Scegliendo la giornata giusta, priva di sciatori, anche durante l'inverno, specie se ben innevate, possono garantire una piacevole passeggiata su un terreno sicuro e privo di difficoltà, anche con grandi quantità di neve in quota. I panorami dalle loro cime garantiscono splendidi momenti di contemplazione, mentre i fitti boschi di abeti alla loro base, danno un fantastico senso di silenzio e pace a chi li percorre.
Descrizione percorso
Giunti a Piazzatorre in Valle Brembana, si sale alla località Piazzo, seguendo le indicazioni per gli impianti di risalita delle piste da sci. Arrivati nei pressi della stazione di partenza della seggiovia Gremei, si parcheggia l'auto. Sulla sinistra è possibile vedere una palina che indica il sentiero n. 121 per il Monte Torcola Vaga. Seguiamo per un breve tratto la strada asfaltata fino a che questa termina e si trasforma in una ripida strada cementata che si inoltre nel bosco. Oltrepassiamo una sbarra metallica. Subito superiamo una fontana sulla sinistra. La pendenza è notevole e la presenza di numerosi tornanti rende meno faticoso il procedere all'ombre di una fitta abetaia. Ad un primo bivio, dopo pochi minuti di cammino, troviamo una bacheca che ci illustra le caratteristiche della zona in cui ci troviamo. Qui andiamo a sinistra, seguendo la salita. Questa finalmente termina dopo una ventina di minuti. La strada cementata lascia il posto ad una bella stradina sterrata ad uso agro-silvo-pastorale. Con più tranquillità procediamo sempre immersi tra alte conifere. Attraversiamo un torrente, regimato da importanti opere idrauliche, che scende dalla Valle Torcola e proseguiamo verso destra. Improvvisamente il bosco di abeti lascia il posto ad una bella radura prativa al cui centro troviamo la Casera Torcola Vaga (1486 metri di quota, a meno di un ora dalla partenza). Qui una palina ci indica il luogo in cui siamo e la direzione per il rifugio Gremei. Saliamo ancora con ampie volte del sentiero, caratterizzato da dolce pendenza. Rientriamo poi nell'abetaia per uscirne nei pressi della stazione d'arrivo della seggiovia Gremei 1. Pochi metri ed eccoci al cospetto del rifugio Gremei (quota 1550 metri, venti minuti dopo la casera). Da qui, sulla sinistra parte la seggiovia Gremei 2. Noi superiamo il rifugio e saliamo lungo la pista da sci "Panoramica", restandone rigorosamente ai margini. La pista è ampia ma mai ripida e corre lungo due ali di fitti abeti scuri. In meno di 30 minuti arriviamo all'evidente incrocio a "T" con il sentiero n. 119. Qui vediamo una palina. La pista da sci prosegue verso sinistra e la seguiremo più tardi, mentre ora andiamo a destra verso la Torcola Soliva e l'ex rifugio Torcole 2000. Inizialmente la pendenza è sostenuta, ma una volta superata la Baita Fi, questa tende a diminuire fino a che l'ampio sentiero diviene quasi pianeggiante. Superiamo sotto di noi una baitella con un crocefisso in legno e proseguiamo senza sforzo alcuno. In alto verso sinistra è possibile vedere alcuni alti ripetitori ed antenne. Passando sotto le pendici sulla cui cima si trovano queste strutture metalliche, ce ne allontaniamo momentaneamente. Passiamo ora sotto i cavi di una seggiovia in disuso. Giunti ad una zona pianeggiante, quasi un conca, davanti a noi appaiono i vecchi impianti di risalita ormai abbandonati in zona Torcola Soliva. Da qui, prima di arrivare sotto a questi impianti, deviamo decisamente verso sinistra per risalire un ripido prato, alla cui sommità vediamo il grosso edificio dell'ex rifugio Torcole 2000. Saliamo quindi il ripido pendio e lasciamo sulla destra un bel baitello (Leo House) in legno scuro. Poche decine di metri ed eccoci all'ex rifugio nei cui pressi sorgono anche le strutture abbandonate degli impianti vecchi nonché le antenne e i ripetitori di cui sopra. Qui dovrebbe esserci anche una web cam che riprende 24 ore su 24 l'ambiente circostante. La zona è piuttosto triste e mette una certa angoscia, nonché un profondo senso di spreco e danno ambientale, per cui scendiamo velocemente.
Discesa
Una volta tornati all'incrocio con la pista da sci "Panoramica", la seguiamo in salita (sentiero n. 119 verso il Forcolino di Torcola) fino alla stazione d'arrivo della seggiovia Gremei 2. Lungo la salita, tra due ali di abeti, ad un certo punto si supera una bella baitella in pietra giallastra. Qui si stacca un sentiero (n. 225) che scende verso Isola di Fonda e il borgo antico di Pusdosso. Ignorando la deviazione, proseguiamo fino alla stazione d'arrivo della seggiovia per poi procedere oltre lungo una bella e rilassante dorsale erbosa con ampie vedute sul Monte Secco brembano verso sinistra e sulla zona della Cima Menna verso destra. Questa è la zona della Torcola Vaga. Prima di giungere al Forcolino di Torcola (zona da evitare in caso di forte innevamento) torniamo sui nostri passi e percorriamo la discesa fino a Piazzatorre
.

Note
Parte di questo itinerario è stato seguito durante la camminata al Pizzo Badile Brembano del 19/12/2015. Oltre la stazione superiore della seggiovia Gremei 2, è possibile, se le condizioni della neve lo permettono, proseguire fino al Forcolino di Torcola (oltre è sconsigliato con neve); io ho preferito rinunciare quando il tracciato non è più risultato battuto e si sprofondava nella neve ben oltre le ginocchia.
Commenti vari
Si consiglia di evitare questo percorso nella stagione invernale, durante le belle giornate di sole, poiché la zona sarebbe piena di sciatori, e ciò renderebbe pericolosa, oltre che vietata, la convivenza tra camminatori e discesisti scatenati.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Nei pressi della Casera di Torcola Vaga

Fitta nevicata nei pressi del rifugio Gremei

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Omar all'ex rifugio Torcole 2000

Lungo la pista da sci "Panoramica" verso Torcola Vaga

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Un simpatico e taciturno amichetto incontrato alla Torcola Vaga

Dalla Torcola Vaga vista verso il rifugio Torcole 2000
con i ripetitori