Cima Corna Piana

Zona montuosa Orobie Orientali Località di partenza Valcanale (BG)
Quota partenza 1100 Mt. Quota di arrivo 2302 Mt.
Dislivello totale 1300 Mt. con i saliscendi Data di uscita 06/11/2004
Ore di salita 3 h. circa Ore di discesa 2 h. 30'
Sentieri utilizzati n. 220, 218, 266 Giudizio sull'escursione Bella
Sass Balòss presenti Omar, Gölem Difficoltà EE
Condizioni climatiche e dei sentieri
Giornata stranamente tiepida per la stagione. Sentieri quasi sempre ben segnalati, ampi e sicuri.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
Al rifugio Alpe Corte e presso la seconda baita che si incontra salendo al Passo di Branchino.
Punti di appoggio
Dopo circa 30' si incontra il rif. Alpe Corte. Prima del Passo di Branchino si trovano 2 baite molto belle e appena sistemate che possono offrire riparo in caso di necessità. Lungo la discesa, poco dopo un traliccio dell'ex impianto di risalita c'è una terza baita.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Nessuno.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Escursione interessante che riunisce diversi tipi di terreno e paesaggio: si va dalla abetaia fresca e ombrosa, ai pascoli aperti, dal lago di media montagna, al passo alpino, dal ghiaione, alla cresta esposta. Nel complesso risulta facile anche se leggermente lunga. Da farsi nelle mezze stagioni per evitare le zone esposte a slavine o i calori estivi.
Descrizione percorso
Lasciata l'auto al termine della strada asfaltata di Valcanale, si prende il sentiero n. 220 che attraverso abeti e faggi ci porta in 30' al rifugio Alpe Corte (1410 Mt.). Da qui si perde leggermente quota verso sinistra, si supera il torrente che attraversa la valle e si risale per pascoli verso il lago Branchino e l'omonimo passo seguendo il sentiero n. 218. Lungo la salita si superano 2 belle baite. Giunti al lago, ancora pochi minuti e si arriva al passo dal quale, senza abbassarsi, si procede in mezza costa verso sinistra fino a trovarsi sotto la bella parete della Corna Piana. Ci troviamo nel mezzo di un piccolo ghiaione che si risale piegando verso destra fino alla Bocchetta di Corna Piana. Oltre la bocchetta si scende nel vallone sottostante chiuso dalla imponente parete dell'Arera. Arrivati sul fondo del vallone si procede verso sinistra per giungere all'ampio passo di Corna Piana. Continuando verso sinistra, inizialmente per prati, si rimonta il ripido pendio della Corna Piana. Una volta in cresta, la si segue fino alla croce di vetta. La cresta è facile, anche se a tratti esposta verso destra dove cade verticale la parete nord della Corna Piana. Superato un divertente salto roccioso di circa 10 Mt., mancano pochi metri alla vetta.
Discesa
La discesa, fino al passo, ripercorre l'itinerario di salita. Qui giunti, si prosegue lungo il sentiero n. 218 scendendo nel versante opposto della valle. Prima su sassi e ghiaia, poi in un bel faggeto, si continua a scendere fino ad incontrare un impianto di risalita in disuso. Da qui si devia a sinistra scendendo su prati con rara vegetazione, facendo attenzione ai bolli rossi poco visibili a volte. Poco prima di una baita, la traccia gira a sinistra e sale leggermente. Si cammina in mezza costa nel bosco fino ad incrociare una strada sterrata in discesa. la si percorre per pochi metri per deviare subito a sinistra lungo il sentiero 266. Poco dopo ci si trova in una bella conca erbosa, la si risale e ci si trova poco sopra il rifugio nei pressi del bivio per il lago Branchino. Si scende e si torna al rifugio Alpe Corte. Da qui, successivamente all'auto.

Note
Una volta giunti alla forcella di Corna Piana, si può percorrere la bella cresta sulla sinistra della bocchetta e che porta in vetta alla Corna Piana anche se a tratti risulta un po' friabile.
Commenti vari
Chissà perché, ma dopo lo spuntino a base di funghetti prelibati, tutto ci è sembrato più bello e allegro... non sentivamo più nemmeno la fatica!
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Delizioso spuntino dagli effetti miracolosi
Il lago e il Passo del Branchino
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Risalendo il ghiaione verso la Bocchetta di Corna Piana
Il vallone tra la Corna Piana e l'Arera
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Sul salto di roccia sotto la vetta
Primi effetti dello spuntino
   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.