Monte Penna - Canale Roberto

 
Zona montuosa Appennino Ligure LocalitÓ di partenza Casa Forestale del Monte Penna
(Amborzasco di Santo Stefano d'Aveto - GE)
Quota partenza 1367 Mt. Quota di arrivo 1735 Mt.
Dislivello totale

+115 Mt. per l'attacco
+253 Mt. il canale (335 lo sviluppo)

Data di uscita 02/01/2011
Ore di salita 40' dal rifugio all'attacco
3 h. 50' il canale
Ore di discesa 1 h. 10'
Sentieri utilizzati Non numerati Giudizio sull'ascensione Ottima
Sass Balòss presenti Bertoldo Difficoltà D con 1 passo di V+
Amici presenti
Paolo, Raffo.
Condizioni climatiche, dei sentieri e del ghiaccio
Il cielo è stato coperto durante tutta l'ascensione; solo in vetta abbiamo avuto qualche schiarita che ci ha permesso di avere una bella visuale sulla Rocca del Prete. Il sentiero che conduce all'attacco è ben segnalato con triangoli gialli mentre quello di discesa con segnavia CAI. Le condizioni del canale erano molto buone: neve dura e ghiaccio consistente.
Eventuali pericoli
E' consigliabile evitare il canale in presenza di numerose cordate.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
La casa forestale del Monte Penna posta in corrispondenza del parcheggio.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Normale dotazione alpinistica, ramponi, 2 picche, numerosi cordini, viti da ghiaccio ed eventualmente un paio di chiodi da roccia (utili in caso di scarso innevamento).
Descrizione dell'ascensione

Descrizione Generale
Il Monte Penna è situato al confine tra l'Emilia Romagna e la Liguria dividendo così la privincia di Parma da quella di Genova. L'origine del nome che caratterizza questa cima è arcaica e pare sia collegata al culto montano del Dio "Pen". Tale origine è comune anche ad altri gruppi montuosi come i Monti Pennini in Gran Bretagna e le Alpi Pennine.
Il Canale Roberto è stato salito nel 1988 da Martino Cattoni e Fabio Villa e presenta dei tratti di misto con un'inclinazione che raggiunge i 60°; lungo il secondo tiro è presente un impegnativo passaggio su roccia di V+.
Tra i canali presenti sul versante settentrionale della montagna questo canale è tra i più conosciuti e certamente il più appagante.
Attacco, Descrizione della via
Da Santo Stefano d'Aveto (GE) imboccare la strada che sale verso gli abitati di Gramizza e Amborzasco superati i quali si prosegue sino a raggiungere la Casa Forestale situata a 1367 Mt. dov'è possibile parcheggiare (in caso di neve difficilmente i mezzi spazzaneve puliranno oltre questo punto).
Da qui imboccare il sentiero segnalato con triangoli gialli che lentamente guadagna quota. Dopo circa 20' abbandonarlo e traversare a destra sino a raggiungere il conoide che divide il Monte Penna dal Pennino lungo il quale corre il frequentatissimo Canale Nord. Qui traversare verso destra (viso a monte) per circa 60 Mt. sin sotto la verticale di una grotticella. Qui attrezzare una sosta su di una pianta.

1° tiro:
salire in verticale sino a raggiungere la grotticella alla cui sinistra si trova la sosta (2 chiodi con cordone e maglia rapida, 1 spit, 1 chiodo).
40 Mt., 55°.

2° tiro:
travesare verso destra lungo un tratto delicato per circa 7 Mt. indi proseguire in verticale sino a quando è possibile ritornare a sinistra. Superare un muretto molto delicato e sostare poco dopo su di una pianta. 40 Mt., 60°, 1 passo di V+, 2 chiodi, 1 spit.

3 tiro:
traversare verso sinistra e risalire il canale sino a raggiungere una comoda pianta (situata prima del restringimento del canale) dove si sosta. 25 Mt., 45°.

4° tiro:
salire il canale che ora diviene più stretto. Superare un tratto verticale stando sulla sinistra e continuare sino a raggiungere la sosta situata sulla sinistra (1 chiodo + 1 spit collegati da un cordino). 35 Mt., 45°, 60°, 1 chiodo.

5° tiro:
continuare lungo il canalino in verticale indi piegare a sinistra sino a quando ci si trova davanti ad un muro. Qui sostare sulla destra (2 spit). 55 Mt., 50°, 60°, 3 chiodi.

6° tiro:
superare il muretto a destra della sosta e continuare lungo un canalino che poi diviene camino. Sostare poco oltre su di una pianta.
40 Mt., 55°, passi di IV°+, 3 spit, 1 chiodo.

7°-8° tiro:
salire il pendio di neve a sinistra della sosta superando un risalto e raggiungendo così una spalla. Qui salire in mezza costa verso sinistra in direzione della cresta che conduce in vetta dov'è possibile sostare in corrispondenza di alcune catene. E' possibile dividere il tiro attrezzando una sosta su picche in corrispondenza della selletta. 100 Mt., 55°, 50°.

Raggiungere la vetta seguendo il tratto attrezzato. 50 Mt.

Discesa

La discesa avviene lungo la via normale. Scendere verso sud-ovest in direzione del Passo dell'Incisa. Dopo circa 25' imboccare la strada carrozzabile che scende verso destra (viso a valle) e che conduce alla strada asfaltata percorsa per raggiungere la Casa Forestale.

   
Ingrandisci
Ingrandisci
Il Monte Penna e il suo versante settentrionale
fotografato dalla Rocca del Prete
Raffo e Paolo in corrispondenza dell'attacco
del frequentatissimo Canale Nord
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Paolo sulla prima lunghezza
Secondo tiro
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Paolo sulla seconda parte della seconda lunghezza
Will
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Raffo in testa al quarto tiro
Matteo in uscita dal canale/camino del sesto tiro
   
Ingrandisci
Ultimi risalti che conducono in vetta
In vetta
   
Ingrandisci
Paolo e gli improvvisi istinti omicidi
Bosco incantato durante la discesa
   
Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.