Pizzo della Presolana Occidentale - Via Champenoise

 
Zona montuosa Alpi Orobie - Gruppo della Presolana Località di partenza Passo della Presolana (BG)
Quota partenza 1297 Mt. Quota di arrivo 2521 Mt.
Dislivello totale

+960 Mt. dal parcheggio all'attacco
+140 Mt. la via (190 lo sviluppo)
+124 Mt. dal termine via alla vetta

Sentieri utilizzati n. 32, 315
Ore di salita 2 h. 10' dal parcheggio all'attacco
4 h. 50' la via
Ore di discesa 2 h. dalla vetta al parcheggio
Esposizione Sud Giudizio sull'ascensione Scarsa
Data di uscita 25/07/2010 Difficoltà VI+/V, A1
Sass Balòss presenti
Bertoldo.
Amici presenti

Paolo, Massimiliano.

Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata ottima. I sentieri che si percorrono sono faticosi ma in ottimo stato. La roccia in via si alterna da ottima a scadente.

Eventuali pericoli
Soliti da arrampicata in ambiente. Prestare moltissima attenzione ai tratti con roccia precaria perché qualsiasi cosa si stacchi cade a piombo sulla via Normale che è solitamente molto frequentata.
Presenza di acqua
C'è una fontana nel piazzale accanto al negozio di souvenirs, poco distante dal parcheggio.
Punti di appoggio
La baita Cassinelli (1568 Mt.) ed il bivacco Città di Clusone (2050 Mt.).
Materiale necessario oltre al tradizionale

Oltre alla normale dotazione alpinistica è fondamentale avere con se friend, nut e cordini nonché un martello con dei chiodi.

Caratteristiche dell'arrampicata
Descrizione generale
La via Champenoise è stata salita da Stefano Morosini ed Elio Verzeri il 20 agosto del 2000 con metodo tradizionale (da qui il nome Champenoise) usando chiodi, friend e nut. Nella terza lunghezza i primi salitori hanno rinvenuto un chiodo con moschettone dovuti probabilmente ad un precedente tentativo. Dopo la prima lunghezza è possibile abbandonare la via e raccordarsi alla via normale.
Durante la nostra ripetizione non abbiamo trovato segni di passaggio e il materiale in parete corrisponde esattamente a quello elencato sulla relazione dei primi salitori.

Attacco, descrizione della via
Da Bergamo seguire le indicazioni per la Val Seriana e immettersi sulla Strada Provinciale n. 671 che sale verso il Passo della Presolana. Poco prima di raggiungere il passo sulla destra ci sono degli impianti sciistici. Sulla sinistra vi è la casa per ferie "Neve" e sulla destra un grandissimo spiazzo dove è possibile parcheggiare. Da qui camminare in direzione del passo per una decina di metri fino a quando sulla sinistra si stacca una piccola strada con l'asfalto danneggiato dove è posizionata una palina con cartelli in legno che indicano la Presolana e la baita Cassinelli. Seguire la strada che sale e diviene priva di asfalto. In corrispondenza del secondo tornante abbandonarla e seguire il sentiero che entra nel bosco fino a raggiungere la baita Cassinelli (1568 Mt.). Da qui seguire il sentiero n. 315 che sale verso la parete sud del massiccio e che conduce al bivacco Città di Clusone ed all'adiacente cappella Savina Barzasi.
Continuare sul sentiero oltrepassando la prima traccia che sale su un ripido ghiaione ed imboccando la seconda che conduce alla Grotta dei Pagani (lapidi commemorative in loco). Guardando la grotta si sale alla sua destra lungo la via Normale della Presolana Occidentale sino un'altra grande grotta (Grotta delle Farfalle) alla cui sinistra si trova una placca gialla molto lavorata dove recentemente è stata aperta la via Un pensiero per Amos (visibili i primi spit). La nostra via attacca qualche metro a sinistra di quest'ultima.

1° tiro:
salire la bella placca gialla con dei passi atletici sino a quando sulla sinistra è possibile traversare (chiodo all'inizio del traverso) per circa 6 Metri; continuare poi in verticale lungo un caminetto sino ad uscire su di un comodo terrazzino. La sosta (2 spit+cordone+moschettone calata+1 chiodo) è in comune con la via Un pensiero per Amos ed è situata alla base di un diedro (via "Bramani/Usellini").
50 Mt., IV, V, IV, III, 1 chiodo.

2° tiro:
traversare verso sinistra lungo un terreno che richiede un po' d'improvvisazione (alcuni tratti in discesa) anche per via della qualità della roccia. Raggiunto un camino molto aperto salire in verticale sino alla sosta (1 chiodo+1 clessidra con cordoni) che è in comune con il "Diedro Fioretto". 30 Mt., V-, IV, III, IV, 3 chiodi.

3° tiro:
salire a sinistra della sosta lungo una bella placca lavorata sino alla fessura che sale verso sinistra oltre la quale si trova un catino dove conviene sostare (3 clessidre sulla parete destra). I primi salitori continuarono sino a raggiungere il filo dello spigolo e li sostarono (sosta scomoda). 40 Mt., IV, VI oppure V e A1, 3 chiodi (di cui 1 nostro), 2 clessidre senza cordino.

4° tiro:
continuare lungo il canale sino a quando è possibile uscire a sinistra. Qui si trova la vecchia sosta (1 chiodo) utilizzata dai primi salitori. Traversare a sinistra (molto esposto) e poi continuare in verticale lungo una larga fessura strapiombante. Continuare poi per terrazze detritiche molto sporche sino a raggiungere la sosta (clessidra con cordone) alla base dell'ultimo salto verticale.
40 Mt., III, IV. VI-, 1 chiodo, 1 clessidrone al termine delle difficoltà.

5° tiro:
salire la bella placca sino alla sommità dove si sosta (1 chiodo). E' possibile evitare questa lunghezza uscendo lungo il facile canale/camino (soluzione da noi attuata dopo un tentativo - III, 1 passo di IV) a destra della stessa e sostando poco dopo su spuntone.
30 Mt., VI+, 2 chiodi, 2 nut incastrati.

Dalla vetta del pilastro effettuare una calata di 3 Mt. verso nord sino a raggiungere il ripido pendio erboso che si risale sino in cresta. Continuare poi verso sinistra (ovest) sino a raggiungere la vetta della Presolana Occidentale.
Discesa
Dalla vetta scendere mediante la via Normale: continuare la traversata in cresta (sempre verso ovest); superare l'anticima e poi scendere verso sinistra lungo un canale che presenta qualche passo d'arrampicata (II e una breve catena, molti bolli rossi) sino a raggiungere l'attacco e da qui a ritroso lungo il percorso seguito durante l'avvicinamento.

Clicca per visualizzare lo SCHIZZO DEI PRIMI SALITORI

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Massimiliano sulla prima lunghezza

Paolo all'inizio della placca del terzo tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Artificiale sul terzo tiro

Matteo in sosta

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Paolo sull'ultima difficile lunghezza

Finalmente in vetta

   
Ingrandisci
Parete sud della Presolana Occidentale con i tracciati delle vie: Normale, Champenoise, Un pensiero per Amos e Via dei Cinque