Coste dell'Anglone/Piramide Lakshmi - Diedro Rosso

Zona montuosa Prealpi Trentine - Valle del Sarca Localitą  di partenza Località Oltra - Dro (TN)
Quota partenza 130 Mt. circa Quota di arrivo 420 Mt. circa
Dislivello totale

+90 Mt. circa per l'attacco
+200 Mt. la via (245 lo sviluppo)

Sentieri utilizzati n. 425
Ore di salita 15' per l'attacco
4 h. 40' la via
Ore di discesa 40'
Esposizione Est Giudizio sull'ascensione Sufficiente
Data di uscita 13/10/2013 Difficoltà VI, VI+
Sass Balòss presenti
Luca, Bertoldo.
Amici presenti

Alessandro, Claudia.

Condizioni climatiche, dei sentieri e della roccia

Giornata nuvolosa ma con temperature gradevoli. I sentieri che si percorrono sono molto evidenti: quello di discesa presenta dei tratti attrezzati con fune metallica. La roccia in via è generalmente buona (ottima sulle lunghezze chiave).

Eventuali pericoli

Soliti da arrampicata in ambiente. Prestare attenzione a qualche terrazza detritica.

Presenza di acqua
No.
Punti di appoggio
Nessuno.
Materiale necessario oltre al tradizionale
Normale dotazione alpinistica. Eventualmente portare un minimo assortimento di friends (medio/piccoli) ma noi non ne abbiamo usati.
Caratteristiche dell'arrampicata

Descrizione generale
Itinerario aperto nel 2009 da Mario Brighente con Toni Zanetti e D. Pasetto. La via è caratterizzata da un diedro di roccia rossa che, oltre a regalare un'arrampicata entusiasmante, rappresenta anche una parte del tratto chiave della salita. Le altre lunghezze invece si snodano tra i punti deboli della parete e sono un po' discontinue. Tutte le soste sono attrezzate a fix mentre la chiodatura sulle lunghezze è tradizionale con chiodi e clessidre: solo il quarto e quinto tiro sono ottimamente protetti con fix
.
Attacco, descrizione della via
Da Arco di Trento risalire la Valle del Sarca. Superare Ceniga ed entrare in Dro, poi raggiungere il campo sportivo in località Oltra e parcheggiare. Incamminarsi lungo l'evidente strada forestale ed in breve raggiungere un bivio al quale si svolta a destra in direzione di Pietramurata. Camminare per circa 5 minuti sino ad incontrare sulla sinistra un ometto (lettera "D" e freccia in vernice rossa). Risalire lungo tracce non sempre evidenti sino alla base della parete (bolli rossi). Costeggiarla verso destra (superando la via "Sofia" - scritta alla base) sino a raggiungere l'attacco posto sotto un tetto ad arco (presente una grossa clessidra con cordone a due metri da terra).

1° tiro:

salire il diedro a destra della clessidra sino alla pianta. Traversare verso destra stando sotto gli strapiombi gialli e, al loro termine, salire il muretto (passo delicato) e poi spostarsi leggermente a destra salendo un vago canalino sino alla sosta (2 fix di cui 1 con anello).
40 Mt., V, V+, 6 clessidre con cordone, 4 chiodi.

2° tiro:
seguire il canalino terroso. Appena possibile spostarsi a sinistra sino ad una bella placca che si risale fino al suo termine. Raggiunta una cengia traversare verso sinistra sino alla sosta (2 fix) sotto ad uno strapiombo.
40 Mt., IV, V, II, 1 chiodo, 3 clessidre con cordone, 1 pianta con cordone.

3° tiro:
aggirare lo strapiombino sulla sinistra e riportarsi sopra la verticale della sosta. Proseguire lungo un vago diedrino sino alla sosta successiva (1 fix con anello). 25 Mt., IV, 2 clessidre con cordone.

4° tiro:
obliquare a destra e proseguire lungo il bel diedro sino alla sosta posta su di una cengetta con albero (2 fix di cui 1 con anello+cordone).
40 Mt., VI, 6 fix, 2 chiodi, 1 arbusto con cordino, 1 clessidra con cordino.

5° tiro:
alzarsi sulla placca a destra per circa 4 Mt. e poi traversare verso destra. Aggirare uno spigoletto e, per facile rampa, salire fino alla sosta (2 fix di cui 1 con anello+cordone). 25 Mt., VI+, VI, 6 fix, 1 chiodo.

6° tiro:
seguire la facile rampa verso destra sino al suo termine dove si sosta (2 fix di cui 1 con anello+cordone).
20 Mt., III, 2 clessidre con cordone, 1 chiodo.

7° tiro:
superare il muretto sopra la sosta e il successivo diedrino. Continuare poi in obliquo verso sinistra fino al termine delle difficoltà dove si sosta (da attrezzare su pianta o spuntone). 55 Mt., V, IV, III, II, 2 clessidre con cordone, 1 chiodo.
Discesa
Dal termine della via alzarsi alcuni metri fino a raggiungere una zona di ghiaie. Qui camminare verso sinistra in direzione di Arco. La traccia (rari ometti e bolli rossi) diviene via via più marcata, perde leggermente quota, e si congiunge al sentiero delle Cavre (n. 425) che si segue verso valle (qualche tratto attrezzato). Raggiunta la pista ciclabile (cappella in loco) si prende a sinistra e subito dopo a destra ritornando così al campo sportivo di Dro.

Note
Itinerario sicuramente sconsigliato nel periodo estivo causa l'eccessivo caldo.
   

Ingrandisci

Ingrandisci

A sinistra Ale all'inizio della prima lunghezza, a destra Matteo a pochi metri dalla sosta

   

Ingrandisci

Ingrandisci

Il bel diedro del quarto tiro

   

Ingrandisci

Ingrandisci

L'impegnativa placca della quinta lunghezza

Claudia gira lo spigoletto a metà del quinto tiro

Ingrandisci

Ingrandisci

Luca supera il diedrino dell'ultima lunghezza

Dettaglio della parete con il tracciato della via