Pal Piccolo/Pilastro Ovest - Spigolo De Infanti

 
Zona montuosa Alpi Carniche LocalitÓ di partenza Passo Monte Croce Carnico - Timau di Paluzza (UD)
Quota partenza 1360 Mt. Quota di arrivo 1600 Mt. circa (fine via)
Dislivello totale +60 Mt. dal parcheggio all'attacco
+200 Mt. la via
(230 lo sviluppo+150 di roccette)
Sentieri utilizzati n. 401
Ore di salita 15' dal parcheggio all'attacco
2 h. 30' la via
Ore di discesa 45'
Esposizione Ovest Giudizio sull'ascensione Bella
Data di uscita 14/08/2012 Difficoltà IV+, V
Sass Balòss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Alessandro.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata inizialmente soleggia e poi coperta ma con ottime temperature. I sentieri che si percorrono sono in ottimo stato. La roccia è ottima lungo tutto il percorso.

Eventuali pericoli
Soliti d'arrampicata in ambiente.
Presenza di acqua

No.

Punti di appoggio
Al passo sono presenti diversi ristoranti e negozi.
Materiale necessario oltre al tradizionale

La via è completamente protetta. Inutili friend e dadi anche se in alcuni punti la chiodatura è leggermente distanziata.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Itinerario aperto dal forte alpinista di Ravascletto Sergio De Infanti con W. Cucci nel 1979 che sale lungo le bellissime placche fessurate dello spigolo ovest del Pal Piccolo.
Oggi l'itinerario è completamente protetto a fix e fittoni resinati. Per questo motivo, unito alla vicinanza al parcheggio ed alla sua relativa brevità è adatto a giornate con tempo incerto. Nonostante le difficoltà siano contenute l'itinerario non è discontinuo.
Attacco, descrizione della via
Raggiungere il confine di Stato posto in corrispondenza del Passo di Monte Croce Carnico e qui parcheggiare.
A fianco della caserma italiana (ormai in disuso) dedicata al Maggiore G. Macchi si trova un monumento commemorativo dietro al quale parte il sentiero n. 401; seguirlo per circa 100 Mt. ed in corrispondenza di un bivio imboccare la traccia (a tratti poco marcata) che costeggia verso sinistra la parete del Pal Piccolo. L'attacco è posto quasi al margine sinistro di essa in corrispondenza di un largo terrazzino ed una scritta sbiadita "spigolo" (alcuni bolli e frecce per arrivare all'attacco).

1° tiro:
in verticale sulla paretina spostandosi poi leggermente a destra e, mediante una rampa erbosa, si raggiunge alberello a destra del quale si sosta (2 fittoni). 30 Mt., IV+, IV, II, 1 chiodo, 3 fittoni.

2° tiro:
spostarsi a destra superando il piccolo strapiombo ammanigliato; proseguire poi in obliquo verso sinistra seguendo una rampa sino a raggiungere un caminetto. Lo si supera (meglio stare alla sua sinistra) poi, con l'aiuto di una fessura, si raggiunge la nicchia dove si sosta (2 fittoni). 25 Mt., V, III, IV+, V, 4 fittoni, 2 fix.

3° tiro:
obliquare a sinistra seguendo una fessura sino al suo termine. Ora salire in verticale superando un leggero strapiombino fino una cengetta. La sosta (2 fittoni) è sulla destra. 30 Mt., V-, IV+, 3 fix, 3 fittoni, 1 chiodo.

4° tiro:
su rocce lavorate salire in obliquo verso sinistra fino uno spigoletto. Poi in verticale alcuni metri ed infine obliquare un po' a destra verso un'evidente fessura alla base della quale si sosta (2 fittoni). 30 Mt., IV+, IV, 4 fittoni, 1 fix.

5° tiro:
seguire la fessura/lama e poi per rocce più semplici si raggiunge la sosta successiva (2 fittoni) a destra di uno spigoletto.
30 Mt., V, IV+, IV, 3 fittoni, 4 fix.

6° tiro:
spostarsi a destra e proseguire sino alla sosta successiva (2 fittoni). 30 Mt., V-, IV+, IV, III, 3 fittoni, 3 fix.

7° tiro:
seguire la fessura a destra della sosta sino al suo termine giungendo su un grande terrazzo erboso. La sosta (2 fittoni) è situata sotto ad uno strapiombo. 35 Mt., V, IV+, IV, III, 3 fittoni, 4 fix, 1 chiodo.

8° tiro:
spostarsi a sinistra e salire prima la placchetta e poi il diedro/camino sino alla terrazza con mughi dove si sosta (1 fittone). E' possibile sfruttare la sosta (2 fix+catena+anello calata) della via "L'Esteta e il Biottico". 20 Mt., IV+, IV, III, 3 fittoni, 2 fix.
Discesa
-Possibile discesa in doppia sulle soste con fix+catena+anello calata della via "L'Esteta e il Biottico";
-A piedi: seguire le tracce di sentiero che salgono tra i mughi in direzione di una rampa erbosa verso sinistra. Raggiunta la rampa è possibile percorre due lunghezze di corda della via "L'Esteta e il Biottico" (difficoltà massima 5a, fix visibili) oppure seguire le evidenti tracce che portano ancora verso sinistra e che salgono (qualche corda fissa) sino ad un intaglio dov'è posizionato un muretto a secco. Proseguire per sentiero verso est (Italia) e iniziare a perdere quota sino a raccordarsi con il sentiero n. 401. Piegare a destra transitando sotto l'imponente falesia "La Scogliera" fino a tornare al parcheggio.

Note
Le difficoltà contenute e l'ottima chiodatura rendono questa via adatta a principianti.
Altre ripetizioni
Luca e Claudia hanno percorso questo itinerario il 21 agosto 2013.
Pubblicazioni

Questa relazione è stata inserita nella guida ARRAMPICARE Dolomiti nord-orientali vol.1 edita da ViviDolomiti.
Clicca sull'immagine qui sotto per accedere alla pagina web ViviDolomiti edizioni - libri di montagna e acquistarne direttamente una copia.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Matteo ed Alessandro e... la roccia fantastica del Pal Piccolo

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Alessandro

Resti della Prima Guerra Mondiale

   
Ingrandisci
La via
   
Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.