Rocca Castello - Via Diedro Calcagno (con uscita diretta)

 
Zona montuosa Alpi Cozie - Gruppo Castello-Provenzale LocalitÓ di partenza Fraz. Chiappera - Acceglio (CN)
Quota partenza 1950 Mt. Quota di arrivo 2452 Mt.
Dislivello totale

+360 -50 Mt. circa dal parcheggio all'attacco
+192 Mt. la via (255 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati n. T14
Ore di salita

50' dal parcheggio all'attacco
5 h. la via

Ore di discesa

45' le doppie
45' il sentiero fino al parcheggio

Esposizione Est, nord-est Giudizio sull'ascensione Ottima
Data di uscita 26/06/2013 Difficoltà V, VI+ (seguendo l'uscita diretta)
Sass Balòss presenti
Luca.
Amici presenti
Claudia.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Bella giornata abbastanza serena anche se le temperature non si sono mai avvicinate ai canoni estivi. Il sentiero che conduce all'attacco è evidente. La roccia in via Ŕ ottima.

Eventuali pericoli
Soliti d'arrampicata in ambiente.
La roccia è ricoperta quasi ovunque da licheni. Se asciutta non dà problemi, ma da bagnata risulta molto scivolosa!
Presenza di acqua
La Val Maira è ricca d'acqua tant'è che è ben sviluppata una rete di centrali idroelettriche. Si trovano varie fontane nei paesi che si attraversano per arrivare a Chiappera. Sul percorso di avvicinamento noi abbiamo trovato un abbondante corso d'acqua, ma potrebbe essere che, in piena estate, sia asciutto.
Punti di appoggio
Rifugio/campeggio Campo Base (1650 Mt., 34 posti letto) oppure le varie possibilità di alloggio nei paesi/frazioni limitrofe.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Solito da arrampicata. Indispensabile una serie di friends (da 0.3 a 2 Camalot) o dadi per integrare le protezioni.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Il gruppo del Castello-Provenzale è formato da tre torri di quarzite che, dai prati del Vallone Maurin, si stagliano verso il cielo
.
La Rocca Castello è la più alta delle tre e, verso sud, è separata dalla vicinissima Torre Castello da un profondo intaglio detto "Forcella del Castello". Verso nord si protende con una lunga cresta mentre le pareti più interessanti risultano la ovest e la est: ma è senza dubbio quest'ultima la più frequentata e più ricca di itinerari.
Il Diedro Calcagno è stato salito dai fratelli Gianni e Lino Calcagno, Luigi Coluccini, Giovanni Scabbia e Gianfranco Negro il 15 maggio 1965. Non è un itinerario con attacco indipendente dalla base della parete e per raggiungerlo bisogna percorrere le prime lunghezze di altre vie adiacenti. Noi abbiamo seguito la via Bàlzola fino alla S3 come fecero i primi salitori. L'itinerario originale, dopo due lunghezze nel diedro, traversa a destra per evitare la parte finale strapiombante che venne salita successivamente da Sergio Savio aprendo una bella variante d'uscita, molto consigliabile, che segue la linea del diedro fino alla fine. Arrampicata abbastanza atletica e continua, peccato che, anche seguendo la variante, si arrampichi nel centro del diedro solo per le prime due lunghezze.
Attacco, descrizione della via
Si raggiunge Dronero (CN) dove ha inizio la Val Maira. Si percorre quest'ultima interamente fino a raggiungere il comune di Acceglio oltre il quale si prosegue per la frazione Chiappera. Continuare sulla strada fino ad un bivio: sinistra per il rifugio Campo Base, destra per il Colle Greguri e Col de Maurin. Si segue per quest'ultimi e si continua fino ad oltrepassare un ponte (la strada è per lo più sterrata) oltre il quale un tornante verso destra permette di raggiungere una zona abbastanza pianeggiante con delle baite dove si parcheggia. Da qui incamminarsi verso il Colle Greguri (segnavia T14) preceduto da un bel pianoro erboso che offre un'ottima vista sui versanti nord ed ovest della Rocca e della Torre Castello. Una volta raggiunto il Colle Greguri (2310 Mt.) è ben visibile il grosso diedro rossastro che caratterizza la via. Dal colle scendere sul versante opposto fino alla base della parete. Per raggiungere l'inizio del diedro è necessario percorrere le prime lunghezze di un altro itinerario. Noi abbiamo seguito la via Bàlzola sino alla S3. L'attacco di questa via è pochi metri a destra dello spigolo Sud-est (quello di sinistra) dove corre la via Spigolo Maria Grazia. Individuare l'evidente fessura del primo tiro che sale obliqua verso destra. Circa 10 metri più a destra, alla base di un diedrino, attacca la via Sete d'oriente.

1° tiro - "Via Bàlzola":
seguire la fessura, superare lo strapiombino verso destra e continuare ancora un po' verso destra. Poi obliquare a sinistra fino alla sosta (3 spit+cordoni+maglia rapida) già visibile dal basso.
30 Mt., V, IV+, 2 chiodi, 1 friend incastrato, 1 sosta intermedia (2 chiodi+cordone).

2° tiro:
salire fin sotto il tettino dal quale si esce facilmente verso destra. Puntare ora al diedrino di destra, lo si risale fino al suo termine e si sosta (3 spit+cordoni+maglia rapida) sulla destra. 25 Mt., IV+, IV, 6 chiodi, 1 friend incastrato.

3° tiro:
alzarsi sfruttando la breve fessurina sopra la sosta e poi traversare a destra sotto una zona strapiombante (verso la fine c'è un chiodo alto della via Sete d'oriente) al termine della quale si sale obliquando a sinistra fino al comodo terrazzo di sosta (3 spit+cordoni+maglia rapida). 40 Mt., V-, IV, III, 2 chiodi, 2 soste intermedie (di 2 chiodi l'una).


4° tiro - "Diedro Calcagno":
obliquare a destra e poi traversare sempre a destra fino alla base del diedro. Si sosta (3 chiodi) sulla faccia destra.
20 Mt., III+, 1 chiodo con cordone.

5° tiro:
portarsi nel centro del diedro e salirlo. Si aggira un grosso masso sulla destra e, sfruttando una lama, si torna nel centro del diedro che si segue sino alla sosta (4 chiodi). 30 Mt., IV, V, V+, 4 chiodi (2 dei quali con cordino).

6° tiro:
seguire il diedro fino alla sosta (3 chiodi). 30 Mt., V, IV, 1 chiodo.

7° tiro:
da qui l'itinerario originale traversa verso destra. Per la variante d'uscita diretta si prosegue sulla faccia destra del diedro per fessure ed in leggero obliquo verso destra fino alla sosta (2 chiodi) sotto un muretto ed uno spigolino. 20 Mt., III, IV.

8° tiro:
dritti sullo spigolino per poi traversare a destra e salire la fascia strapiombante con l'aiuto di una stretta fessura. Raggiunta la terrazza inclinata sotto il salto finale si individua la sosta (3 spit+cordone+maglia rapida) sulla destra.
30 Mt., V, IV, VI+, III, 9 chiodi (2 dei quali vicini).

9° tiro:
salire l'ultimo salto che porta in vetta stando all'incirca nel centro della parete fino a raggiungere la croce (1 cordone+maglia rapida).
30 Mt., III+, IV, 1 chiodo, 1 clessidra con cordoni, 1 sosta di calata (2 spit+cordone+anello calata+maglia rapida) appena sotto la croce.
Discesa
In doppia sfruttando le soste della via Bàlzola. Gli ancoraggi sono tutti su 3 spit+cordone+maglia rapida tranne uno che ha la catena al posto del cordone:
1a. calata: 30 Mt., spostandosi a sinistra (viso a monte) sul bordo della terrazza dove termina il diedro della via Bàlzola (doppia sosta);
2a. calata: 30 Mt.;
3a. calata: 25 Mt.;
4a. calata: 30 Mt. sino alla S3;
5a. calata: 25 Mt. sino alla S2;
6a. calata: 50 Mt. sino a terra.
Raggiunta la base della parete si risale fino al Colle Greguri e poi si torna alla macchina mediante il sentiero percorso durante l'avvicinamento.

Commenti vari
E' possibile raggiungere l'attacco anche seguendo il sentiero T12 (partenza due curve dopo il bivio per il rifugio/campeggio Campo Base) il quale risulta, a nostro parere, più faticoso per via del maggior dislivello.

Clicca per visualizzare lo SCHIZZO DELLA VIA
(Disegno di Claudia Farruggia "Iaia")

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca sul primo tiro

Claudia esce dal tettino della seconda lunghezza

 

Ingrandisci

Ingrandisci

Due scatti sul quinto tiro all'inizio del diedro rosso

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Manca poco alla sosta

Sesta lunghezza

 

Ingrandisci

Ingrandisci

Traverso sull'ottavo tiro per portarsi sotto la verticale degli strapiombi dai quali si esce sulla terrazza inclinata sotto la vetta

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca e Claudia in vetta alla Rocca Castello

La parete con il tracciato della via

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.