Torri del Vajolet/Torre Delago - Spigolo Piaz

 
Zona montuosa Dolomiti - Gruppo del Catinaccio LocalitÓ di partenza Rifugio Gardeccia - Pera di Fassa (TN)
Quota partenza 1949 Mt. Quota di arrivo 2790 Mt.
Dislivello totale +751 Mt. per l'attacco
+90 Mt. la via (130 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati n. 546, 541, 542
Ore di salita 2 h. 15' per l’attacco
2 h. 30' la via
Ore di discesa 1 h. 15' le doppie
1 h. 30' il sentiero
Esposizione Sud-ovest Giudizio sull'ascensione Molto bella
Data di uscita 03/07/2004 Difficoltà IV, IV+
Sass Balòss presenti
Omar, Gölem.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia
Giornata fresca e nuvolosa con forte nebbia e rari sprazzi di sole. I sentieri che si percorrono sono in ottimo stato e ben segnalati.
La roccia in via è ottima anche se eccessivamente levigata dalle innumerevoli ripetizioni.
Eventuali pericoli
In caso di brutto tempo, sullo spigolo molto affilato, è altissimo il rischio di caduta fulmini.
Presenza di acqua
Fontana al rifugio Gardeccia, sorgente al rifugio Re Alberto.
Punti di appoggio
Rifugio Gardeccia (raggiungibile con un servizio di minibus da Pera di Fassa), rifugi Preuss e Vajolet (dopo circa 1 ora di cammino), infine il rifugio Re Alberto nei pressi dell’attacco.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Normale materiale per arrampicata su roccia. Utili cordini e 1 friend medio.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Itinerario aperto da Tita Piaz con F. Jori e I. Glaser l’8 agosto del 1911. Lo spigolo, aereo e verticale, è fra i più noti e ripetuti dell’intero gruppo del Catinaccio. La roccia è sempre ottima, nonostante le numerose ripetizioni. In via ci sono 1-2 chiodi per tiro (non sempre facili da vedere) da integrare con qualche cordino in presenza delle clessidre; le soste tutte buone e sicure su ancoraggi cementati.
Anche il percorso per arrivare all’attacco merita le nostre lodi. Si tratta di una zona di rara bellezza, anche se molto frequentata. I panorami cambiano di continuo: ora rocce opprimenti e alte pareti pallide, ora ghiaioni ampissimi, ora valli coperte da abeti.
Attacco, descrizione della via
I sentieri per l'avvicinamento partono dalla piccola contrada Gardeccia situata sopra Pera di Fassa. Purtroppo non è possibile raggiungere la frazione mediante macchina in quanto vige un divieto di circolazione durante tutto l'anno. E' possibile usufruire del servizio navetta
(€ 7 A/R) per evitare una lunga camminata su strada asfaltata.
La navetta parte a Pera di Fassa in corrispondenza di un parcheggio che s’incontra sulla destra salendo verso Canazei. C'è una seggiovia e un grosso cartello "Bus per Gardeccia". Le corse sono abbastanza frequenti.
La navetta vi lascerà in corrispondenza del rifugio Gardeccia. Da qui camminare lungo la strada sterrata (sentiero n. 546) che sale, costeggiando l'imponente parete Est del Catinaccio, al rifugio Vajolet. Imboccare ora il sentiero n. 542 che sale al rifugio Re Alberto (qualche breve tratto attrezzato). Dirigersi alla base delle Torri ed entrare nel canale che divide la piccola torre Piaz dalla torre Delago; risalirlo sino a raggiungere un terrazzino in corrispondenza della selletta tra le due torri dove si trova l’attacco della via (anello cementato, 40 m., I, II, 1 chiodo).

1° tiro:
salire in verticale sino a raggiungere una piccola nicchia, superarla sulla sinistra (chiodo), e proseguire lungo un tratto verticale di roccia biancastra (chiodo). Spostarsi a destra per qualche metro ed in seguito ritornare a sinistra sino a raggiungere il filo dello spigolo dove si sosta. 30 m., IV+, IV, IV-, 3 chiodi.

2° tiro:
l’attacco del tiro è a dir poco sublime, il punto più bello della via. Dal terrazzino si aggira lo spigolo a sinistra affacciandosi in maniera impressionante sulla valle sottostante. Si risale lo spigolo in verticale (chiodo) su appigli piccoli e un po' levigati e, dopo una decina di metri, si torna a destra del filo dello spigolo. Per facili rocce si raggiunge un piccolo ballatoio e seguendo una fessura poco marcata sopra di esso si raggiunge la cengia dove si sosta. 30 Mt., IV, III, IV-, 3 chiodi

3° tiro:
salire il diedro stando appena a destra del filo dello spigolo (2 chiodi vicini). Poi una rampa appoggiata porta ad una piccola cengia dove si trova la sosta. 25 Mt., IV, III, 2 chiodi e numerose clessidre.

4° tiro:
obliquare a destra seguendo delle lame. Superare una placca biancastra e, mediante un caminetto, si raggiunge la facile cresta che conduce in vetta. E’ possibile dividere la lunghezza sostando poco oltre la placca biancastra. 50 Mt., IV, III, 1 chiodo, 1 sosta intermedia.
Discesa
La discesa avviene lungo il versante Nord Est mediante delle calate in corda doppia. Data la loro lunghezza è possibile accorparle.
1a calata: 33 Mt., in verticale nell’intaglio tra le torri Delago e Stabeler sino ad un enorme masso incastrato tra le due torri;
2a calata: 20 Mt., scendendo nel canale, doppia spettacolare con tratti nel vuoto, anello sulla Torre Delago;
3a calata: 20 Mt., calandosi ancora lungo lo stretto canale si trova un anello sulla Torre Stabeler;
4a calata: 20 Mt., ancora nel canale, avvicinandosi allo zoccolo basale della torre Stabeler, l’anello si trova su un comodo terrazzo.
5a calata: 30 Mt., sino a terra.

Da qui si torna al rifugio Gardeccia percorrendo a ritroso i sentieri d'avvicinamento.

Note
Tutto molto bello. Per raggiungere il rif. Gardeccia si può prendere la seggiovia (2 tratte) che sale da Pera oppure i pulmini che fanno la spola su e giù per la Valle del Vajolet. Evitate di tornare dopo le 19.00 perché non troverete il passaggio per il ritorno... infatti, noi ci siamo fatti a piedi circa 8 km di discesa al buio...
Commenti vari
Dalle relazioni in nostro possesso avremmo dovuto trovare tantissime cordate lungo la torre, tanto da dover fare a botte… in realtà, causa il maltempo che prometteva temporali, eravamo l’unica cordata, fatta eccezione per 3 stranieri 3 tiri sotto di noi i quali poi, lungo le doppie, ci hanno bombardato di sassi! Da provare assolutamente il senso di esposizione totale durante l’attacco del 3° tiro, quando si aggira lo spigolo per qualche metro, affacciandosi sul precipizio a sinistra: davvero esaltante.
Altre ripetizioni
Luca e Claudia hanno ripetuto l'itinerario il 5 Luglio 2009.
Pubblicazioni

Questa relazione è stata inserita nella guida ARRAMPICARE Dolomiti nord-occidentali vol.1 edita da ViviDolomiti.
Clicca sull'immagine qui sotto per accedere alla pagina web ViviDolomiti edizioni - libri di montagna e acquistarne direttamente una copia.

   
Ingrandisci
Ingrandisci
Omar sul terzo tiro
Vista sulla torre Piaz e sul rifugio Re Alberto
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Al rifugio dopo la discesa dalla Torre Delago
Prati di Gardeccia
   

Ingrandisci

Le Torri del Vajolet con i tracciati delle vie: Spigolo Piaz, Emmerich e Fehrmann
 
Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.