Cima d'Ambiéz - Via della Soddisfazione

 
Zona montuosa Dolomiti di Brenta Località di partenza Ristoro Dolomiti, loc. Baesa
San Lorenzo in Banale (TN)
Quota partenza 850 Mt. Quota di arrivo 3080 Mt. circa (3102 Mt. la vetta)
Dislivello totale +970 Mt. dal parcheggio al rif. Cacciatore
(eventuale servizio taxi jeep)
+590 Mt. dal rif. Cacciatore al rif. Agostini
+290 Mt. circa dal rif. Agostini all'attacco
+380 Mt. la via (415 lo sviluppo)
Sentieri utilizzati n. 325 e 358
Ore di salita

2 h. dal parcheggio al rif. Cacciatore
(25' in jeep)
1 h. 15' dal rif. Cacciatore al rif. Agostini
40' h. dal rif. Agostini all'attacco
7 h. 30' la via

Ore di discesa 2 h. dalla vetta al rif. Agostini
45' dal rif. Agostini al rif. Cacciatore
1 h. 30' dal rif. Cacciatore al parcheggio
(25' in jeep)
Esposizione Est Giudizio sull'ascensione Ottima, di grande soddisfazione
Data di uscita 14/08/2016 Difficoltà V, VI
Sass Balòss presenti
Luca.
Amici presenti
Claudia.
Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Bella giornata molto serena. I sentieri che si percorrono sono evidenti, ben segnalati ed in ottimo stato.
La roccia in via è eccezionale: la Val d'Ambiéz (in particolar modo la Cima d'Ambiéz) è una delle zone con la roccia più bella di tutte le dolomiti! L'unica eccezione è per la prima parte di L6 dove occorre essere un po' "delicati" con le prese.

Eventuali pericoli
Soliti da arrampicata in ambiente. Prestare attenzione a non smuovere sassi dalle cenge detritiche durante la discesa dalla via Normale. La discesa seguendo la via Normale è molto articolata ed esposta e, in condizioni di scarsa visibilità, potrebbe essere difficile individuarne il giusto percorso.
Presenza di acqua
Al rifugio Agostini presente una fontana con scritta "non potabile". Chi è abituato a bere acqua dai torrenti di montagna non incapperà in nessun mal di pancia improvviso in quanto è acqua che proviene dalla fusione della soprastante "vedretta d'Ambiéz" e non passa i test di potabilità per mancanza di sali minerali.
Punti di appoggio
Rifugio Cacciatore (1820 Mt., 50 posti) e rifugio Silvio Agostini (2410 Mt., 57 posti, tel. 0465734138). Quest'ultimo risulta particolarmente indicato per pernottare nel caso si trascorra più di un giorno ad arrampicare su queste bellissime pareti.
Materiale necessario oltre al tradizionale

Normale dotazione alpinistica. Necessaria una serie di friends (da 0.3 a 3 Camalot) e alcuni cordini per le clessidre.

Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
La Cima d'Ambiéz è senza dubbio la più frequentata dell'omonima valle. Sull'imponente scudo della sua parete est sono stati tracciati, nel corso degli anni, decine di itinerari. La caratteristica principale che li accomuna tutti è la stupenda qualità della roccia che si presenta molto ruvida e solida.
La via della Soddisfazione sale nella zona centrale e di massimo sviluppo della parete stando appena a destra dell'evidente colata nera dove passano le vie Linea nera e Sogno libero. Salita in un primo tentativo nel febbraio 1982 da Andrea Bosetti, Elio Orlandi e Livio Rigotti è poi stata terminata il 7 luglio 1982 dai tre con la partecipazione anche di Ermanno Salvaterra. L'itinerario originale, nato col concetto della salita a "goccia", presenta un primo tiro sotto la verticale della colata nera molto impegnativo e con dei passaggi in artificiale (V+ e A2/VII e A1). Attacco attualmente un po' accantonato dai comuni ripetitori a favore del raccordo più semplice a logico che segue la prima lunghezza della via Stenico/Girardi. Arrampicata elegante e tecnica, a tratti anche atletica, su difficoltà sempre molto costanti e con chiodatura tradizionale e decisamente ridotta. E' fondamentale sapersi proteggere bene con protezioni veloci. Le soste sono tutte presenti ed in alcuni casi facilmente integrabili con clessidre o friend.
Un itinerario di sicura "soddisfazione".
Attacco, descrizione della via
Dal San Lorenzo in Banale (TN) si seguono le indicazioni per il ristoro Dolomiti dove è presente un ampio parcheggio. Da qui si imbocca la strada carrozzabile e si sale fino al rifugio Cacciatore. Questo tratto (circa 2-2,5 h.) è evitabile usufruendo del servizio taxi jeep. Dal Cacciatore si imbocca il sentiero n. 325 che sale al rifugio Silvio Agostini. E' anche possibile seguire la strada carrozzabile (n. 325 bis) che compie un giro più ampio. Il rifugio è contornato da molte cime. La Cima d'Ambiéz è forse la più imponente, già ben visibile anche dal rifugio Cacciatore, e si presenta con una grossa e compatta muraglia. Dal rifugio Agostini si imbocca il sentiero 358 che sale in direzione della vedretta d'Ambiéz. Si costeggiano le pareti sul lato sinistro del vallone (viso a monte) fino a giungere sotto lo zoccolo della Cima d'Ambiéz. Lo si supera facilmente con l'ausilio di tre brevi tratti attrezzati, che permettono di evitare di transitare sulla vedretta, e si giunge alla base della parete vera e propria. Si percorre brevemente la cengia verso sinistra (senza arrivare a un tratto molto esposto) fermandosi in corrispondenza di una piccola nicchia con crocefisso di legno, una targa in memoria del ventenne Michael Bottamedi e una sosta formata da 2 chiodi+cordone+moschettone. Questo non è l'attacco originale ma quello in comune con la via Stenico/Girardi e Magico Alverman che, in realtà, ha quasi sostituito quello originale.

1° tiro:
prendere la breve fessura/diedro a destra della sosta. Al suo termine alzarsi 4 o 5 metri e obliquare a sinistra fino alla sosta (3 chiodi).
35 Mt., IV+, V, 4 chiodi.

2° tiro:
seguire la fessura sulla sinistra formata da un vago pilastrino. Al suo termine netto traverso a sinistra raggiungendo la fessura dove si sosta (2 chiodi+cordoni). 25 Mt., IV, 1 dado incastrato.

3° tiro:
da qui si riprende l'itinerario originale.
Seguire la fessura fino al primo chiodo (circa 6 metri) indi obliquare a sinistra su muro nero con ottime prese. Successivamente superare uno strapiombino spostandosi leggermente a destra e seguire ancora una fessura spostandosi, dopo i primi metri, sulla destra. Continuare fino a raggiungere un comodo terrazzino di sosta (3 chiodi).
50 Mt., V, V+, IV+, 2 chiodi, 1 clessidra con cordone, 1 sosta intermedia (2 chiodi+cordone).

4° tiro:
portarsi sotto lo strapiombino e superarlo direttamente. Appena oltre traversare a destra fino a prendere una fessura; in alternativa alzarsi su bella placca a buchi spostandosi a destra più in alto. Seguire la fessura fino alla sosta (1 clessidra con cordone e 2 chiodi+cordini nella fessura sulla destra). 45 Mt., VI, V+, V, 3 chiodi, 1 clessidra con cordone.

5° tiro:
per placchette e rocce articolate, cercando i passaggi più semplici, salire fino un'esile cengia alla base dell'imponente muro giallo/nero che caratterizza i tiri successivi. Noi, verso la fine del tiro, ci siamo spostati leggermente verso destra raggiungendo una sosta (3 chiodi+cordone). Alla stessa altezza, circa 10 metri più a sinistra, c'è un'altra sosta. 40 Mt., IV+, IV.

6° tiro:
aggirare lo strapiombino a sinistra e poi salire tendendo leggermente a destra fin sotto un altro strapiombino. Superarlo direttamente e spostarsi subito a sinistra con movimento delicato. Ci si alza ancora qualche metro e si traversa a sinistra raggiungendo la sosta (3 chiodi). Sulla prima parte del tiro bisogna essere un po' delicati con le prese. 35 Mt., V, V+, VI-, V+, 3 chiodi.

7° tiro:
seguire la fessura molto verticale fino una cornice. Alzarsi con passo atletico e, seguendo la placca a buchi, spostarsi un po' a destra fino a raggiungere la sosta (1 chiodo+1 clessidra+cordino) sulla sinistra di una grossa nicchia gialla. All'interno della nicchia visibili i 2 chiodi della vecchia sosta. 40 Mt., V+, 4 chiodi (2 dei quali vicini), 2 clessidre con cordone.

8° tiro:
per la sovrastante placca obliquando a destra e poi puntare ad un diedrino sulla sinistra. Al suo termine si supera un'ostica placca oltre la quale si sale verso destra su rocce più semplici fino a raggiungere una cornice dove si sosta (2 chiodi).
40 Mt., V-, V+, V, 2 chiodi, 1 clessidra con cordone, 1 dado incastrato.

9° tiro:
obliquare a sinistra per placchette fino alla base di un canalino dove si sosta (1 grossa clessidra con cordone).
30 Mt., V, IV+, 1 chiodo.

10° tiro:
alzarsi brevemente nel canalino, uscire a destra e, seguendo i punti più deboli, raggiungere la larga cengia detritica dove si sosta (da attrezzare). 35 Mt., IV, IV+.

11° tiro:
seguendo il canalino che si trova sulla sinistra, oppure i risalti sulla destra, si sale facilmente fino al grosso cengione dove terminano le difficoltà. Sosta da attrezzare. 40 Mt., IV, III.

Seguire la cengia verso sinistra (viso a monte, ometti) fino a raggiungere la via Normale mediante la quale è possibile raggiungere in breve la vetta (10') oppure iniziare direttamente la discesa.
Discesa

Avviene seguendo la via Normale lungo la cresta sud con percorso a zig-zag (numerosi ometti). Passaggi molto esposti di II, difficile individuare il giusto percorso in caso di nebbia. Giunti sulla larga cengia detritica sopra la forcella tra Cima e Denti d'Ambiéz è possibile sfruttare delle calate in corda doppia. Vicino ad un grosso ometto si trova l'ancoraggio della prima doppia (1 spit+1 clessidra+cordone+maglia rapida). Si scende per 55 Mt. fino ad una cornice. Si raggiunge il vicino canale individuando il successivo ancoraggio (3 chiodi+cordoni+moschettone) su uno sperone nel centro del canale. Da qui è sufficiente una calata di 30 Mt. e poi si scende per roccette (II, possibile ulteriore calata) giungendo in breve alla cengia che riporta all'attacco. Da qui, a ritroso mediante lo stesso percorso d'avvicinamento, si ritorna al rifugio Agostini e quindi al parcheggio.

Commenti vari
Ottima la gestione del rifugio Agostini. Il rifugista Roberto conosce bene le vie della zona e la cucina è ottima e abbondante.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

Claudia sulla seconda lunghezza (variante d'attacco)

Luca all'inizio del bellissimo secondo tiro

 

 

Ingrandisci

Ingrandisci

Claudia nel centro della terza lunghezza

Quarta lunghezza

Ingrandisci

Ingrandisci

La fessura che conduce alla quarta sosta

Luca sul quinto tiro. Visibile la cordata che ci precede alla S6

Ingrandisci

Ingrandisci

Gli ultimi, verticali metri, del sesto tiro

L'aerea fessura iniziale della settima lunghezza

Ingrandisci Ingrandisci
Nona lunghezza Luca e Claudia a pochi metri dalla vetta della Cima d'Ambiéz

Ingrandisci

La Cima d'Ambiéz con i tracciati delle vie: Patacorta, Fox/Stenico, Vienna e della Soddisfazione

 

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.