Pizzo Coca

Zona montuosa Alpi Orobie Orientali Località di partenza Località Pianlivere - Valbondione (BG)
Quota partenza 970 Mt. Quota di arrivo 3050 Mt.
Dislivello totale +1138 Mt. per il lago di Coca
+942 Mt. dal lago alla vetta
Data di uscita 14-15/09/2002
Ore di salita 3 h. per il lago di Coca
2 h 30' dal lago alla vetta
Ore di discesa 3 h. 30' dalla vetta al parcheggio
Sentieri utilizzati n. 301, 302, 323 Giudizio sull'escursione Ottima
Sass Balòss presenti Luca, Bertoldo Difficoltà EE
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia
L'uscita è stata effettuata con l'autunno alle porte, il tempo è stato magnifico e i sentieri erano ben visibili. Alcuni tratti su roccette prima di arrivare in vetta non possono vantare una roccia solida.
Eventuali pericoli
Gli ultimi 300 metri di dislivello sono da effettuare in arrampicata (II°).
Presenza di acqua
E' possibile trovare fonti d'acqua fino al lago di Coca 2108 Mt.
Punti di appoggio
Rifugio Coca 1892 Mt.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Nessuno.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
Escursione effettuata in due giorni, dormendo in tenda al lago di Coca nel centro della
"Conca dei Giganti", così denominata in quanto circondata dalle vette più alte delle Orobie: il Pizzo Coca 3050 Mt., il Pizzo Redorta 3038 Mt. e la Punta Scais 3038 Mt. (è possibile piantare la tenda anche nelle immediate vicinanze del rif. Coca).
Descrizione percorso
Per effettuare la salita al Pizzo Coca occorre raggiungere il paese di Valbondione (BG). Si prosegue fino alla località Pianlivere sino ad individuare un cartello sulla sinistra che indica la partenza del sentiero per il rifugio Coca (è possibile parcheggiare poco prima del cartello stesso).
Seguire il sentiero ben segnalato (n. 301) che dopo aver superato il fiume Serio (breve tratto in discesa) sale repentinamente verso il rifugio; l'ultimo tratto è attrezzato con delle catene.
A questo punto proseguire per il sentiero n. 302 che conduce al lago di Coca (bellissimo laghetto naturale 2108 Mt.). All’inizio del lago il sentiero svolta sulla destra (n. 323) e continua a salire fino a raggiungere la Bocchetta dei Camosci (2719 Mt.). Sul sentiero incontrerete una colonnina di telesoccorso. Una volta raggiunta la bocchetta percorrere gli ultimi 300 metri di dislivello in arrampicata (max II°, alcune persone considerano il tratto ancora sentiero). Prestare comunque molta attenzione ai sassi presenti che possono cadere.
Si arriva così in vetta al Pizzo Coca (3050 Mt.), la vetta più alta delle Orobie.
Discesa
Effettuare la discesa attraverso gli stessi sentieri utilizzati nella salita. Tutti i sentieri indicati sono ben segnalati.
Si effettua l’ascensione partendo da Valbondione in 5 ore e mezza. E’ possibile dividere l’escursione in due giornate sostando al rifugio Coca oppure piantando la tenda nelle vicinanze del Lago di Coca.

Note
Per le persone interessate esclusivamente alla salita al pizzo consigliamo di evitare le giornate di apertura delle cascate del Serio. In questi giorni qualsiasi posteggio a Valbondione diventa a pagamento e al ritorno è molto facile trovare code automobilistiche chilometriche.
Commenti vari
La temperatura notturna il 15 settembre a 2108 Mt. è molto bassa!
   
Ingrandisci
Ingrandisci
L'alba di una splendida giornata dal lago di Coca
Il Pizzo Coca visto dall'omonimo rifugio
   
Ingrandisci
Ingrandisci
Luca e Bertoldo in vetta al Pizzo Coca
Altri alpinisti in vetta
   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.