Rocca del Prete - Spigolo Nord

 
Zona Montuosa Appennino Ligure LocalitÓ di partenza Ristorante Da Prevetto - Strada del Passo del Tomario (Santo Stefano d'Aveto - GE)
Quota Partenza 1391 Mt. circa Quota di arrivo 1666 Mt.
Dislivello totale

+100 Mt. per l'attacco
+175 Mt. la via (240 lo sviluppo)

Data di uscita 01/01/2011
Ore di salita 40' dal rifugio all'attacco
3 h. la via
Ore di discesa 30'
Sentieri utilizzati Non numerati Giudizio sull'ascensione Sufficiente
Sass Balòss presenti Bertoldo Difficoltà AD con 2 lunghezze di IV+
Persone esterne presenti
Paolo, Raffo.
Condizioni climatiche, dei sentieri e del ghiaccio
Il cielo è stato variabile durante tutta l'ascensione e dalla vetta abbiamo potuto beneficiare di una splendida visuale della parete nord del Monte Penna. I sentieri che si percorrono sono ben segnalati ed evidenti. Lo scarso innevamento delle vie di misto ci ha costretti a cambiare programma e a ripiegare su questo spigolo.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Il ristorante Da Prevetto.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Normale dotazione alpinistica, ramponi, 2 picche, cordini, viti da ghiaccio.
Descrizione dell'ascensione

Descrizione generale
La rocca del Prete è una bastionata rocciosa non molto alta che si estende per circa 600 Mt. Lungo questa parete sono presenti delle vie di roccia e degli itinerari di misto. Una montagna per tutte le stagioni. La nostra intenzione era di cimentarci con il ghiaccio ma le cattive condizioni ci hanno costretto a cambiare il nostro progetto. Noi abbiamo salito le prime lunghezze dello spigolo nord e successivamente, quando questo diviene discontinuo, abbiamo proseguito stando a sinistra dello stesso lungo un terreno misto di ghiaccio, neve ed erba.
Lo spigolo nord è stato salito da Euro Montagna e Emanuele Guarnieri nel 1960 e recentemente l'itinerario è stato riattrezzato con moderni spit.

Attacco, descrizione della via
Da Santo Stefano d'Aveto imboccare la strada che sale al passo del Tomarlo. Dopo aver superato la deviazione per Gavadi parcheggiare in corrispondenza del ristorante "Da Prevetto" (è utile chiedere il permesso ai titolari). E' possibile raggiungere il ristorante anche provenendo da Piacenza risalendo la val Nure.

Imboccare il sentiero che parte dietro il ristorante e che in breve conduce ad una strada sterrata; qui prendere a sinistra e continuare sino ad incontrare un bivio sulla destra dov'è presente una palina che indica la Rocca del Prete. Seguire il sentiero di destra e dopo pochi metri abbandonare il sentiero principale per seguire una traccia che si stacca sulla sinistra e che conduce alla base della parete (bolli gialli). Costeggiare tutta la parete sino a raggiungere l'attacco che è posto alla base dello spigolo nord, pochi metri prima dell'imbocco del Canalone Martinicano (visibili degli spit).

1° tiro:
attaccare a circa 2 Mt. dallo spigolo vero e proprio lungo una bellissima placca lavorata. Raggiunto il filo dello spigolo continuare per terreno più semplice sino alla sosta (2 spit di cui 1 con anello di calata). 35 Mt., IV+, IV, III, 7/8 spit.

2° tiro:
continuare in verticale per pochi metri indi traversare a destra aggirando uno spigolino. Continuare lungo una placca lavorata sino alla sosta. Poco prima della sosta abbiamo traversato a sinistra abbandonando così lo spigolo vero e proprio (che ora diviene discontinuo) per continuare lungo un terreno di ghiaccio e neve. Sosta su albero. 30 Mt., IV+, 8 spit.

3° tiro:
salire i vari risalti e poco prima di raggiungere lo spigolo traversare a sinistra sino a raggiungere la base di una colata di ghiaccio. Sosta su albero. 30 Mt., III, I.


4° tiro:
salire la sovrastante colata di ghiaccio e continuare sino a raggiungere un muro verticale dove si sosta su di un albero. 45 Mt., 50°, II.

5° tiro:
traversare a sinistra, aggirare lo spigolino e continuare in verticale sino ad uscire su di un terreno più semplice dove si sosta su di un albero. 40 Mt., II, 55°, 40°, I.

6° tiro:
per facile terreno nevoso si raggiunge la sommità della Rocca del Prete. 50 Mt., 35°, 45°.
Discesa
La discesa avviene lungo la via normale. Imboccare la traccia di sentiero verso destra (viso a monte - bolli CAI su piante) che dopo essersi alzata per qualche metro s'appresta ad attraversare una boscaglia in quota. In breve il sentiero perde quota e si ricongiunge alla strada abbandonata durante l'avvicinamento. Da qui in breve si rientra al ristorante percorrendo a ritroso il percorso d'avvicinamento.

   
Ingrandisci
Ingrandisci
Costeggiando la parete
Raffo e i primi passi verso l'alpinismo dei F.lli Rusconi
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Il traverso della seconda lunghezza diviene
più complicato con gli scarponi
Secondo tiro
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Paolo al traverso al termine della seconda lunghezza
Will
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Penultima lunghezza
Matteo, Raffo e Paolo in vetta
   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.