Monte Cimo/Pale Basse/Settore Mamma Olga - Via Aurin

 
Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle dell'Adige LocalitÓ di partenza Brentino (VR)
Quota partenza 130 Mt. circa Quota di arrivo 350 Mt. circa (termine via)
Dislivello totale +100 Mt. circa per l'attacco
+115 Mt. la via (130 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 20' per l'attacco
3 h. la via
Ore di discesa A- 30' sentiero fino al parcheggio
B- 35' doppie+sentiero fino al parcheggio
Esposizione Sud-est Giudizio sull'arrampicata Molto bella
Data di uscita 29/03/2014 Difficoltà A1, A2, V
Sass Balòss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Diego.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata bella con temperature gradevoli. I sentieri che si percorrono durante l'avvicinamento sono in ottimo stato e ben segnalati. La roccia in via è ottima.

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
Davanti all'ingresso del cimitero Ŕ presente una fontana.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale

Normale materiale per arrampicata su roccia. Necessari 20/25 rinvii per la progressione artificiale. 2 staffe e fiffi per ogni componente della cordata. Inutili friend, dadi e chiodi.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Bellissimo itinerario d'arrampicata artificiale aperto nel 2002 da Diego Filippi e Sabrina Bazzanella. Il nome della via deriva dal film "La Storia Infinita"; l'Auryn è un amuleto costituito da due serpenti, uno chiaro e uno scuro che si mordono la coda a vicenda. Sul retro è incisa la scritta "Fà ciò che vuoi". Gli apritori battezzarono così l'itinerario a simboleggiare le infinite possibilità d'arrampicata che offre il Monte Cimo. Qui itinerari di arrampicata libera s'intrecciano con quelli in artificiale; protezioni a fix si alternano a quelli con chiodatura classica. C'è insomma di tutto... e un'alpinista può scegliere di 'fare ciò che vuole'.
La via supera il grande tetto che caratterizza il settore di Mamma Olga ed è ottimamente attrezzata con fix da 8 e 10 mm.
In alcune lunghezze è necessario procedere per pochi metri in arrampicata libera ma su difficoltà decisamente contenute per cui non è necessario portarsi le scarpette.
Attacco, descrizione della via

Dal parcheggio, poco distante dal cimitero di Brentino, andare in direzione dei vigneti e attraversarli fino a incontrare il sentiero segnato con bolli che sale ripido nel bosco.
Non appena si esce dal bosco si è in prossimità di in un vago canale aperto; qui abbandonare il sentiero che sale ripido (al bivio sono presenti delle targhette metalliche) e imboccare la traccia verso sinistra (viso a monte) che costeggia le Pale Basse (il primo settore che s'incontra è "Mamma Olga"). Ignorare una corda fissa (che sale in direzione dell'attacco della via "Mamma Olga") e continuare per pochi metri sul sentiero. Imboccare subito dopo una traccia poco marcata che conduce verso destra sino ad una cengetta dove si trova l'attacco (posto sotto la verticale del grande tetto). Presente una targhetta metallica con il numero 6 e la scritta "Aurin" incisa sulla parete.

1░ tiro:
salire in verticale lungo la placca, con leggero andamento a sinistra, sino a raggiungere uno strapiombino. Qui traversare facilmente a sinistra fino una comoda cengia dove si sosta (2 fix). 35 Mt., A1, IV, 20/22 fix.

2° tiro:
proseguire in verticale sin sotto un grosso muro strapiombante. Spostarsi a sinistra raggiungendo un comodo pulpito dove si sosta (2 fix).
20 Mt., A1, 8 fix.

3° tiro:
salire, stando appena a sinistra della sosta, sino a raggiungere il grande tetto. Superarlo ed al suo termine proseguire, con alcuni passi in libera, sino un terrazzino dove si sosta (2 fix). Sugli ultimi metri attenzione a dei blocchi instabili.
40 Mt., A1, A2, V+, 20/22 tra fix e golfari, 1 chiodo.

4° tiro:
salire inizialmente in obliquo verso destra e poi in verticale su rocce rotte sino a raggiungere la sosta (2 fix+catena, in comune con la via "Mamma Olga") appena prima del bosco mediano. Fermarsi qui se si opta per la discesa in corda doppia altrimenti continuare fino a raggiungere il bosco ed attrezzare una sosta. 35/50 Mt., A1, IV, 15/20 fix.
Discesa
A- Per scendere a piedi traversare lungamente verso destra (viso a monte) prestando attenzione ad alcuni tratti vicino al ciglio della parete. Si raggiunge in breve il sentiero ben marcato di accesso/discesa dai settori alti del Monte Cimo.
B- In doppia lungo la via Mamma Olga:
1a. calata: 30 Mt., l'ancoraggio è posto a destra (viso a monte) rispetto al termine della via;
2a. calata: 35 Mt. piegando decisamente a destra. La sosta Ŕ nel diedro alla base di un albero;
3a. calata: 50 Mt. sino all'attacco della via.
Seguendo a ritroso il percorso d'avvicinamento si torna al parcheggio.

Note
Ottimo itinerario per avvicinarsi all'arrampicata artificiale.
Altre ripetizioni
Matteo con Andrea P. e Cristina R. il 12 ottobre 2014.
Luca e Matteo con Davide M. e Lorenzo S. il 7 dicembre 2015.
Clicca per visualizzare lo SCHIZZO DELLA VIA
(Disegno di Diego Filippi)
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Matteo e Diego superano la seconda lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

A sinistra Will e a destra Davide impegnati nel superamento del grande tetto

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Il tetto con i suoi sette metri di sviluppo e Lorenzo alla S2

Dettaglio della parete con il tracciato della via Aurin

 

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.