Pian della Paia/Dain - Via Cesare Levis (Diedro Manolo)

 
Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle del Sarca LocalitÓ di partenza Fraz. Pietramurata - Dro (TN)
Quota partenza 250 Mt. circa Quota di arrivo 645 Mt. circa
Dislivello totale +155 Mt. per l'attacco
+240 Mt. la via (295 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 50' per l'attacco
6 h. la via
Ore di discesa 1 h.
Esposizione Sud Giudizio sull'ascensione Ottima
Data di uscita 26/08/2006 Difficoltà VI+/V+, A0
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata soleggiata e calda. Il sentiero che conduce all'attacco è abbastanza evidente (bisogna però stare attenti a non sbagliare la rampa alberata sullo zoccolo); quello di discesa è una strada carrozzabile accorciabile con un comodo sentiero più ripido.
La roccia è generalmente ottima, ma sul passaggio chiave si presenta un po' unta.

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Normale materiale per arrampicata su roccia. Fondamentali dadi, friends e cordini per integrare.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Il Pian della Paia è un altopiano boscoso sostenuto da pareti rocciose ricche di linee di salita. Su queste pareti sono stati identificati tre settori: il primo è la "Parete Gandhi" che presenta una serie di vie in placca, il secondo è il "Transatlantico" che raccoglie numerose salite sportive piuttosto estreme e il terzo è il "Dain" ricco di itinerari che si snodano lungo diedri e fessure.
La parete sud del Dain fu vinta per la prima volta nel 1967 dalla cordata Heini Holzer e Renato Reali. Oggi il loro itinerario è stato un poco dimenticato causa la scarsa qualità della roccia. La via più famosa della parete è del 1978 (tuttora molto ripetuta) e si tratta di una piccola opera d'arte che si snoda lungo un'elegante diedro. Gli apritori sono Maurizio Zanolla (Manolo), G. Groaz e Marco Furlani. La via battezzata ai tempi "Cesare Levis" è oggi conosciuta anche come "Diedro Manolo".
Attacco, descrizione della via
Da Arco di Trento risalire la Valle del Sarca, oltrepassare il settore sportivo delle Placche Zebrate e, poco prima di arrivare a Pietramurata, svoltare a sinistra in direzione del crossodromo e dell'Hotel Ciclamino (indicazioni su cartelli di legno). Si parcheggia a lato dell'hotel in un ampio spazio.
Dal parcheggio seguire la strada (direzione sud - Arco di Trento) superando il crossodromo. Poi la strada diviene sterrata e si costeggiano dei frutteti tra i quali si stacca un sentiero in direzione della parete. E' possibile abbandonare il sentiero in più punti e seguire le tracce verso destra che portano ai vari attacchi. Noi consigliamo di alzarsi parecchio per traversare quasi in orizzontale alla rampa d'accesso alla parete. Risalire la rampa alberata (qualche piccolo passo d'arrampicata) fino a raggiungere una paretina friabile dove noi consigliamo di legarsi; sosta da attrezzare su radice (è possibile sfruttare,poco più in basso, una sosta attrezzata a fix).
Per individuare bene l'attacco, osservare la parete dai frutteti a lato della strada. Da lì è ben evidente un diedro giallo chiuso in alto da una successione di tre tetti lungo il quale corre la via Big Bang. Appena più a destra, meno marcato, c'è il diedro della via Cesare Levis.

1° tiro:

salire lo spigolino a destra della paretina friabile (possibile salire direttamente la paretina) e proseguire lungo la rampa erbosa fino a raggiungere un boschetto sospeso. Sostare su di un albero con cordino, prima di raggiungere l'evidente pilastro staccato sulla destra.
50 Mt., IV, III, 1 albero con cordino.

2° tiro:
ignorare la traccia verso destra. Traversare invece a sinistra e salire le facili rocce sino a raggiungere la sommità di un piccolo pulpito dove si sosta (da attrezzare su pianta). 25 Mt., II, III.

3° tiro:
a destra della sosta per facili rocce entrando nell'evidente diedro-canale. Superare un grosso albero e continuare lungo il diedro sino a raggiungere la sosta (3 chiodi+spuntone+cordone+anello calata) situata su di un piccolo terrazzino a destra.
40 Mt., IV, V, 1 friend incastrato, 1 cordone, 3 chiodi.

4° tiro:
tiro chiave della via. Salire nel diedro, in corrispondenza dell'evidente tetto traversare a sinistra sino ad una sosta, qui salire un poco e spostarsi nuovamente a destra raggiungendo il punto più debole del tetto. Vincerlo grazie ad un'ottima fessura per le mani e sostare (3 chiodi+cordone) appena oltre.
30 Mt., V+, VI+ oppure V+ e A0, 6 chiodi, 1 fettuccia incastrata, 1 dado incastrato, 1 sosta (2 chiodi+cordino).

5° tiro:
seguire ancora il diedro, uscire a destra in placca per qualche metro (sosta intermedia), poi rientrare a sinistra nel diedro che si segue sino alla sosta (2 chiodi) situata in corrispondenza di una nicchia. 35 Mt., V+, 3 chiodi, 1 dado incastrato, 1 sosta intermedia (3 chiodi).

6° tiro:
seguire il diedro sino a raggiungere un terrazzino sulla sinistra dove si sosta comodamente (3 chiodi+cordone).
45 Mt., V, V+, 7/8 chiodi, 1 dado incastrato, 1 clessidra con cordone.

7° tiro:
seguire sempre il diedro puntando all'evidente tettino soprastante. Non lo si supera direttamente ma, appena sotto di esso, si traversa sulla sinistra e si esce con passo strapiombante ma ben appigliato. Si sosta (2 fix oppure pianta con cordone) sulla cengia. In alternativa, dopo 7/8 Mt., salire la fessura grigia di sinistra (da proteggere) fino al superare il tettino per la lama di sinistra raggiungendo la sosta.
30 Mt., V, V+, V, 4 chiodi.

8° tiro:
a sinistra della sosta per spigolino e successivamente placca. Traversare brevemente a destra imboccando il diedrino al termine del quale si obliqua a sinistra sino al boschetto sommitale dove si attrezza l'ultima sosta. 55 Mt., V+, IV, 3 chiodi, 2 radici con cordone.
Discesa
Seguire la traccia verso destra sino ad un ampio spiazzo; poi dritti addentrandosi nel bosco fino a raggiungere una strada carrozzabile.
Da questo punto seguire sempre la strada (verso destra, direzione Monte Casale) sino al suo termine sul provinciale.
E' possibile (e consigliato) scendere attraverso scorciatoie segnate con bolli rossi. Nell'ultimo tratto è presente una palina con indicazione verso sinistra "rientro dalla ferrata Che Guevara". Qui andare a destra sbucando in breve dietro all'hotel Ciclamino.

Note
L'eleganza e l'esposizione di questa via ne fanno un itinerario da consigliare.
Commenti vari

La prima lunghezza è in comune con le vie dell'Angelo, Kerouac, Baldo Groaz.

Pubblicazioni
Questa relazione è stata inserita nella guida ARRAMPICARE Dolomiti sud-occidentali vol.1 edita da ViviDolomiti.
Clicca sull'immagine qui sotto per accedere alla pagina web ViviDolomiti edizioni - libri di montagna e acquistarne direttamente una copia.
Clicca per visualizzare lo SCHIZZO DELLA VIA CESARE LEVIS (DIEDRO MANOLO)
(Disegno di Claudia Farruggia "Iaia")
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Un inaspettato incontro nei pressi dell'attacco

Inizio della quarta lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Bice impegnata nel passaggio chiave

Bertoldo in uscita dal passaggio chiave

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Massimo alla partenza del quinto tiro

Il bel diedro della sesta lunghezza

Ingrandisci

Ingrandisci

Settimo tiro stando nella fessura grigia sulla sinistra

Pian della Paia/Parete del Dain con i tracciati delle vie:
Vegetable, Charlie Brown, Angelo, Cesare Levis, Kerouac,
Baldo Groaz
, Emanuele Zenatti, Siebenschlafer, Genoma e Spigolo