Monte Rocchetta/Cima SAT
Via ferrata dell'Amicizia (o del Centenario)

Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle del Sarca LocalitÓ di partenza Riva del Garda (TN)
Quota partenza 83 Mt. Quota di arrivo 1276 Mt. (vetta Cima SAT)
Dislivello totale +477 Mt. per la Capanna S. Barbara
+136 Mt. dalla Capanna all'attacco
+580 Mt. la ferrata
Sentieri utilizzati n. 402, 404, 404B, 418
Ore di salita 1 h. 50' per la Capanna S. Barbara
15' dalla Capanna all'attacco
2 h.
la ferrata
Ore di discesa 2 h. 30' dalla vetta al parcheggio
Esposizione Est Giudizio sull'escursione Bella
Data di uscita 15/12/2013 Difficoltà EEA
Sass Balòss presenti
Bertoldo.
Amici presenti
Diego Filippi.
Condizioni climatiche, dei sentieri e delle ferrate

Giornata bella con temperature ideali. I sentieri che si percorrono sono evidenti e la possibilità di perdersi è assai remota. La ferrata presenta un'attrezzatura vetusta ma in buono stato. Le scale presenti non sono in grado di sopportare contemporaneamente più di tre persone. Il sentiero di discesa è comodo ma molto lungo.

Eventuali pericoli
In ferrata è assolutamente vietato cadere... le conseguenze potrebbero essere fatali per via del fattore di caduta molto alto. La ferrata ha un'unica via di fuga ma questa si trova oltre le difficoltà. Qualora si decida di affrontare il percorso a stagione avanzata è utile informarsi sulle condizioni del sentiero di discesa; quest'ultimo potrebbe presentare tratti ghiacciati o innevati.
Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Capanna di Santa Barbara (560 Mt.).
Materiale necessario oltre al tradizionale
Caschetto, imbracatura e set da ferrata completo di dissipatore. Se si percorre la ferrata d'estate portare molta acqua.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione generale
La ferrata dell'Amicizia è una delle prime ferrate attrezzate nel basso trentino. La sua costruzione avvenne nel 1970 per opera del gruppo Rocciatori della sezione della SAT di Riva del Garda. La ferrata fu realizzata in occasione del centesimo compleanno della sezione e per questo fu battezzata "Ferrata del Centenario". Durante la costruzione furono coinvolte numerose persone (sia per il lavoro di trasporto del materiale che per la messa in opera dello stesso). I soci dimostrarono un forte spirito collaborativo e per questo motivo venne, dopo poco tempo, soprannominata "Ferrata dell'Amicizia". Questo toponimo surclassò il precedente ed è tuttora quello in uso.
All'attacco del percorso attrezzato, una targa (con le seguenti parole: "Gli amici del Gruppo Rocciatori SAT Riva ti ricordano sulla tua via") rende memoria all'alpinista Renzo Tonelli morto tragicamente in un incidente stradale nel 1973. Tonelli fu uno degli ideatori e uno dei soci più attivi nella costruzione dell'itinerario.
La ferrata non presenta elevate difficoltà tecniche ma non deve essere sottovalutata; notevole è infatti il dislivello complessivo. Scale
esposte, lunghe e faticose nonché una discesa 'interminabile' richiedono all'escursionista un particolare impegno.
Attacco della ferrata
Gran parte dei parcheggi di Riva del Garda sono a pagamento. E' possibile lasciare la macchina gratuitamente e senza vincoli di orario in via Luigi Negrelli, proprio di fronte alla chiesa.
Da qui seguire la via Trento in direzione di Brescia (Strada Statale 45Bis) che dopo poco diviene Viale Giuseppe Canella e in seguito via Monte Oro. Raggiunta una rotonda (presente una galleria) imboccare la via al Bastione (cartello turistico "Passeggiata al Bastione").
Lungo questa strada lastricata che sale repentinamente a zig-zag corre il sentiero n. 402 che in breve porta al Bastione (211 Mt.). Pochi metri prima di raggiungerlo sulla destra si stacca il sentiero n. 404 che sale in direzione della chiesetta di Santa Barbara e all'omonimo rifugio posto poco sotto la stessa (560 Mt.).
Oltrepassato il rifugio e poco prima di raggiungere la chiesetta prendere il sentiero a destra che conduce all'attacco della ferrata (n. 404B).

Descrizione della ferrata

Superare dei brevi salti rocciosi (due tratti protetti con cavi metallici). Per circa 200 metri seguire una traccia (ometti) che risale un'ampia terrazza con alberi. Raggiunta la parete, superarla sfruttando le due scale (a metà è presente un terrazzino per poter riposare - le scale non sono in grado di reggere più di tre persone contemporaneamente).
Una successiva terrazza consente di portarsi agevolmente verso una successione di scale molto lunghe (e faticose) posizionate lungo una sequenza di diedri che terminano in corrispondenza di un'altra terrazza. Mediante un sentierino raggiungere il filo di cresta che consente di portarsi verso un evidente pilastro (ultimo salto roccioso della ferrata). Qui è possibile abbandonare l'itinerario seguendo una traccia di sentiero che sale verso sinistra. Occorre però tenere presente che le maggiori difficoltà sono già state superate. Una successione di tre brevi scale conduce alla vetta della
cima SAT (bandiera metallica e libro di via).
Discesa
Dalla vetta abbassarsi sul il versante opposto (presenti dei cavi metallici) sino a raggiungere una sella (piazzola dell'elicottero) dalla quale si segue il sentiero in salita sino ad un bivio. Prendere a destra (viso a monte - sentiero dei Crazidei n. 418) che inizia a perdere repentinamente quota e che conduce ad una strada sterrata (sentiero della Pinza - n. 402). Costeggiare le pareti (verso destra) sino a raggiungere il sentiero percorso durante l'avvicinamento e mediante quest'ultimo rientrare al parcheggio.

Note
La ferrata era già stata percorsa da Omar e Guglielmo nel settembre 2001.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Salendo si ha un'ottima visuale del lago di Garda

Diego lungo la prima scala

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Giochi d'ombra lungo le ripide scale

Diego sulla cresta che conduce all'ultimo salto

   

Ingrandisci

Il tracciato della ferrata sull'imponente parete est del Monte Rocchetta

   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.