Col Ombert - Via Ferrata Kaiserjager

Zona montuosa Marmolada LocalitÓ di partenza Località Sauc - Pozza di Fassa (TN)
Quota partenza 1738 Mt. Quota di arrivo 2670 Mt.
Dislivello totale

+602 Mt. per il rifugio passo di San Nicolò
+80 Mt. dal rifugio all'attacco
+250 Mt. la ferrata

Sentieri utilizzati n. 608, 609
Ore di salita 2 h. dal parcheggio al rifugio
10' dal rifugio all'attacco
1 h. 30' la ferrata
Ore di discesa 2 h. la discesa
Esposizione Ovest Giudizio sull'escursione Bella
Data di uscita 16/08/2014 Difficoltà EEA
Sass Balòss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Diego, Elisa, Giancarlo, Paolo.
Condizioni climatiche, dei sentieri e delle ferrate

Giornata decisamente fredda con un meteo incerto. Durante la discesa è piovuto, nevicato e grandinato. I sentieri che si percorrono sono evidenti e la ferrata presenta funi metalliche in buone condizioni. Occorre però prestare attenzione ai primi frazionamenti dove la fune è in un paio di punti danneggiata. Fuori dal percorso attrezzato la roccia è pessima.

Eventuali pericoli
In ferrata è assolutamente vietato cadere... le conseguenze potrebbero essere fatali per via del fattore di caduta molto alto. La prima parte della ferrata è costituita da due tratti molto verticali e faticosi. Attenzione alla caduta sassi.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio

Rifugio passo San Nicolò (2340 Mt.), Baita Ciampiè (1826 Mt.).

Materiale necessario oltre al tradizionale
Caschetto, imbracatura e set da ferrata completo di dissipatore.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Breve ma impegnativa ferrata che si snoda lungo il versante ovest del Col Ombert. La ferrata segue un vecchio percorso attrezzato durante la Grande Guerra che nel 1996 è stato completamente riattrezzato da Mario Corradi e Renzo Bernard. Lungo il percorso s'incontrano ancora diversi vecchi ancoraggi.
La ferrata è poco percorsa ma conviene abbandonare la salita in presenza di altri alpinisti: il rischio di caduta sassi è decisamente elevato.
Attacco della ferrata
Da Pozza di Fassa (TN) seguire le indicazioni per la Valle San Nicolò e parcheggiare in località Sauc (1738 Mt.). La strada continua ma un divieto impedisce di proseguire.
Continuare a risalire la valle, dapprima lungo una strada asfaltata e in seguito, lungo una carrozzabile sterrata sino a raggiungere una deviazione a sinistra (palina in loco). Qui proseguire lungo un sentiero che sale ripido nel bosco e che conduce al Passo di San Nicolò.
In breve si raggiunge l'omonimo rifugio situato sotto le propaggini del Col Ombert. Proseguire lungo il sentiero 608 ed abbandonarlo poco dopo per seguire una traccia che sale in direzione della parete ovest del Col Ombert (indicazioni via ferrata). L'attacco è posto in corrispondenza di una grande grotta scavata nella roccia (2420 Mt.).
Descrizione della ferrata
La ferrata è breve ed impegnativa. L'attacco è caratterizzato da una sequenza di passaggi ripidi che richiedono particolare forza. Successivamente la ferrata diviene meno faticosa e guadagna progressivamente quota. Un simpatico traverso verso destra consente di guadagnare il versante sud, dove facili rocce conducono alla croce di vetta (2670 Mt.).
Discesa
Dalla vetta imboccare l'evidente traccia che scende lungo il fianco sud-est della montagna. Raggiunta una prima forcella scendere a sinistra. In corrispondenza di un tornante si stacca sulla destra una traccia poco accennata che costeggia le pareti rocciose della cresta sud-est (presenti i resti di vecchie postazioni di guerra).
Risalire
sino a raggiungere il Passo Paschè e imboccare il sentiero n. 609 mediante il quale si ritorna in val San Nicolò. Raggiunto il sentiero n. 608 seguirlo sino a raggiungere il posteggio.

Note
La ferrata è stata l'occasione per conoscere Giancarlo Zuffa, un forte arrampicatore bolognese che ha aperto numerosi itinerari d'arrampicata (talvolta estremi) sulle pareti della Pietra di Bismantova. Inutile dire che Bertoldo e Diego ne sono rimasti catturati.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Durante l'avvicinamento Giancarlo racconta a Diego e Will le sue avventure alla Pietra di Bismantova

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Diego sui primi metri della ferrata

Will supera il primo passaggio impegnativo...

   

Ingrandisci

Ingrandisci

... seguito da Giancarlo

La ferrata in seguito perde parte della sua verticalità iniziale

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Giancarlo, Paolo e Diego

Il Col Ombert con la ferrata

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.