Mandrea - Via Le Ali della Libellula

 
Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle del Sarca LocalitÓ di partenza Località Laghel - Arco di Trento (TN)
Quota partenza 230 Mt. circa Quota di arrivo 520 Mt. circa
Dislivello totale

+50 Mt. per l'attacco
+280 Mt. la via (300 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati Non numerati
Ore di salita 15' per l'attacco
9 h. la via
Ore di discesa 1 h. 10'
Esposizione Sud-est Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita 23/02/2013 Difficoltà IV, A2
Sass Balòss presenti
Bertoldo, Luca.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata nuvolosa e con temperature molto rigide; al parcheggio il termometro segnava -2°C.
I sentieri che si percorrono sono in ottimo stato ma alla data della nostra ripetizione erano ricoperti di neve. La roccia in via è ottima.

Eventuali pericoli

Soliti d'arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale

Normale materiale per arrampicata su roccia. Necessarie due staffe e fiffi. Sulla prima lunghezza alcuni passi obbligati di IV potrebbero essere superati più agevolmente con un paio di scarpette.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Mandrea è una parete molto lunga che si snoda alle spalle di Arco, in località Laghel, in grado di offrire una varietà di itinerari di salita incredibili sia dal punto di vista delle difficoltà che della chiodatura.

Questa linea è stata salita nel 2006 da Diego Filippi, Sabrina Bazzanella e Matteo Paoletto e vince il grande strapiombo triangolare che si trova a destra della via delle Fontane. Le protezioni sono ottime con fix da 8mm. tranne che sulla seconda lunghezza dove si trovano fix da 6mm. (eventualmente portare una chiave per stringere i dadi di alcuni fix). Le soste sono ottime ma bisogna escludere la possibilità di scendere in corda doppia una volta abbandonata la terza sosta. Superata la quarta lunghezza, infatti, l'unica possibilità di fuga è rappresentata da una cengia a metà del settimo tiro dove, verso sinistra, ci si può riallacciare alla via delle Fontane (massimo V). Ma a questo punto, con le maggiori difficoltà che sono già un ricordo lontano, non ci saranno problemi a percorrere gli ultimi tiri.
Attacco, descrizione della via
Da Arco di Trento seguire la strada per Riva del Garda, dopo aver oltrepassato il centro di Arco svoltare a destra seguendo le indicazioni per "Laghel". Attraversare un uliveto e in corrispondenza di un bivio dove sulla destra c'è una chiesetta bianca svoltare a sinistra e seguire la strada che ora diviene molto ripida e successivamente sterrata. Parcheggiare al termine della strada (sbarra) in corrispondenza di un crocefisso in legno e di una fontana in cemento (evitare di invadere proprietà privata).
Percorrere la mulattiera a fianco del crocefisso sino a quando sulla sinistra si incontra una rientranza con una piccola struttura in cemento e una porta in ferro (acquedotto). Pochi metri dopo salire la traccia di sentiero che s'incontra sulla sinistra e che conduce alla parete. L'attacco è posto sotto la verticale del grande strapiombo (ben evidente durante l'avvicinamento sulla mulattiera). L'attacco è identificato dalla scritta rossa "Libellula".

1░ tiro:
salire in verticale (in libera) sino al primo strapiombo. Proseguire in artificiale uscendo su di una placca dove si sale (nuovamente in libera) in obliquo verso sinistra sino alla sosta (1 golfaro, 1 fix). 35 Mt., IV, A2, 7 fix, 1 chiodo.

2° tiro:
proseguire lungo il muro verticale sino alla base dello strapiombo dove si trova la sosta (2 fix). 40 Mt., A1, 18 fix.

3° tiro:
salire in grande esposizione lo strapiombo. A circa metà si trova la scomoda sosta appesa (2 fix, 2 golfari). 35 Mt., A2, 22 fix.

4° tiro:
continuare lungo lo strapiombo. Prima del suo termine traversare verso destra, aggirare uno spigoletto e proseguire in verticale sino ad un pulpitino dove si trova la sosta (2 fix). 35 Mt., A2, A1, 25 fix.

5° tiro:
alzarsi e proseguire dapprima in verticale e poi leggermente in obliquo a sinistra. La sosta si trova su di un pulpitino (1 fix, 1 golfaro).
30 Mt., A1, circa 10 fix.

6° tiro:
salire i facili gradoni sino alla placca verticale che si supera in artificiale. Sostare su di 1 fix e 1 golfaro. 30 Mt., III, A1, 20 fix.

7° tiro:
per facili rocce sino ad uno stretto terrazzino dove si trova la sosta (1 fix, 1 golfaro).
25 Mt., III, IV, IV+ oppure A0, 1 cordino su pianta, 4 fix.

8° tiro:
salire la placca sovrastante, spostarsi a sinistra a delle piante dalle quali si obliqua a destra sino ad una comoda sosta (1 fix, 1 golfaro).
40 Mt., A1, II, 15-16 fix.

9° tiro:
superare la successiva placca e poi per rocce rotte sino al pianoro sommitale dove si effettua l'ultima sosta (1 clessidra con cordino).
30 Mt., A1, II, A1, circa 8 fix.
Discesa
Dal termine della via abbassarsi sino ad uscire dal bosco e giungere così nei pressi di una strada asfaltata. Seguire la strada per circa 200 Mt. sino a quando sulla sinistra si stacca una traccia di sentiero (presente una palina CAI). Seguire i bolli CAI sino ad un'altro bivio. Qui piegare a sinistra e continuare in discesa (sentiero esposto) sino a raggiungere la strada sterrata percorsa in auto per raggiungere il parcheggio.

Note

Visto l'innevamento dei sentieri abbiamo preferito scendere lungo la strada carrozzabile (dall'uscita della via ad Arco sono 10 Km. di asfalto) e poi risalire nuovamente a Mandrea (altri 3,5 Km. in salita). La nostra richiesta di autostop è stata totalmente ignorata fino al centro di Arco dove un gentile signore ci ha dato un passaggio per gli ultimi 3,5 Km.

Commenti vari

Will in seguito alla ripetizione ha scritto il racconto "Il silenzio dei colori".

Pubblicazioni

Questa relazione è stata inserita nella guida ARRAMPICARE Dolomiti sud-occidentali vol.1 edita da ViviDolomiti.
Clicca sull'immagine qui sotto per accedere alla pagina web ViviDolomiti edizioni - libri di montagna e acquistarne direttamente una copia.

   
Matteo dà inizio alle danze

Luca alla seconda sosta sotto lo strapiombo

   

Matteo in prossimità della terza sosta

Luca attende comodamente il suo turno alla seconda sosta
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Terzo tiro

La scomoda terza sosta

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Quarta lunghezza Luca alla quarta sosta
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Matteo accanto alla quinta sosta La partenza dell'ottavo tiro
 
 
Ingrandisci
Ingrandisci
Matteo al termine delle difficoltà, stanco ma felice Dettaglio della parete con i tracciati delle vie:
in rosso via
delle Fontane ed in viola Le ali della libellula
 
 
Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.