Col dei Bos - Via Ada

Zona montuosa Dolomiti - Gruppo di Fanis LocalitÓ di partenza Loc. Pian del Menìs - Passo Falzarego (BL)
Quota partenza 2054 Mt. Quota di arrivo 2488 Mt.
Dislivello totale

+154 Mt. per l'attacco
+280 Mt. la via (356 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati n. 412
Ore di salita

30' per l'attacco
4 h. la via

Ore di discesa 1 h.
Esposizione Sud Giudizio sull'ascensione Discreta
Data di uscita 21/07/2015 Difficoltà VI-/V+, A0
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata soleggiata con qualche nuvola pomeridiana. Il sentiero che conduce all'attacco Ŕ ben segnalato ed evidente; quello di discesa necessita di qualche attenzione, specialmente se percorso con presenza di neve. La via si svolge su roccia generalmente ottima.

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente.

Presenza di acqua
Nessuna.
Punti di appoggio
Al parcheggio c'è il rifugio Col Gallina e il bar-ristorante Strobel.
Materiale necessario oltre al tradizionale

Tradizionale da arrampicata. Portare un assortimento di friend per integrare.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Articolata via d'arrampicata aperta nel 1944 da M. Bianchi e D. Menardi che si snoda sulla parete sud del Col dei Bos. In seguito all'apertura il gruppo alpini ha provveduto ad attrezzare l'itinerario con anelli cementati ed inoltre esistono diverse varianti lungo il percorso per aggirare quasi tutti i tratti più impegnativi. Queste caratteristiche, unite al breve avvicinamente, un facile rientro ed uno sviluppo di più di 300 metri, hanno reso la via abbastanza frequentata ed ottima meta per le prime esperienze dolomitiche.

Attacco, descrizione della via
Da Cortina d'Ampezzo si sale la strada statale 48 che conduce al Passo Falzarego fino a circa 1 Km. sotto il passo in località "Pian del Menìs". Sulla sinistra c'è il rifugio "Col Gallina" e sulla destra il ristorante "Strobel". Di fronte al ristorante c'è ampia possibilità di posteggio.
Dal piazzale si sale in direzione delle Torri del Falzarego seguendo il sentiero che inizia a fianco del ristorante (non numerato ma segnalato con bolli rossi e bianchi) per circa 15' fino ad incrociare una vecchia strada di guerra oggi sentiero C.A.I. n. 412.
Seguire questo sentiero pianeggiante verso destra per un centinaio di metri fino a superare uno sperone oltre il quale si trova il vecchio ospedale militare di guerra. Al termine dell'ospedale dalla vecchia strada si stacca un sentierino più o meno pianeggiante che costeggia la parete del Col dei Bos, seguirlo superando l'attacco della via ferrata e raggiungendo, con alcuni sali-scendi, il centro della parete. Dopo un ghiaione individuare una traccetta che sale verso sinistra alla base del diedro che caratterizza i primi due tiri. A sinistra del diedro c'è una grande nicchia molto simile ad una grotta. Qualche decina di metri più a sinistra attacca la via
Gaudeamus.

1° tiro: 
salire il diedro fino a raggiungere una cornice dove si sosta (anelli cementati). 20 Mt., IV.

2° tiro:
continuare lungo il diedro superando una strozzatura iniziale. Verso il termine del dedro sfruttare la fessura di destra oltre la quale si sosta (anello cementato). 25 Mt., V, IV, IV+, 2 chiodi, 1 anello cementato.

3° tiro:
obliquare a sinistra e salire la placca puntando ad una fessura formata da un grosso spuntone inclinato a sinistra. Sostare poco prima di raggiungerla (anello cementato). 30 Mt., IV, 2/3 anelli cementati.

4° tiro:
salire la fessura e continuare poi sulla destra in verticale sino alla sosta (anello cementato). 40 Mt., IV+, 3/4 anelli cementati.

5° tiro:
raggiungere la piazzola con un grosso mugo; alzarsi ancora pochi metri, traversare a sinistra e sostare (anello cementato) in prossimità dello spigolo. 25 Mt., III+, III.

6° tiro:
spostarsi a sinistra dello spigolo e superare il muretto verticale. Riportarsi poi sullo spigolo che si segue sino alla sosta.
35 Mt., V, V+, IV, 6 anelli cementati.

7° tiro:
traversare a sinistra in leggera ascesa sino ad oltrepassare un canalino. Sostare (anello cementato) poco dopo sulla sinistra.
40 Mt., IV, IV+, 3/4 anelli cementati.

8° tiro:
salire il canalino e superare una paretina tecnica. Spostarsi a sinistra e sostare (anello cementato). Allungando bene le protezioni è possibile concatenare questa lunghezza alla successiva. 35 Mt., IV, VI- oppure A0, V+, 3 anelli cementati. 

9° tiro:
spostarsi a sinistra e superare una fessura verticale. Sostare (masso incastrato+cordone) poco dopo. 10 Mt., IV, III, 1 anello cementato.

10° tiro:
salire a sinistra seguendo il canale sino a raggiungere la base di una paretina dove si sosta (strozzare un cordino su un piolo metallico). 55 Mt., I, II. Stando più a sinistra è possibile seguire la variante dei "bolli verdi", IV, chiodi e anelli cementati.

11° tiro:
in questo punto si congiunge la via
Gaudeamus. Superare il muretto strapiombante e unto (faticoso) poi continuare seguendo la fessura leggermente verso sinistra ed infine dritti sino alla sosta (anello cementato). 25 Mt., VI- oppure A0, V+, IV, 3 anelli cementati.

12° tiro:
salire verso sinistra alla base di due vaghi diedrini superando quello di sinistra. Al suo termine traversare a sinistra e superare un piccolo strapiombo ben ammanigliato raggiungendo la sosta (anello cementato). 40 Mt., IV, IV+, 2 chiodi, 2 anelli cementati.

13° tiro:
obliquare leggermente verso sinistra portandosi alla base di un caminetto che si segue sino al pianoro sommitale dove si sosta (anelli cementati). 20 Mt., IV, III, 1 anello cementato.
Discesa
Si cammina verso sinistra lungo i prati sommitali e poi per una traccia (tratti esposti - attenzione alla neve di inizio stagione) sino ad arrivare al canalone che divide il Col dei Bos e la Cima di Falzarego. Scendere nel canale seguendo il comodo sentiero sino a giungere nei pressi dell'ex ospedale militare. Percorrendo a ritroso il sentiero d'avvicinamento si ritorna al parcheggio.

Pubblicazioni

Questa relazione è stata inserita nella guida ARRAMPICARE Dolomiti nord-orientali vol.1 edita da ViviDolomiti.
Clicca sull'immagine qui sotto per accedere alla pagina web ViviDolomiti edizioni - libri di montagna e acquistarne direttamente una copia.

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca sul diedro iniziale

La placca della terza lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

La fessura obliqua del quarto tiro

Il muretto all'inizio della sesta lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Il traverso del settimo tiro

Impegnativo passo sull'ottava lunghezza

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Matteo sul diedrino del dodicesimo tiro

Luca alla base del camino finale

 

 

Ingrandisci

Il Col Dei Bos con i tracciati delle vie: Gaudeamus, Ada ed Alverà/Menardi

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.