Bivacco Bottani-Cornaggia

Zona montuosa Alpi Retiche Nord Occidentali - Costiera dei Cech Località di partenza Poira di Civo (SO)
Quota partenza 1077 Mt. Quota di arrivo 2327 Mt.
Dislivello totale 1250 Mt. Data di uscita 06/05/06
Ore di salita 2 h. 45' Ore di discesa 1 h. 30'
Sentieri utilizzati n. 23 Giudizio sull'escursione Bella
Sass Balòss presenti Omar, Gölem Difficoltà E
Condizioni climatiche e dei sentieri
Buona la segnaletica, con bolli bianchi e rossi e cartelli gialli posti nei punti giusti. Sentieri comodi e ben tracciati, salvo la parte finale nella conca sotto al bivacco dove la traccia diviene labile e il percorso più libero.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
In contrasto con il nome, alla località Prà Such (prati asciutti...) troverete un bel torrentello, ma sconsigliamo di attingere acqua nella stagione dei pascoli, in quanto poco sopra si potrebbero trovare animali che si abbeverano allo stessa fonte di acqua. Anche nella bella conca sotto il bivacco vi è molta acqua che scende dalle pendici sovrastanti. Al bivacco potete trovare altra acqua di fusione, o far sciogliere la neve con il fornello del bivacco.
Punti di appoggio
In località Prà Such (1659 Mt.), troviamo una bella baita presso cui riparaci. Poco sopra, altre 3 baite ci possono offrire accoglienza in caso di necessità. All'Alpe Visogno (2050 Mt.) troviamo 2 baite, e circa 40 minuti dopo il bivacco di metallo, dotato di letti, luce, fornello, piccola dispensa e tegami.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Nulla.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione Generale

Camminata di media durata, con un buon dislivello, ma priva di ogni difficoltà. La prima parte si sviluppa lungo un ripido bosco che non ci lascia mai riposare. Dopo il bosco si ha un cambio repentino del paesaggio che da boscoso diviene più aspro e selvaggio. Alla sommità della seconda conca che si supera, si trova il piccolo e spartano, ma accogliente, bivacco Bottani-Cornaggia. Bello il panorama sul versante nord delle Orobie.

Descrizione Percorso

Lasciata l'auto nei pressi della piccola chiesetta di Poira di Civo, località di villeggiatura a pochi chilometri da Mello, in Valtellina, si scende lungo il percorso appena fatto in automobile per circa 100 Mt. Poco prima del campo sportivo, un cartello giallo ci invita a dirigerci lungo il sentiero che conduce al bivacco Bottani e ai Tre Cornini. Subito si entra in un bel bosco di pini ed abeti. La pendenza, in breve diviene piuttosto sostenuta e rimarrà tale fino alla località Prà Such. Lungo il bosco incontreremo prima conifere, poi latifoglie miste, più in alto betulle, poi nuovamente conifere, solo una cosa non cambia mai: la pendenza. Dopo poco più di 1 ora si esce dal bosco e con un breve tratto in mezzacosta, dal quale si gode un bel panorama sulla Valtellina e sulle Orobie, si giunge a Prà Such. Si supera una baita e si punta alle tre baite poco sopra questa. Qui è possibile salire direttamente lungo il breve prato, oppure, rimanendo alla sua sinistra e con un percorso un poco più lungo, aggirare il prato e sbucare poi alle baite. Nei pressi delle baite un cartello ci fa proseguire e rientrare nel bosco. La pendenza ora è minore e, attraversando un tratto colpito da un grosso e vistoso incendio, si giunge all'inizio di un vallone ricco di eriche e arbusti. Risalendo il vallone si incontra una vasca metallica piena d'acqua, la si supera e si continua rimanendo sul lato destro della valle. Poco dopo i bollini, non ben visibili in questo tratto, ci portano sul lato opposto e con un breve tratto si aggira il costone alla nostra sinistra. Da qui si possono ben vedere i Tre Cornini, tre rocce che si stagliano contro il cielo lungo il profilo della cresta di fronte a noi. Giunti all'Alpe Visogno, una bella conca erbosa e umida nella parte bassa e rocciosa in quella alta, si presenta davanti ai nostri occhi. Alzando lo sguardo e cercando bene tra le rocce lontane si può già scorgere il bivacco di colore arancione. Attraversata la parte pianeggiante della conca, e dopo esserci portati sul suo lato sinistro, si rimonta il pendio su tracce, tra rocce affioranti ed erba scivolosa, fino alla terrazzata finale dove sorge il rifugio. Pochi metri ancora tra grosse rocce e arriviamo al piccolo bivacco Bottani.
Discesa
La discesa, salvo piccole varianti nella prima parte a seguito della possibilità di scendere con percorso libero fino all'Alpe Visogno, ripercorre la strada della salita

Commenti vari
In teoria il bivacco è chiuso e le chiavi sono da chiedere all'albergo Bellavista nei pressi di Poira di Civo, ma noi, come credo altri, grazie alla generosità dei proprietari, abbiamo trovato la porta aperta.
Note
Una volta giunti al bivacco, vi potrete rifocillare e riposare grazie alla presenza di alcuni generi alimentari (pasta, riso, thè, caffè...), coperte e vettovaglie messe a disposizione dai volontari del GAM (Gruppo Aquile Morbegno) di Morbegno.
Ingrandisci
Ingrandisci
Località Prà Such
Ma smettila!!!
Ingrandisci
Ingrandisci
All'inizio dell'ultima conca
Sullo sfondo l'alpe Visogno
Ingrandisci
Ingrandisci
Ultimi metri
Omar stanchino al bivacco
Ingrandisci
Foto di rito
 

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.