Rifugio Como

 
Zona montuosa Alpi Retiche Località di partenza Livo (CO)
Quota partenza 675  Mt. Quota di arrivo 1790 Mt.
Dislivello totale +1300 Mt. circa con saliscendi Data di uscita Inverno 2000
Ore di salita 3 h. abbondanti Ore di discesa 2 h.
Sentieri utilizzati n. 4 (Via dei Monti lariani), tracce Giudizio sull'escursione Bella
Sass Balòss presenti Omar, Gölem Difficoltà E
Amici presenti
James.
Condizioni climatiche e dei sentieri
I sentieri sono ben evidenti e comodi. Abbiamo incontrato neve e ghiaccio nei pressi del rifugio, ma non ci sono situazioni particolarmente pericolose, anche in tali condizioni.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
A Baggio vi è una bella fontana. E comunque acqua si trova anche nella parte alta della camminata, nonché al lago nei pressi del rifugio.
Punti di appoggio
Dopo meno di 1 ora dall’inizio, si incontra il paesello Baggio con varie casette, utili per offrire riparo in caso di necessità. Con una breve deviazione si può arrivare al rifugio Pianezza.
Caratteristiche dell'escursione

Itinerario molto bello, poco frequentato, specie fuori stagione. Nel complesso l'escursione risulta un poco impegnativa fisicamente. Bella la conca glaciale dove si trova il rifugio.
Descrizione percorso
Giungendo da Colico proseguire dritti in direzione di Chiavenna. Poco dopo il termine della statale 36 svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per Como e attraversare la zona denominata "Pian di Spagna". Proseguire oltrepassando il "Ponte del Passo" lungo la statale 340 fino ad arrivare a Gravedona. Qui svoltare sulla destra e seguire le indicazioni prima per Pèglio e poi per Livo.
Arrivati al cimitero di Livo, presso la chiesa di san Giacomo, si posteggia e si inizia a camminare lungo una strada sterrata in lieve discesa. Giunti ad un ponticello in pietra, la discesa termina e da qui si inizia a salire lungo una bella scalinata che porta all’interno di un castagneto. La salita è ripida fino al paesello di Baggio. Il sentiero attraversa in mezza costa il paese, per poi perdere quota fino ad un ponte che ci porta sull’altro versante della vallata. Si torna a salire e in breve si rientra in un faggeto. Lungo la salita si supera la deviazione per il bivacco Petazzi. Arrivati all’Alpe di Pianezza (indicazioni per il rif. Pianezza), si incontra un bellissimo ponte in pietra, lo si lascia sulla nostra destra per proseguire lungo il torrente. Quando la valle si allarga, nei pressi dell’Alpe di Darengo, ci troviamo in un primo circo glaciale, risalendone la costa tenendosi verso destra, si giunge al circo glaciale superiore dove troviamo il lago di Darengo e il rifugio Como.

Note
In alcuni periodi dell’anno è possibile fare in auto i circa 3 km di discesa e quindi al ritorno di salita che ci sono tra la chiesa di San Giacomo e il vero inizio della camminata. Fate però attenzione ai divieti di circolazione imposti dal comune di Livo. Il rifugio non è custodito e per le chiavi si deve chiedere al CAI di Dongo.
Il paesino di Baggio è decisamente affascinante e merita assolutamente una visita mentre lo si attraversa.
Commenti vari
Da segnalare l'eroica salita di James, che ha camminato sprofondando nella neve con delle vecchie e fradice scarpe da ginnastica.
 
Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.