Il Costone e Monte Filaressa

 
Zona montuosa Alpi Orobie Località di partenza Loc. Monte di Nese - Alzano Lombardo (BG)
Quota partenza 800 Mt. Quota di arrivo 1195 Mt. Il Costone
1132 Mt. il Monte Filaressa
Dislivello totale 500 Mt. con i saliscendi
Data di uscita 03/10/2020
Ore di salita 1 h. per il Costone
30' dal Costone alla Filaressa
Ore di discesa 45'
Sentieri utilizzati n. 531 Giudizio sull'escursione Sufficiente
Sass Balòss presenti Omar
Difficoltà E
Condizioni climatiche e dei sentieri

Limpidissima giornata autunnale, con vista a lunghissima distanza, fino agli Appennini. Sentieri ben segnalati e tenuti lungo l'intero itinerario.

Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Lungo la passeggiata è possibile trovare riparo presso alcune baite e cascine.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Nulla.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Facile e veloce camminata su due cimette di bassa montagna poste all'inizio della fascia pedemontana bergamasca all'imbocco della Valle Seriana. Si tratta di una escursione adatta anche ai meno allenati oppure a chi a poche ore a disposizione, ma non priva di interessanti aspetti. Le due mete di oggi sorgono sul confine tra le due valli principali di Bergamo e lungo la loro dorsale corre il confine tra Valle Brembana e Valle Seriana. Entusiasmante il panorama visibile verso la pianura.
Descrizione percorso
Dal paese di Alzano Lombardo posto all'ingresso della Valle Seriana, saliamo a Monte Di Nese, isolata e pittoresca frazione dove lasciamo l'auto poco oltre la chiesa. Qui, nei pressi di un tornante verso destra si trova un ampio parcheggio sulla destra. Una palina ci indica il sentiero n. 531 per il Monte Filaressa. Saliamo una mulattiera sassosa che supera alcune cascine, entra in un umido boschetto misto e ci conduce in 10 minuti alla Forcella di Monte di Nese (870 metri di quota), a cavallo tra la Valle Seriana e Brembana. Qui sorge la chiesetta della Forcella con interessanti affreschi interni. Una palina, tra le numerose direzioni, ci consiglia di proseguire per la Filaressa. Rimontiamo ora una erta stradina cementata che ci porta con una certa fatica ad un bel poggio panoramico dove sorgono alcune baite e cascine isolate. Superiamo queste cascine, godendoci il bel panorama sulla pianura bergamasca ed oltre verso quella milanese. Superiamo le ultime baite ed una pozza di abbeverata dove nuotano alcuni pesci rossi e ci dirigiamo verso un'evidente selletta. Da qui proseguiamo verso destra rimontando grosso modo una dorsale cespugliosa. Il sentiero resta poco sotto il filo della dorsale e si inoltra in un bosco misto con alcuni scorci sulla Valle Brembana alla nostra sinistra. Possiamo anche non seguire il sentiero e restare alti sul filo della dorsale, ma più in alto questa diviene troppo intricata e conviene scendere sul più comodo sentiero. Un paio di paline ci confermano la direzione corretta. Eccoci ora a percorrere una breve e curiosa trincea naturale al termine della quale scendiamo nella valle opposta a quella di salita. Davanti a noi si vede la piramide del Costone. Scendiamo in questa scura valletta, passando sotto alle rocciose pareti del Monte Filaressa alla nostra destra. Dopo un breve tratto in falsopiano eccoci ad una selletta, preceduta da una palina che ci indica la salita alla Filaressa verso destra, ma noi proseguiamo verso il Costone per tornare poi alla medesima forcella e salire successivamente alla Filaressa. Saliamo il ripido e pietroso sentierino che conduce con una certa fatica al Costone. Il tracciato non ci lascia respirare e la pendenza ed il terreno sdrucciolevole ci fanno faticare più del previsto. Con una serie di ripide serpentine guadagniamo i 1195 metri di altezza della Madonnina del Costone dove una statuetta della Vergine guarda la bassa pianura e noi possiamo finalmente riprendere fiato. Ridiscesi alla forcella ai piedi del Costone, deviamo a sinistra e seguiamo il sentiero (indicato pomposamente come “difficile”...) per la Filaressa. Questo si inerpica ripido e con vari tornantini lungo le rocciose pendici della nostra meta. Prima tra cespugli e piantine e poi lungo una caratteristica cengia verso destra eccoci sbucare sul filo di cresta della Filaressa (presenza di alcuni spit per eventuali discese con giaccio o neve). Senza alcuna difficoltà seguiamo la facile cresta verso sinistra e con comodo sentierino eccoci in pochi minuti alla grande croce di ferro sulla cima del Monte Filaressa.
Discesa
Ripercorriamo il sentiero lungo la crestina della Filaressa fino al punto in cui siamo sbucati dalla cengia e proseguiamo dritti ignorando tale deviazione. Sempre su comodo sentierino tra piante e cespugli perdiamo quota fino alla zona della forcella sopra la pozza d'acqua. Raggiungiamo per pascoli e prati la pozza e da qui seguiamo il sentiero già fatto fino all'auto.

Note
Per altre foto ed info sulla zona, potete dare un'occhiata alla relazione del 19-01-2013. Il costone, a volte viene anche chiamato Monte Costone, ma sulle cartine è indicato solo come "Il Costone"; in taluni casi è segnato anche come "Madonnina del Costone". Anche il Monte Filaressa è a volte chiamato Corna della Filaressa. Carina è la chiesetta della Forcella dedicata alla Madonna del Buon Consiglio che incontriamo dopo pochi minuti di cammino: essa risale al 1861 e negli anni ha subito vari restauri. Avendo un poco più di tempo si dovrebbe proseguire dalla cima del Costone, fino alla località Salmezza e da qui salire al Monte Podona in zona Selvino, rendendo così più interessante e remunerativa l'intera camminata.
Commenti vari
Dato il poco tempo a disposizione ho percorso l'intero itinerario praticamente di corsa, senza un attimo di pausa, se non per le fotografie di vetta. I tempi indicati, invece, sono quelli di un normale ritmo di camminata. Questa zona merita però una lenta e tranquilla passeggiata per godere degli angoli e dei panorami nel modo migliore possibile.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

L'interno della Chiesetta della Forcella

Panorama verso la Valle Brembana

   

Ingrandisci

Ingrandisci

La ripida dorsale del Costone

La Madonnina del Costone sorveglia la pianura

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Il Monte Filaressa

Il nasone di Omar alla croce della Filaressa