Parete di Padaro - Via Elision

 
Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle del Sarca LocalitÓ di partenza Località Padaro - Arco (TN)
Quota partenza 500 Mt. circa Quota di arrivo 755 Mt. circa (termine della via)
Dislivello totale +40 Mt. circa per l'attacco
+215 Mt. la via (360 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 15' per l'attacco
4 h. la via
Ore di discesa 45' (opzione "A" con le doppie)
Esposizione Est Giudizio sull'ascensione Bella
Data di uscita 07/11/2015 Difficoltà VII/VII-, A0
Sass Bal˛ss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Diego, Giotto.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata soleggiata con temperature gradevoli. Il sentiero che conduce all'attacco Ŕ evidente e ben segnalato. La roccia Ŕ decisamente ottima lungo tutto il percorso.

Eventuali pericoli
Soliti d'arrampicata.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno, anche se l'abitato di Padaro è praticamente sotto la parete.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Solito da arrampicata in ambiente. La via è ben protetta ma occorre integrare con dadi e friend. Fondamentali due mezze corde per la discesa a corda doppia.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Via aperta da Heinz Grill e Uli Grooten il 5 settembre del 2007 con l'utilizzo di soli 3 chiodi. Successivamente Florian Klucker ha pulito ed attrezzato ottimamente la via; il passaggio della sesta lunghezza non è azzerabile e richiede decisione e tecnica per essere superato.
La via corre lungo placche, diedri e camini regalando un'arrampicata decisamente varia.
Il nome della via è la fantastica isola dei beati, che nella realtà non esiste.
Tutte le soste sono ottimamente attrezzate con fix (tranne la S4).
Attacco, descrizione della via

Da Arco di Trento imboccare la strada che sale verso gli abitati di Padaro e San Giovanni. Superato Padaro proseguire per circa 500 Mt. sino a giungere sotto la parete dove, in corrispondenza di un tornante, parte il sentiero che conduce agli attacchi delle vie (indicazioni lungo il percorso). E' possibile parcheggiare sia prima che dopo il tornante in piccoli spiazzi a bordo strada. La via sale lungo il settore sinistro della parete; una scritta azzurra vi darà la certezza del giusto attacco.

1░ tiro:
salire la lama verso destra sino alla base di un diedrino; salirlo e uscire a destra. Supeare con decisione la paretina spostandosi leggermente verso sinistra. Sostare in cima all'avancorpo (2 fix di cui 1 con anello). 40 Mt., V, VI, V, 4 fix, 2 clessidre con cordone.

Dalla sommità dell'avancorpo effettuare una calata in corda doppia di 5 Mt. (ancoraggio sul versante opposto). E' anche possibile scendere arrampicando stando sulla destra (viso a monte). Il vialetto conduce alla base della parete vera e propria, dove attacca il secondo tiro.

2° tiro:
rimontare la parete e proseguire superando un'impegnativa fessura. Una placca adagiata verso sinistra conduce alla sosta (2 fix di cui 1 con anello). 30 Mt., V+, VI, IV, 3 fix, 2 clessidre con cordone.

3° tiro:
spostarsi a destra e raggiungere la lama. Mediante questa salire in direzione del camino oltre il quale sulla sinistra si trova la sosta (2 fix di cui 1 con anello). 30 Mt., V+, VI-, 3 fix (di cui 1 con cordone), 1 clessidra con cordone.

4° tiro:
salire la balza terrosa e superare la paretina. Raggiunta la cengia (anello) traversare verso destra sino alla sosta (1 clessidra+pianta).
50 Mt., V+, I, V-, IV, 3 clessidre con cordone, 1 fix, 2 chiodi con cordone.

5° tiro:
salire sfruttando le lame sopra la sosta (chiodo con cordone più a destra). Portarsi dopo pochi metri a destra e salire sfruttando la fessura. La sosta (2 fix di cui 1 con anello) si trova sulla sinistra. 30 Mt., VI-, V+, 2 fix, 1 chiodo con cordino, 2 clessidre con cordone.

6° tiro:
lunghezza impegnativa con protezioni lontane. Salire sopra la sosta e spostarsi a sinistra. Continuare lungo il diedrino (passi delicati) per poi spostarsi a sinistra in placca sino alla sosta (2 fix di cui 1 con anello). 35Mt., V, V+, VI, VII-, VI, V, 1 fix, 6 clessidre con cordone.

7° tiro:
salire lungo il diedro sino alla sosta situata sulla sinistra (2 fix di cui 1 con anello). 35 Mt., V, VI+, V, 4 clessidre con cordone, 2 fix.

8° tiro:
Salire il diedro a destra della sosta e con difficoltà spostarsi a sinistra. Superare con decsione e passi delicati lo strapiombo. Traversare a sinistra sino alla sosta (2 fix di cui 1 con anello). 30 Mt., VI, VII oppure VII- e A0, VI, 3 fix, 2 chiodi con cordini, 2 clessidre con cordone.

9° tiro:
salire il diedro a sinistra della sosta e poi portarsi in parete sulla destra. Riportarsi a sinistra, superare lo strapiombo e poi traversare più facilmente a sinistra sino alla sosta (2 fix di cui 1 con anello). 30 Mt., VI, V, V+, 4 fix, 1 chiodo, 3 clessidre con cordone.

10° tiro:
traversare facilmente verso destra; superare un diedrino e traversare verso destra sino alla sosta (2 fix di cui 1 con anello).
15 Mt., IV, V, 3 fix, 1 clessidra con cordone.

11° tiro:
obliquare verso destra sino a raggiungere un grande camino. Salirlo e uscire a destra sino a raggiungere la sosta (1 fix).
30 Mt., V+, VI, 2 fix, 1 masso incastrato con cordone.

Discesa
A- Dal termine della via seguire il sentiero verso destra che conduce ad un
terrazzino dove si trova una cassetta metallica con il libro di via (posizionata il 20 febbraio 2018 in sostituzioine di quella precedente di legno ed accanto all'ultima sosta della via Artemis; di fronte si trova una scritta azzurra "padaro" con freccia). Abbassarsi sulle roccette a destra della cassetta -viso a valle- fino al primo ancoraggio.
1a. calata: 20 Mt., raggiunta la cengia seguirla verso sinistra (viso a monte) e abbassarsi sino a raggiungere un secondo ancoraggio (necessario qualche piccolo passo d'arrampicata).
2a. calata: 40 Mt. sino una piccola terrazza dove sulla sinistra (viso a monte), si trova una pianta con cordoni e anello di calata.
3a. calata: 50 Mt. sino un avancorpo staccato dalla parete.
ATTENZIONE: quest'ultima calata di svolge quasi completamente nel vuoto ed occorre pendolarsi leggermente per raggiungere la sommità dell'avancorpo. Da qui per facile sentiero si ritorna in breve alla macchina.

B- In alternativa, dal termine della via, è possibile percorrere il sentero verso sinistra (alcuni bolli azzurri) fino all'abitato di Padaro. Sarà poi necessario seguire la strada in salita fino alla macchina (per questa opzione calcolare circa 1 h. 30').

Note
La discesa richiede un minimo di esperienza alpinistica.
Commenti vari
Data la bassa quota la via è percorribile quasi tutto l'anno. E' però opportuno evitare il periodo estivo per il caldo e sfruttare invece le mezze stagioni.
Le fotografie appartengono ad una ripetizione di Paolo Zanga e Simone Parietti.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

La paretina della quarta lunghezza

Settimo tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Simone in due sequenze dell'ottavo tiro

   

Ingrandisci

Dettaglio della parete di Padaro con i tracciati delle vie: Elision, Esculapio e parte di Artemis