Monte Rosa/Balmenhorn (o Cristo delle Vette) - Via Normale

 
Zona montuosa Alpi Pennine - Monte Rosa LocalitÓ di partenza Alagna Valsesia (VC)
Quota partenza 1191 Mt. Quota di arrivo 4167 Mt.
Dislivello totale +2084 Mt. per la stazione alta di Punta Indren (percorribili con impianti a fune)
+223 Mt. da Punta Indren al rif. Città di Mantova
+669 Mt. dal rif. Città di Mantova alla vetta
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 1 h. da Punta Indren al rif. Città di Mantova
3 h. da. rif. Città di Mantova alla vetta
Ore di discesa 2 h. fino al rif. Città di Mantova
40' dal rif. a Punta Indren
Esposizione Nord-ovest, est Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita

16-17/06/2018

Difficoltà F+
Sass Balòss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Allievi ed istruttori del Corso di Alpinismo Base 2018 della Scuola Valle Seriana.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della neve

La salita si è svolta il 17 giugno con meteo bello e stabile. L'arrivo al rif. Città di Mantova è avvenuto il 16 giugno, sotto la pioggia, dopo aver salito la via Normale alla Punta Giordani. Durante l'ascensione alla vetta abbiamo trovato neve portante.

Eventuali pericoli
Prestare attenzione ad eventuali crepacci presenti nel ghiacciaio del Lys e all'ultimo tratto (ferrata) che conduce in vetta.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Rifugio Città di Mantova (3498 Mt.) il rifugio Gnifetti (3647 Mt.) e il bivacco Felice Giornato posto in vetta al Balmenhorn (4167 Mt.).
Materiale necessario oltre al tradizionale
Corda, imbraco, caschetto, ramponi, ghette, piccozza, occhiali da sole, crema solare. Utili delle viti da ghiaccio in caso di ghiaccio vivo e un set da ferrata per superare l'ultimo tratto attrezzato.
Descrizione dell'ascensione

Descrizione generale
Il Balmenhord è uno sperone roccioso che sorge in una posizione abbastanza isolata a Sud-Ovest del Corno Nero. Durante la prima Guerra Mondiale, sulla vetta, venne costruita una piccola capanna per usi militari che in seguito venne utilizzata per scopi scientifici ed attualmente ricopre la funzione di bivacco d'emergenza. La struttura è dedicata a Felice Giordano, guida alpina di Alagna caduto tra i ghiacci della Piramide Vincent mentre era impegnato a salvare una vita umana.
Sulla vetta sorge una statua in bronzo alta circa 3 metri e nota con il nome di Cristo delle Vette che venne trasportata in vetta a pezzi da un reparto di Alpini.
La prima ascensione venne compiuta da Peter Knubel e un portatore il 17 luglio 1872 mentre erano impegnati nella ricerca di un luogo da bivacco per la numerosa cordata proveniente dal Riffelhorn, il giorno precedente la prima ascensione del Corno Nero.
Un alpinista allenato e ben acclimatato può effettuare l'ascensione il giorno stesso dell'avvicinamento.
Descrizione percorso
Da Alagna Valsesia (VC) prendere l'ovovia che conduce a Pianalunga (2046 Mt.) e da qui continuare con la funivia sino a raggiungere il Passo dei Salati (2971 Mt.). Usciti dalla stazione percorrere la facile strada sterrata verso sinistra (spesso innevata - 10') che conduce alla stazione bassa della seggiovia (2961 Mt.) e mediante questa raggiungere Punta Indren (3275 Mt.). E' anche possibile raggiungere il Passo dei Salati utilizzando gli impianti di risalita che partono dalla frazione di Staffal nel comune di Gressoney-La Trinité (AO).
Appena fuori dalla funivia ci si ritrova sul ghiacciaio dell'Indren. Da qui sono ben visibili due tracce: la prima verso sinistra conduce al rif. Città di Mantova; la seconda si addentra, guadagnando quota, sul ghiacciaio. Le vette della Piramide Vincent e della Punta Giordani sono già ben visibili.
Incamminarsi lungo la traccia che piega verso sinistra e conduce nei pressi di una bocchetta oltre la quale ci si ritrova sul ghiacciaio di Garstelet. In breve si raggiunge il rifugio Città di Mantova (3498 Mt.) o il soprastante rifugio Gnifetti (3647 Mt.). Da questo secondo rifugio ci si cala nel ghiacciaio del Lys e si inizia a guadagnare quota lungo pendii non troppo impegnativi. Poco oltre i 4000 metri è possibile abbandonare la traccia principale che prosegue verso il Colle del Lys e piegare a destra. Qui ci si trova in un piccolo anfiteatro di vette: a destra sorge la Piramide Vincent (4215 Mt.), alla sua sinistra il Pilone Vincent (4050 Mt.) e il massiccio Corno Nero (4322 Mt.). L'imponente statua del Cristo delle Vette (4167 Mt.) è ben visibile.
Dopo aver percorso un tratto in piano salire il pendio verso sinistra sino a raggiungere la sella che divide il Balmenhorn dal Corno Nero; portarsi sul suo fianco Est e raggiunte la base delle rocce terminali salirle sfruttando il breve tratto attrezzato.
Discesa
La discesa avviene percorrendo a ritroso l'itinerario di salita.

Commenti vari
La salita è stata effettuata durante il Corso di Alpinismo Base della Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Valle Seriana.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Lungo l'avvicinamento sul ghiacciaio del Lys

   

Ingrandisci

Will con alle spalle il bivacco Felice Giordano
   

Ingrandisci

Ingrandisci

A sinistra Diego e, a destra, Will in vetta