Punta di Larsei - Via Leviti/Nemela

 
Zona montuosa Dolomiti di Sella - Sottogruppo del Boè LocalitÓ di partenza Ossario Tedesco del Passo Pordoi (TN)
Quota partenza 2229 Mt. Quota di arrivo 2952 Mt.
Dislivello totale +473 Mt. dal parcheggio all'attacco
+250 Mt. la via (310 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati n. 626, 638
Ore di salita 45' dal parcheggio all'attacco
4 h. 30' la via
Ore di discesa 1h. sino all'attacco
30' dall'attacco al parcheggio
Esposizione Sud Giudizio sull'ascensione Ottima
Data di uscita 12/07/2012 Difficoltà V+, VI
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata abbastanza nuvolosa ma che ci ha risparmiato dalla pioggia.
Il sentieri che si percorrono sono evidenti. La roccia è generalmente da buona a ottima.

Eventuali pericoli
Soliti d'arrampicata in ambiente.
Presenza di acqua

E' possibile trovare acqua nei pressi dell'ossario tedesco.

Punti di appoggio
Rifugio Forcella del Pordoi (2849 Mt.) e capanna Fassa (3152 Mt.) posta sulla vetta del Piz Boè.
Materiale necessario oltre al tradizionale

Solito materiale d'arrampicata. Portare friend (da 0.3 a 2 Camalot), nut e cordini per integrare.
Può tornare utile un martello e qualche chiodo per eventuali chiodi mancanti.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
La Punta di Larsei è di fatto una marcata spalla situata all'estremità della cresta sud-est del Piz Boè. Il nome Larsei sta per "lariceto" ed è una località situata alle pendici meridionali del monte (dalla guida "Gruppo di Sella" di Fabio Favaretto e Andrea Zannini).
Aldo Leviti e Ivo Nemela salirono questo stupendo itinerario il 18 e 19 luglio del 1973. Per anni dimenticato è stato riscoperto da Roberto Iacopelli che, dopo averlo ripetuto nel giugno del 1997, ha deciso di inserirlo nella sua guida "Dolomiti e dintorni" evidenziandone anche il carattere esplorativo. Aldo Leviti in seguito al pensionamento ha iniziato a riattrezzare i suoi vecchi itinerari; in questo caso posizionando esclusivamente spit alle soste. Qualcuno, certamente ignaro di chi fosse l'autore di tale intervento, si è divertito a smartellarli brutalmente. La via si districa tra fessure, diedri, camini e placche regalando un'arrampicata decisamente varia e di soddisfazione.
Attacco, descrizione della via
Dal Passo Pordoi (TN) imboccare la strada che conduce all'ossario militare tedesco. Poco prima dell'ufficio informazioni è possibile parcheggiare (presente una palina che indica il parcheggio per la ferrata).
Seguire il sentiero che sale in direzione della ferrata "Cesare Piazzetta" e della parete (già ben visibile). Poco prima di raggiungerle ci si collega al sentiero n. 626 che costeggia le pareti del Pordoi. Seguirlo brevemente verso sinistra (viso a monte) fermandosi poco prima di due grossi massi situati al di sotto di una volta strapiombante. L'attacco è situato sulla verticale di una fessura/diedro (visibile il primo spit smartellato ed il chiodo appena sopra). Circa 10/15 Mt. più a destra c'è un camino mentre più a sinistra un'altra via (Il piccolo principe) con partenza difficile (6c+).

1° tiro:
salire con passo strapiombante sino ad entrare nel diedro. Proseguire per pochi metri indi obliquare verso destra sfruttando delle lame sino a raggiungere la sosta (2 spit smartellati). 30 Mt., VI, V, 1 spit smartellato, 2 chiodi.

2° tiro:
salire il diedrino a destra della sosta; quando questo s'inclina verso destra abbandonarlo spostandosi a sinistra per salire il sovrastante caminetto strapiombante. Continuare per facili rocce sino alla cengia. Sostare sulla sinistra (1 chiodo, 1 spit smartellato).
35 Mt., V, IV, VI, IV, I, 1 vecchio cuneo.

3° tiro:
superare la placchetta sopra la sosta tendendo leggermente a destra fino alla seconda cengia. Ignorare la sosta a spit e traversare sulla cengia verso sinistra per circa 20 Mt. (ignorando un'altra sosta a spit) fino ad un buon punto di fermata (2 chiodi con cordone).
25 Mt., IV, 2 soste intermedie (ciascuna formata da 2 spit+cordone+anello di calata).

4° tiro:
tornare un paio di metri a destra della sosta e risalire la placca inizialmente in verticale poi spostandosi un po' verso sinistra. Rispostarsi subito dopo a destra superando un lieve strapiombino oltre il quale si obliqua a destra sino alla sosta (1 spit) posta a sinistra di un pilastrino. 25 Mt., V+, VI, V+, 7 chiodi.

5° tiro:
alzarsi sfruttando il pilastrino a destra della sosta e continuare per placca obliquando leggermente a destra per poi tornare a sinistra e salire dritti fino una grande grotta. Spostarsi all'interno della grotta verso sinistra ed al suo termine sostare su un esposto pulpito (1 chiodo da integrare con un friend 0.4 Camalot). 30 Mt., V-, V+, II, 6 chiodi.

6° tiro:
alzarsi a sinistra della sosta e proseguire obliquando leggermente a destra sino alla base della placca gialla. Sostare (2 chiodi) pochi metri a sinistra dello spigolo destro. 35 Mt., IV.

7° tiro:
continuare in obliquo a destra sino ad una cengetta che permette di aggirare lo spigolo. Traversare verso destra e, alzandosi leggermente, raggiungere la sosta (1 chiodo+1 spit+anello calata+cordone). La sosta in realtà è della via "Il piccolo principe" che sale il muro giallo soprastante. 30 Mt., IV-, II, 1 sosta intermedia (2 chiodi).

8° tiro:
salire in obliquo verso destra. Superare uno strapiombino indi obliquare decisamente a destra in direzione dello spigolo; aggirarlo e sostare subito dopo (1 chiodo+1 clessidra). 30 Mt., IV, 1 sosta intermedia (2 chiodi+cordone).

9° tiro:
s
postarsi un paio di metri a destra e salire in verticale puntando ad una grossa clessidra con cordone già visibile dalla sosta. Superare un diedrino strapiombante situato alla sua destra e proseguire dritti sino alla cengia dove, 2 metri a destra dello spigolo, si trova la sosta (clessidra da attrezzare). 35 Mt., IV, V, IV, 1 clessidra con cordone, 1 chiodo.

10° tiro:
proseguire d
ritti per la facile placchetta soprastante sino al termine delle difficoltà. Camminare verso destra seguendo gli ometti sino ad individuare una buona clessidra dove attrezzare l'ultima sosta. 35 Mt., IV, I.
Discesa
La via più veloce per ridiscendere è quella di raggiungere l'anfiteatro ghiaioso che ci si trova di fronte (Nord - presente piccola stazione meteorologica) e traversare verso destra (guardando la cima del Piz Boè, alcuni ometti) sino a raggiungere lo spallone dove corre la ferrata "Cesare Piazzetta" che in circa 1 ora riporta nei pressi dell'attacco.
Noi siamo voluti andare in vetta del Piz Boè (3152 Mt.). Dal termine della via raggiungere l'anfiteatro ghiaioso (ometti). Qui tenere la sinistra (guardando la cima del Piz Boè) e risalire sino ad incontrare il sentiero n. 638 che conduce sulla cima del Piz Boè dov'è situata la capanna Fassa. Da qui seguire il sentiero alpinistico n. 638 che, dopo essersi allontanato verso Est (dalla parte opposta rispetto a quella di salita), scende nel canale della Gran Valacia. Al termine del canale prendere verso destra (viso a valle) il sentiero n. 626 che, costeggiando diversi torrioni, riporta all'attacco.
Da qui ridiscendere all'ossario mediante il sentiero percorso durante l'avvicinamento.

Note

In caso di temporale si può evitare di scendere dalla ferrata senza per forza andare in vetta al Piz Boè.
Dal termine della via portarsi verso l'anfiteatro ghiaioso e poi tenere la sinistra sino al sentiero n. 638. Seguirlo in discesa verso sinistra (diviene sentiero n. 627) in direzione della Forcella del Pordoi (con omonimo rifugio) dalla quale si scende nel sottostante canale ghiaioso. Poi costeggiare le pareti verso sinistra (viso a valle) sino a tornare all'attacco (se è necessario recuperare gli zaini) oppure scendere direttamente sino al Passo Pordoi e poi all'ossario nei pressi del quale si ha parcheggiato.

Pubblicazioni

Questa relazione è stata inserita nella guida ARRAMPICARE Dolomiti nord-occidentali vol.1 edita da ViviDolomiti.
Clicca sull'immagine qui sotto per accedere alla pagina web ViviDolomiti edizioni - libri di montagna e acquistarne direttamente una copia.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca sull'impegnativo passo iniziale

Matteo segue le grosse lame che conducono alla prima sosta

   

Ingrandisci

Ingrandisci

L'impegnativa placca del quarto tiro

Inizio della quinta lunghezza

 

Ingrandisci

Ingrandisci
Altra placca verticale sul quinto tiro La quinta sosta accanto alla grotta
   
Ingrandisci Ingrandisci
Placchetta facile ma poco proteggibile sull'ottavo tiro Verso il diedrino strapiombante sulla nona lunghezza
   
Ingrandisci Ingrandisci
I due Sass in vetta la Piz Boè con alle spalle la Marmolada La Punta di Larsei con il tracciato della via Leviti/Nemela
   
Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.