Rifugio Gianetti

 
Zona montuosa Masino/Bregaglia/Disgrazia Località di partenza Località Bagni di Masino - Val Masino (SO)
Quota partenza 1178 Mt. Quota di arrivo 2534 Mt.
Dislivello totale +1356 Mt. Data di uscita 25/09/2004
Ore di salita 2 h. 30' Ore di discesa 2 h.
Sentieri utilizzati n. 21 Giudizio sull'escursione Bella
Sass Balòss presenti Omar, Gölem Difficoltà E
Amici presenti
Cristian, James.
Condizioni climatiche e dei sentieri
Sentiero in ottimo stato, ben segnato sia nel bosco che sui pascoli. La giornata era limpida e freddina, con un vento fortissimo e fastidioso nella parte alta del percorso.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
Alla partenza (Bagni di Masino), poi torrenti lungo il tracciato (attenzione nel periodo estivo per gli animali al pascolo) e infine al rifugio.
Punti di appoggio
Nessuno, solo qualche malga sul percorso.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Bella e frequentata escursione che si svolge nell'ampio e spettacolare teatro granitico dell'alta Val Masino e della Val Porcellizzo.
Viene indicato un tempo di percorrenza di 3 ore e mezza, ma anche procedendo piano mi sembra un tempo un po' eccessivo, si può stare comodamente nelle tre ore.
Consigliabile percorrere l'itinerario in settembre e ottobre, per godere appieno della solitudine delle montagne granitiche più famose della Lombardia, e degli spettacolari colori autunnali.
Descrizione percorso
Dal Parcheggio delle Terme (a pagamento nel pieno dell'estate) proseguire lungo la mulattiera e al bivio indicato prendere a destra il sentiero per il rifugio Gianetti.
Il sentiero, dapprima pianeggiante, ben presto inizia a salire con dei tornanti stretti nel bellissimo bosco umido, poi si sbuca, a quota 1400 Mt., al limite dello stesso, dove si trova l'alpeggio dell'Alpe Corte Vecchia.
Si passa poi dalle Termopili, uno stretto passaggio tra due enormi rocce accatastate, su cui sono tracciate alcune vie sportive.
Si attraversa un bel bosco rado di abeti, poi il sentiero prosegue meno ripido, per poi riprendere a salire con dei tornanti raggiungendo una lunga placca di granito percorsa da un cascata.
Dopo circa 1 h. 20' di cammino si sbuca in una grande e splendida spianata ricoperta di pascoli, il Piano del Porcellizzo (1890 Mt.), dove sorge una baita.
Oltrepassata la baita si attraversa tutto il pianoro e un ponte di pietra sul torrente, poi il sentiero con alcuni tornanti su terreno roccioso fa superare lo zoccolo sul quale sorge il rifugio. Ben presto il rifugio è visibile in alto, ma c'è ancora da camminare.
Si risalgono i pascoli transitando ad un certo punto su una grossa placca liscia di roccia, poi il sentiero punta dritto al rifugio, che si raggiunge con un ultimo tratto verso destra. Bellissimo scenario dietro il rifugio sono la mole del Pizzo Badile e del Cengalo.
Discesa
La discesa avviene per il medesimo itinerario di salita.

Note
Poco sopra gli stabilimenti dei Bagni di Masino, località di partenza dove si parcheggia, si trova una fontanella di acqua termale, accessibile ai passanti. Vale sicuramente la pena di fare una sosta, non tanto per la fontanella in sé, quanto perché l'acqua è calda.
   
Ingrandisci
Ingrandisci
In posa al Piano del Porcellizzo
Sul ponte al Piano del Porcellizzo
   
Ingrandisci
Ingrandisci
I pascoli digradanti sul fondovalle
Il rifugio è ormai raggiunto
   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.