Forcella di Montalon

 
Zona montuosa Lagorai - Cima d'Asta Località di partenza Loc. Val Campelle, Villa Buffa - Scurelle (TN)
Quota partenza 1353 Mt. Quota di arrivo 2133 Mt.
Dislivello totale

+800 Mt. circa

Data di uscita 29/04/2012
Ore di salita 2 h. 45' Ore di discesa 2 h.
Sentieri utilizzati n 362 Giudizio sull'escursione Bella
Sass Balòss presenti Omar, Gölem Difficoltà E
Condizioni climatiche e dei sentieri
Giornata nuvolosa ma che non ha mai minacciato realmente pioggia, consentendoci di arrivare alla forcella e goderci il panorama. Neve marcia a partire dai 1700 mt che ha raggiunto i 40- 50 cm attorno ai 2000 mt . Sentieri ben segnati e sicuri. L'unico problemino lo ha causato la neve marcia che sciogliendosi ha reso i sentieri a bassa quota spesso simili a torrentelli fangosi.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
Ovunque abbiamo incontrato torrenti. Questo era dovuto alla recente ed abbondante nevicata, ma crediamo che anche in caso di mancanza di neve, si possa trovare acqua lungo il percorso.
Punti di appoggio

A 1800 metri circa incontrerete Malga Montalon che vi offrirà riparo dopo circa 1 ora e mezza-due dalla partenza. Poco oltre la forcella Montalon , vedrete una comoda grotta che vi terrà all'asciutto in caso di pioggia. Qualcuno ha addirittura steso uno strato di rami e foglie sul fondo della grotta e ha lasciato alcune scatolette di fagioli in caso d'emergenza…

Materiale necessario oltre al tradizionale
Ghette per la neve alta, altrimenti nulla.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Escursione semplice ma molto remunerativa per i diversi ambienti che attraversa: una fresca abetaia, una zona paludosa pianeggiante ai margini del bosco, dei pascoli circondati da cime rocciose, un bel laghetto solitario ed una forcella panoramica. Cosa volete di più…?
Descrizione percorso
Lungo la strada tortuosa ma sicura della Valcampelle , circa 1 km prima del rifugio Carlettini , incontrerete il bivio, seguite la breve strada a sinistra con le indicazioni sentiero 362, che porta in discesa ad un gruppo di case e ad un albergo. Parcheggiate presso l'albergo ed iniziate a camminare attraversando un torrente ed entrando in una splendida e muschiosa abetaia. Al primo tornante seguite le indicazioni per Malga Montalon salendo un poco più ripidamente a destra fino ad una bella malga in un ambiente idilliaco al margine di una radura prativa nel bosco. Rientrate nel bosco poco dopo e seguite il sentiero che alterna tratti un poco ripidi a più riposanti falsopiani . Fuoriusciti dal bosco superate un cancelletto di legno che evita la fuga delle vacche al pascolo e procedete tra rare piante ignorando una deviazione a sinistra per una malga. Scendete in un'ampia zona pianeggiante e paludosa dalla quale avrete un bellissimo panorama sulla valle che dovrete risalire. Al termine del pianoro deviate a destra attraversando il torrente grazie ad una sgangherata passatoia e risalite il ripido pascolo fino all'evidente Malga Montalon . Passate dietro alla lunga stalla della malga e procedete in mezzacosta sempre su terreno prativo fino ad un dosso dal quale godrete il bel panorama della valle appena risalita. Da qui, seguite il sentierino che con vari tornanti vi porterà in breve sopra la placida conca dove è adagiato il lago di Montalon . Scendete fino ad esso, portatevi sul lato sinistro del lago (destro orografico) e camminate in mezzacosta su sentiero rettilineo in dolce salita fino alla poco distante e panoramica forcella di Montalon.
Discesa
Ripercorrere a ritroso il tragitto effettuato all'andata.

Note

Questa escursione può essere allungata di parecchio proseguendo dalla forcella Montalon , alla forcella di Valsorda e da lì discendendo al Passo Cinque Croci, per poi fare ritorno al punto di partenza. Le condizioni di neve alta e fradicia ce lo hanno però impedito. Calcolate che in questo caso il percorso completo è lungo circa 20 Km , ma visti i luoghi attraversati ne vale sicuramente la pena. La zona è anche costellata da una serie di residue postazioni belliche piuttosto interessanti da visitare.

Commenti vari
Il gruppo dei Lagorai è ancora poco frequentato e la mancanza di impianti di risalita, unitamente alle strade chiuse agli automezzi, lo rendono un luogo adatto a chi fugge le grandi masse di turisti e camminatori. Il rifugio-albergo Carlettini presso cui abbiamo pernottato si è rivelato un ottimo punto d'appoggio per il bel posto in cui si trova, la buona gestione ed il confort, ma soprattutto per abbondantissima cena che ci hanno dato.

SCARICA IL FILE PER IL GPS

   
Ingrandisci
Ingrandisci
Guglielmo a Malga Montaletto
Alla piana paludosa con la Pala del Becco
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Omar al Lago Montalon
Alla forcella
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Omar nella grotta dei fagioli
In discesa con nuvole minacciose
   
Ingrandisci
Ingrandisci

Rilievi GPS

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.