Corna di Medale/Pilastro Irene - Via Miryam

 
Zona montuosa Gruppo delle Grigne LocalitÓ di partenza Frazione Rancio - Lecco (LC)
Quota partenza 310 Mt. circa Quota di arrivo 850 Mt.
Dislivello totale

+365 Mt. circa per l'attacco della ferrata
+30 Mt. lungo la ferrata
+145 Mt. la via (170 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati n. 52
Ore di salita 35' per l'attacco
10' la ferrata
3 h. la via
Ore di discesa 1 h. 10' scendendo dalla ferrata
Esposizione Sud Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita 18/10/2008 (agg. rel. 02/03/2019) Difficoltà VII/VI-, A0
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Amici presenti
Alessandro, Callisto, Claudia.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata abbastanza coperta ma con temperature gradevoli. Il sentiero per l'attacco Ŕ evidente e gli ancoraggi della ferrata praticamente nuovi. I sentieri di discesa, a prescindere da quale si segua, sono evidenti. La roccia in via è generalmente ottima.

Eventuali pericoli
Soliti da arrampicata.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Solito da arrampicata. La via Ŕ stata riattrezzata con fittoni resinati. Qualche friend può risultare utile.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Via aperta da Giuliano Uboldi, Raffaele Banfi e Gabriele Biella il 20 dicembre del 1984. Risale il Pilastro Irene un poco più a destra della Ferrata degli Alpini al Medale e si snoda lungo delle fessure e delle placche. L'itinerario originale percorreva alcuni tratti di roccia instabile ma, durante il lavoro di riattrezzatura svolto nel 2002, questi tratti sono stati abbandonati per seguire delle varianti su roccia ottima. Terminata la via si può decidere se scendere mediante la ferrata oppure continuare lungo la stessa sino alla vetta o, per i più volenterosi, attaccare alcune vie sulla Corna di Medale come lo Spigolo Bonatti, la via Brianzi oppure la Gogna.
Attacco, descrizione della via
Da Lecco seguire le indicazioni per l'ospedale Manzoni e successivamente per la Val Sassina. Non utilizzate la nuova superstrada perché dovreste fare dietro-front per circa 8 Km. Dopo aver oltrepassato il quartiere Malavedo e il ponte poco oltre il Bar Sole, in corrispondenza di uno stretto tornante a destra si segue a sinistra la Via Quarto. Parcheggiare al termine della strada in corrispondenza di un piccolo spiazzo sopra il cimitero (poche possibilità di parcheggio).
Da qui si segue il sentiero n. 52 che conduce al Rifugio Piazza. Dopo aver superato delle abitazioni il sentiero sbuca su di una strada asfaltata. A sinistra e poi a destra sino a quando la strada diventa sterrata. Qui si sale la scala cementata che poi diviene un ripido sentiero sino ad una strada sterrata che corre lungo le reti paramassi. Si segue quest'ultima verso destra per un breve tratto sino a quando si incontra sulla sinistra un sentiero che sale deciso nel bosco. Dopo pochi minuti si sbuca sotto la parete dell'Antimedale. A questo punto si attraversa il ghiaione e si imbocca il sentiero che costeggia la parete del Medale. Poco dopo sulla sinistra si trova l'attacco della ferrata degli Alpini al Medale. Seguire la ferrata sino a quando questa traversa verso destra. Al termine del traverso abbandonare la ferrata e continuare a traversare verso destra seguendo una debole traccia che in breve conduce all'attacco (fittone ben visibile - scritta in azzurro sulla sinistra del diedrino iniziale - sulla destra è visibile una scritta rossa molto sbiadita).

1░ tiro:
salire il diedrino e dopo pochi metri uscire a destra. Continuare per un sistema di fessure sino ad uscire a sinistra ad comodo terrazzo di sosta. 30 Mt., V+, VI oppure V+ e A0, 5 fittoni, 2 chiodi.

2° tiro:
salire a destra della sosta puntando ad uno strapiombetto. Vincerlo stando sulla sinistra e continuando poi lungo una placca via via più semplice sino alla sosta (probabilmente la via originale affrontava direttamente lo strapiombino). 25 Mt., VI-, IV+, 4 fittoni.

3° tiro:
in verticale puntando al muretto sovrastante che si supera uscendone a destra. Poi per rocce semplici si raggiunge la sosta.
25 Mt., V+, IV+, 2 fittoni.

4° tiro:
traversare a destra lungo una cengetta. Rimontare un diedro per circa 3 metri per poi spostarsi leggermente a sinistra in placca. Vincere un muretto atletico, poi per rocce più semplici si raggiunge la sosta a destra. 30 Mt., VI oppure V+ e A0, 4 fittoni.

5° tiro:
salire a sinistra della sosta lungo una spaccatura sino a raggiungere le placche giallastre che si superano con arrampicata tecnica. Si sosta sotto un tettino. 25 Mt., IV+, VI+ oppure VI- e A0, 5 fittoni, 1 chiodo.

6° tiro:
uscire a destra del tetto. Continuare poi piegando leggermente a sinistra lungo una serie di placche incise da fessure sino a raggiungere la sosta (2 fittoni). 35 Mt., VI, VII oppure VI- e A0, 6 fittoni.
Discesa
E' possibile, dall'uscita della via, percorrere in discesa la ferrata.
Nel caso si raggiunga la vetta è più comodo usare uno dei sentieri:
1- lungo il versante sud (consigliato). Pochi metri sotto la croce si imbocca il sentiero verso destra (palina con indicazioni S. Martino). Al primo bivio tenere la sinistra e poi seguire sempre il sentiero. In corrispondenza di uno stretto canale si scende a sinistra (traccia evidente, freccia sbiadita su pianta) fino a raccordarsi con la discesa delle vie dell'Antimedale e successivamente con il sentiero seguito durante l'avvicinamento. Tramite quest'ultimo si ritorna alla macchina. Ps: se non trovate la discesa nel canale il sentiero, con un giro più lungo, riporta comunque verso le placchette di S. Martino e poi a Rancio;
2- lungo il versante nord (in parte attrezzato). Pochi metri sotto la croce si imbocca il sentiero verso destra (palina con indicazioni S. Martino). Poco dopo si incontrano due biforcazioni, ad entrambe tenere la destra. Il sentiero è ripido e perde quota molto velocemente portando alla base del Medale. Da qui si può tornare alla frazione Rancio mediante il sentiero che costeggia tutta la base della parete passando dall'attacco della ferrata; oppure scendere alla Baita del Pastur e seguire la strada carrozzabile in discesa che riporta nei pressi del parcheggio.

Note
Se si decide di scendere lungo la ferrata, in base all'orario, si potrebbero intralciare le persone che stanno salendo.
Commenti vari
Sconsigliatissima la salita nel periodo estivo causa l'eccessivo caldo e la presenza di un tipo di arbusti urticanti.
Altre ripetizioni
Luca e Nicola N. il 3 marzo 2019 proseguendo poi sulla via Brianzi.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Ale, Luca e Callisto all'attacco

Impegnati sulla prima lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Claudia sul primo tiro

Luca sulle placche della seconda lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Ale in arrivo alla terza sosta

Bertoldo e Callisto sul quarto tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Ale all'inizio della quinta lunghezza

Bertoldo sul tratto chiave del quinto tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Claudia e Ale impegnati a loro volta sui metri chiave della lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca dopo il passo chiave dell'ultimo tiro

Durante la discesa dalla ferrata degli Alpini

   
Ingrandisci
La parete sud della Corna di Medale con i tracciati delle vie:
Miryam, Luci della città, Brianzi, Spigolo Bonatti, Gogna,
Cassin, Susanna sotto le gocce, Anniversario, Saronno '87 e Taveggia
Fotografia di Michele Cisana, tracciati Sassbaloss