Cornone di Blumone

Zona montuosa Adamello/Presanella LocalitÓ di partenza Malga Cadino (BS)
Quota partenza 1799 Mt. Quota di arrivo 2843 Mt.
Dislivello totale +1044 Mt. Data di uscita Estate 2000
Ore di salita 4 h. Ore di discesa 3 h.
Sentieri utilizzati n. 19, 1 (ex 18), 28 Giudizio sull'escursione Molto bella
Sass Balòss presenti Omar, Gölem Difficoltà EE
Amici presenti
Dario.
Condizioni climatiche e dei sentieri
Sentieri comodi e ben segnalati. Il nevaio era ricco di neve dura.
Eventuali pericoli
Nessuno.
Presenza di acqua
Al Rifugio Tita Secchi.
Punti di appoggio
Nei pressi del Lago della Vacca si trova il rifugio Tita Secchi.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Ramponi.
Caratteristiche dell'escursione

Descrizione Percorso
Dopo aver parcheggiato nei pressi della Malga Cadino ci si incammina nella bella Valle di Cadino lungo una strada sterrata (n. 19), un po' noiosa e quasi pianeggiante, serpeggiante tra prati e pascoli. Volendo è possibile evitare la sterrata, spesso percorsa da automezzi fin dove è carrozzabile, camminando poco sotto vicino al torrente. Arrivati sopra i laghetti Moie la sterrata termina divenendo sentiero. Un tratto di questo è ricoperto da una sabbia bianca molto fine e particolare che è il risultato del disfacimento delle candide rocce calcaree della Corna Bianca: bel torrione posto proprio sopra i prati spesso ricchi di stelle alpine. Il sentiero, ora più stretto e con vari saliscendi, alterna tratti erbosi a zone umide e quasi paludose. Terminato il tratto su erba, si inizia a salire con tornanti ampi sul fianco destro della vallata su terreno leggermente friabile. Si giunge così all'ampio Passo della Vacca (il nome deriva da una roccia il cui profilo ricorda vagamente un bovino). Dal passo è già possibile vedere la severa e nera parete Ovest del Cornone di Blumone. Si seguono le indicazioni che dal passo in poco più di 10 minuti conducono al Lago della Vacca, transitando per pietraie e poi scendendo sotto la diga per risalire e giungere al rifugio Tita Secchi (2362 Mt.), di proprietà della società Ugolini di Brescia. Si supera il rifugio imboccando il celebre sentiero n.1 dell'Adamello, che inizia proprio qui, aggirando il lago verso destra. Dalla sponda del lago si rimonta, con vari tornanti faticosi su terreno sassoso e granitico, il pendio della conca fino al Passo di Blumone (2600 Mt. circa). Dal passo si prende a destra una traccetta (segnavia n.28) su roccette molto facili seguendo gli evidenti bolli rossi fino alla cima molto panoramica.
A metà della salita finale, si scende su un piccolo nevaio, lo si attraversa per poi risalire a destra per le ultime divertenti roccette.

Note
In annate molto nevose, è probabile trovare ancora molta neve dura nel tratto sotto la vetta, in questo caso possono essere utili i ramponi.
Commenti vari
Il posto è bellissimo. Si incontra purtroppo molta gente fino alla selletta sopra il lago, specie in estate.
   
Ingrandisci
Ingrandisci
La caratteristica Vacca posta al passo omonimo
La valle di Cadino con la Corna Bianca
   
Ingrandisci
Ingrandisci
La massiccia parete del Blumone vista da lontano
Il lago della Vacca visto dalla vetta del Blumone
   

Il contenuto di questo sito (testo, elementi grafici, immagini, ecc.) così come il modo in cui i contenuti sono presentati e formati è di esclusiva proprietà del gruppo SassBalòss ed è protetto dalle leggi italiane ed internazionali in particolare da quelle in materie di copyright. E' consentita la consultazione. Sarà concessa la duplicazione, anche parziale, solo dopo esplicita richiesta; in tal caso dovrà essere espressamente indicata, sulle copie realizzate, la provenienza della fonte ossia il sito internet www.sassbaloss.com. Ogni utilizzazione diversa da quelle sopra previste quindi (indicativamente: la distribuzione a terzi e/o la pubblicazione a scopo di lucro, la modificazione, l'elaborazione in qualunque forma e modo) deve considerarsi abusiva e sarà perseguita a norma delle vigenti leggi.